Ascolti amArgine: Everyday di Asap Rocky (feat. Rod Stewart, Miguel, Mark Ronson) – 2015

A volte le cover in chiave moderna che mia figlia Carolina mi propone, sono autentici stupri. In questo caso no, direi che si è trattato di un ottimo lavoro sulla In a Broken Dream di Rod Stewart.

OGNI GIORNO

Ogni giorno passo il mio tempo bevendo vino
sentendomi bene
aspettando qui di trovare un segno
che dovrei interpretare con calma

oh dimenticalo, è andato
in un’altra dimensione della mia mente…
del mio corpo, della anima, imprigionato nel mio occhio
probabilmente diventerà balistico, ma ascolta
sto perdendo un paio di vite
non hanno mai sognato il vero, tu sorseggi il vero
ma oltre la saggezza io faccio faccio faccio
faccio andare, premendo gli interruttori, avanzando verso i fossi, soffiando baci
alle puttane, tieni i biscotti, qual è l’affare che
bippa il sistema, imputati a freddo
soffia i sintomi, vai in prigione
vai in chiesa, prega per il padre, Signore perdonaci
e solo Dio può giudicarmi
e non gli piace niente di brutto
sto così fottutamente bene, le più grandi dighe mi fotteranno amico
si sono un pezzo di merda
so che invoco il quinto
le ho detto: “Holla se hai bisogno di un po di cazzo”
la devozione sta diventando disperazione
guarda, sono sempre più vicino
la mia anima sta vedendo fantasmi
un assolo è ora un poeta
un’overdose di ipnosi su pozioni
adeguando i movimenti
e scacciando tutte le emozioni

ogni giorno passo il mio tempo bevendo vino
sentendomi bene
aspettando qui di trovare un segno
che posso capire
si, io posso

ogni giorno passo il mio tempo bevendo vino
sentendomi bene
aspettando qui di trovare un segno
che dovrei prendere con calma

questo tipo di merda, fa il negro, vuole colpire da settembre ad agosto
questo tipo di merda li ha fatti scappare via dal gancio nel centro dell’ufficio
e un messaggio per i dirigenti
il nuovo completo per disadattati è sulla bloglist
zappe raffinate, continua a dire che costano
per la Porsche che li sta nausando
in più non sono neppure ancora matto, i n*gri mi hanno preso di buon umore
i paparazzi vogliono infastidire un negro spaventando al controllo della borsa
mi vogliono mostrare nelle mie belle scarpe
quando papino ha ottenuto il marchio della nuova borsa
pubblicizza il nuovo marchio di stracci ottenuto
queste sono buone notizie
di solito non piaci ai ragazzi col cappuccio
come finalmente riuscirò a fare un affare e tornare e tutto il cappuccio ti assomiglia
gridando pimp squad mettila a terra
non puoi guidare, puttana sono legalmente cieco puttana
se me ne andrò o morirò, tocca a me deciderlo
n*egri di merda catturano pistole siccome è legale comprarle
l’unica soluzione per sopravvivere è diventare un pezzo della torta
è essere molto d’accordo con loro o semplicemente credere nella facciata, p*uttana
e starò bene solo bevendo il mio vino, p*uttana

ho avuto l’amore degli uccelli che cinguettano fuori dalla finestra
ma non ho bisogno dell’amore, non più
starò bene
sorseggiando vino
passando il tempo lentamente

ogni giorno passo il mio tempo bevendo vino
sentendomi bene
aspettando qui di trovare un segno
che posso capire
si, posso
prendendo il mio tempo con calma

TESTO ORIGINALE

Everyday I spend my time
Drinking wine, feeling fine
Waiting here to find the sign
That I can understand
Yes I am

So everyday I spend my time
Drinking wine, feeling fine
Waiting here to find the sign

That I should take it slow

Off again did he go
To another dimension my mind
Body, soul imprisoned my eye
Probably going ballistic but listen
I’m missing a couple of screws
They ain’t never do dreaming true, you been sipping away at the truth
But besides the wisdom I do-do-do
Rolling do, hitting switches, rolling ditches, blowing kisses
To the bitches, hold the biscuits, what’s the business
Beat the system, cold defendants
Blow the symptoms, go to prison
Go to church and pray to father Lord forgive us
And only God can judge me
And he don’t like no ugly
I look so fucking good most dykes’ll fuck me buddy
Yeah I’m a piece of shit
I know I plead the fifth
I tell her holla if ya need some dick
The devotion it’s getting hopeless
Behold it I’m getting closest
My soul is I’m seeing ghosts
A solo is now a poet
Hypnosis overdose on potions

Adjusting to the motions
And getting out all my emotions

Everyday I spend my time
Drinking wine, feeling fine

Waiting here to find the sign
That I can understand
Yes I am

So everyday I spend my time
Drinking wine, feeling fine
Waiting here to find the sign
That I should take it slow

This type of shit make a nigga wanna flip September through August
This type of shit got ‘em busting off the clip in the middle of the office
And a message to the bosses
The Misfits new outfit is on the bloglist
Gorgeous hoes, keep the saying that they cost it
For the Porsche’s get em nauseous
Plus I ain’t even mad yet, niggas caught me in a good mood
Paparazzi wanna nag a nigga chillin’ at the bag check
Wanna show me in my good shoes
When papa got the brand new bag
Flacko got the brand new rag
That’s good news
Hood dudes usually don’t look like you
How I’m finna get a deal and come back and the whole hood look like you
Screaming “Pimp Squad, hold it down!”
Can’t drive, bitch I’m legally blind bitch

If I leave or die, it’s up to me to decide
Shit niggas copping guns like they legal to buy
The only key to survive in getting a piece of the pie
Is to agree with them a lot or just believe a facade bitch
And I’ll be fine just drinking my wine bitch

I got the love birds chirpin’ out the window
But I don’t need love no mo
I’ll be fine
Sipping wine
Taking time slow

I got the love birds chirpin’ out the window
But I don’t need love no mo
I’ll be fine
Sipping wine
So everyday I spend my time
Drinking wine, feeling fine
Waiting here to find the sign
That I can understand
Yes I am

Everyday I spend my time drinking wine
Feeling fine
Waiting here to find the sign

I don’t care if I ever know

I got the love birds chirpin’ out the window
But I don’t need love no mo
I’ll be fine
Sipping wine
Taking time slow
I got the love birds chirpin’ out the window
But I don’t need love no mo
I’ll be fine
Sipping wine
Taking time slow

Ascolti amArgine: Les histoires d’amour – Les Rita Mitsouko (1987)

Rita Mitsouko è stato un duo di autori-compositori-esecutori francese composto da Catherine Ringer e Fred Chichin. Fondato nel 1979, il duo è particolarmente popolare dal 1980. La morte di Fred Chichin nel 2007 segna la fine del gruppo dopo 28 anni di carriera. Questo brano è del 1986, e sa fondere in perfetto equilibrio canzone francese e influenze punk e new wave. Buon ascolto.

LE STORIE D’AMORE

Valerie era annoiata
tra le braccia di Nicolas
ma Nicolas, il
non sapeva che Isabell
lo ha aspettato, aspettato
finché non è riapparso Patrick

Le storie d’amore
Storie d’amore finiscono male
Storie d’amore finiscono male in generale

Michel ha amato Gerard
E Gerard è stato così bene
Che alla fine non ha fatto nulla
L’uomo in grigio sorrise.

Gilbert partì per un viaggio di piacere
proprio il giorno del suo matrimonio
Hector è morto durante una fuga
Stava andando a trovare Gertrude
Simone e Tom engueulaient
Non appena venti ore suonavano

Le storie d’amore finiscono male in generale

TESTO ORIGINALE

Valérie s’ennuyait
Dans les bras de Nicolas
Mais Nicolas, celui-là
Ne le savait pas
Isabelle a attendu, attendu
Mais Patrick n’est jamais reparu

Les histoires d’A
Les histoires d’amour
Les histoires d’amour finissent mal
Les histoires d’amour finissent mal en général

Michel aimait Gérard
Et Gérard le lui rendait si bien
Qu’à la fin ça ne rendait rien

Que le monsieur en gris lui sourit

Gilbert partit en voyage
Juste au moment de son mariage
Hector est mort en faisant une fugue
Il allait retrouver Gertrude
Simone et Tom s’engueulaient
Dès que vingt et une heures sonnaient

Les histoires d’amour finissent mal en général
Les histoires d’amour finissent mal en général
Les histoires d’amour finissent mal en général
Les histoires d’amour finissent mal en général

Ascolti amArgine: Last Train To Nuremberg di Pete Seeger (1970)

Pete Seeger, degno continuatore del grande cantautorato di Woody Guthrie, suggerisce che il tenente Calley, il capitano Medina e il generale Koster, responsabili del massacro di My Lai, debbano essere processati come i nazisti a Norinberga insieme allo stesso presidente Nixon, alle due camere dei rappresentanti che avevano votato la guerra e infine tutto il popolo americano che con il suo voto aveva legittimato tali crimini.

Ultimo treno per Norimberga

Ultimo treno per Norimberga !
Tutti a bordo !

Ma chi vedo ? Il tenente Calley ?
Ma chi vedo ? Il capitano Medina ?
Ma chi vedo ? Il generale Koster e la sua banda ?
Ma chi vedo ? Il presidente Nixon ?
Ma chi vedo ? Tutte e due le camere ?
Ma chi vedo ? I votanti, io e te ?

Ultimo treno per Norimberga !
Tutti a bordo !

Chi teneva il fucile ? Chi ha dato gli ordini ?
Chi ha programmato di far tabula rasa ?
Chi ha fabbricato i proiettili ? Chi ha pagato le tasse ?
Dimmi, questo sangue ricade sulle mie mani ?

Ultimo treno per Norimberga !
Tutti a bordo !

Se cinquemila madri andassero a Washington
e dicessero « Riportate subito i nostri ragazzi a casa ! »
quello che son venute a vedere direbbe che è troppo occupato ?
Direbbe che deve guardare una partita di football ?

Testo originale

Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
All on board!

Do I see Lieutenant Calley?
Do I see Captain Medina?
Do I see Gen’ral Koster and all his crew?
Do I see President Nixon?
Do I see both houses of Congress?
Do I see the voters, me and you?

Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
All on board!

Who held the rifle? Who gave the orders?
Who planned the campaign to lay waste the land?
Who manufactured the bullet? Who paid the taxes?
Tell me, is that blood upon my hands?

Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
Last train to Nuremberg!
All on board!

If five hundred thousand mothers went to Washington
And said, “Bring all of our boys home without delay!”
Would the man they came to see, say he was too busy?
Would he say he had to watch a football game?

Ascolti amArgine: These days – Joy Division (1980)

Questi giorni sono così, stanno un po’ in bilico tra merda e merda. Buon ascolto.

QUESTI GIORNI

La mattina sembra strana, quasi fuori luogo.
Ho cercato intensamente te e i tuoi modi speciali.
Questi giorni.

Ho perso tutto il mio tempo, ho imparato l’arte omicida.
Ho subito minacce ed abusi finché ho imparato la parte.
Puoi restare in questi giorni?

Ho usato l’ inganno esterno per andare via,
in modo che potesse pagare il mio romantico cuore spezzato.

Questi giorni.

Andremo alla deriva, sono i tempi moderni.
Ci prenderemo cura di tutto ora che i debiti sono pagati.
Puoi restare in questi giorni?

TESTO ORIGINALE

Morning seems strange, almost out of place.
Searched hard for you and your special ways.
These days, these days.

Spent all my time, learnt a killer’s art.
Took threats and abuse ‘till I’d learned the part.
Can you stay for these days?

These days, these days.

Used outward deception to get away,
Broken heart romance to make it pay.

These days, these days.

We’ll drift through it all, it’s the modern age.
Take care of it all now these debts are paid.
Can you stay for these days?

Ascolti amArgine: Frio Frio – Juan Luis Guerra (1992)

Brano ispano americano, uscito trent’anni fa quando salsa e bachata non erano così popolari in Italia. Canzone bellissima struggente a me da un gran senso di libertà, e a voi?

Freddo freddo

Il tuo amore è tenerissimo
Forgiato di ricordi
E senza sapere è cielo alla finestra
Che si apre la mattina

Il tuo amore mi divide in due, l’Occidente
Mi blocca all’improvviso
E mi trasforma in massa che si modella
Ad un’illusione ardente

Dimmi se mastico il verde menta della tua voce
O attacco una toppa all’anima
Legami al pollice destro del tuo cuore
E dimmi come sta il mio amore nel tuo amore

Freddo freddo come l’acqua del fiume
O caldo come l’acqua della fonte
Tiepido tiepido come un bacio che tace
E si accende se per caso lo vuoi

Il tuo amore si sveglia e lava il viso
Di rose mi spruzza
E senza sapere è una via lattea
Che gira e mi dà vita

Conservo il tuo amore dentro i miei occhi
Come una lacrima
E non la piango affinché non escano
I tuoi baci dal mio vedere

Potessi essere un lumicino
E accendere la tua luce
Fino a che vorrai

Freddo freddo come l’acqua del fiume
O caldo come l’acqua della fonte
Tiepido tiepido come un bacio che tace
E si accende se per caso lo vuoi

TESTO ORIGINALE

Tu amor es tan completamente tierno
Forjado de recuerdos
Y sin saber es cielo en la ventana
Que me abre la mañana

Tu amor me parte en dos el occidente
Me clava de repente
Y me convierte en masa que se amolda
A una ilusión ardiente

Dime si mastico el verde menta de tu voz
O le pego un parcho a mi alma
Átame al pulgar derecho de tu corazón
Y dime como está mi amor en tu amor

Frío, frío (frío) como el agua del río (frío)
O caliente como agua de la fuente
Tibio, tibio (tibio) como un beso que calla (muy tibio)
Y se enciende si es que acaso le quieres

Tu amor despierta y lava su carita
De rosas me salpica
Y sin saber es una vía láctea
Que gira y me da vida

Tu amor lo guardo dentro de mis ojos
Como una lagrimita
Y no los lloro para que no salgan
Tus besos de mi vista…

Ascolti amArgine: Remember me my friend (Hayward & Lodge) – Blue Jays (1975)

Una ballata struggente, sul senso e il valore dell’amicizia, contenuta in un album del 1975 a nome di due elementi dei Moody Blues, Justin Hayward e John Lodge. Quello fu l’unico disco realizzato dalla coppia, seguito da un ritorno dentro la band madre. Buon ascolto

Ricordami amico mio

Non hai bisogno di chiedermi se sarò tuo amico
Io lo sono
Non hai bisogno di chiedermi se sono sicuro
che tu sia mio amico, lo sono
io lo sono

Io sono tuo amico
Devi ricordarti di me
Sono quello che ti ha visto attraverso l’inganno del mondo
Ho portato via il suo mantello e l’ho nascosto
Da me
Ricordati di me

Camminando su questa Terra, trovandoti
Cosa posso dire?
Non hai bisogno di parole per dire quello che hai in mente

Se hai bisogno di un motivo per ricominciare
lo sono (tuo amico)
Troverai una risposta alla fine del viaggio
Ti sto aspettando lì, amico mio.
Devi ricordarti di me
Sono quello che ti conosceva,
sono quello che chiami tuo amico
Sentiti libero
Ricordati di me

TESTO ORIGINALE

You don’t need to ask me if I’ll be your friend
I am
I am
You don’t need to ask me if I’m sure my friend
I am

I am your friend
You must remember me
I’m the one who saw through the world’s disguise
Took away it’s cloak and I made it hide
From me
Remember me?

Walking on this earth finding you
You, you
Walking on this earth finding you
You, you
What can I say
You don’t need to find the words to say what’s on your mind

If you need a reason to begin again
I am
I am
You will find an answer at your journey’s end
I am
Waiting there my friend
You must remember me
I’m the one who knew you when

I’m the one you call your friend
Feel free
Remember me

Walking on this earth finding you
You, you
Walking on this earth finding you
You, you
What can I say
You don’t need to find the words to say what’s on your mind

Walking on this earth finding you
You, you
Walking on this earth finding you
You, you
What can I say
You don’t need to find the words to say what’s on your mind
Walking on this earth finding you
You, you
Walking on this earth finding you
You, you

Walking on this earth finding you
You, you
You, you
You, you
You, you

Ascolti amArgine: Fade into you – Mazzy Star (1993)

Una canzone ampia come l’oceano, che ci contiene tutti, e sa essere melodia così come ambiente. Bellissima anche in dimensione live. Buon ascolto.

Svanita dentro di te

Voglio tenerti la mano
Voglio prendere un respiro che sia vero
Ti guardo e non vedo nulla
Ti guardo per vedere la verità
Vivi la tua vita
Ti muovi nell’ombra
(ma) cadrai a pezzi e diventerai funereo,
una sorta di notte nella tua oscurità
colora i tuoi occhi con qualcosa che non c’è.

Svanita dentro di te
Strano che tu non lo abbia mai capito

L’aura di uno sconosciuto si avvicina piano
Il cuore di uno sconosciuto senza casa
Metti le mani sulla testa
e poi il tuo sorriso copre il tuo cuore

Svanita dentro di te
Strano che tu non lo abbia mai capito
Svanita dentro di te
Penso che sia strano che tu non lo abbia mai capito

TESTO ORIGINALE

Fade Into You
I want to hold the hand inside you
I want to take a breath that’s true
I look to you and I see nothing
I look to you to see the truth
You live your life
You go in shadows
You’ll come apart and you’ll go black
Some kind of night into your darkness
Colors your eyes with what’s not there.

Fade into you
Strange you never knew
Fade into you
I think it’s strange you never knew

A stranger’s light comes on slowly
A stranger’s heart without a home
You put your hands into your head
And then smiles cover your heart

Fade into you
Strange you never knew
Fade into you
I think it’s strange you never knew

Fade into you
Strange you never knew
Fade into you
I think it’s strange you never knew
I think it’s strange you never knew

Ascolti amArgine: Skating away (on the thin ice of the new day) – Jethro Tull (1974)

Una delle canzoncine più orecchiabili dei vecchi Jethro di Ian Anderson e mi è sempre piaciuta, non soltanto per l’arrangiamento semi acustico ma anche per le parole che descrivono lo smarrimento dell’individuo-parte nella società di massa. Buon ascolto.

Pattinando via sul ghiaccio sottile di ogni giorno

Nel frattempo torni alle origini
Quando appartenevi a nessuno
Non hai possibilità, figliolo,
Se i tuoi pantaloni sono slacciati.

Perché sei stato cresciuto per l’umanità
e venduto alla società
Un giorno ti sveglierai nel presente
Un milione di generazioni deluse dalle aspettative
di essere chi vuoi davvero essere.

Pattinando via
sul ghiaccio sottile del nuovo giorno

Quindi, mentre ti allontani dalla riva ,
non vuoi girare la testa ancora una volta
e fare la pace con tutti?
Chi sceglie di rimanere
vivrà solo un altro giorno,
per fare le cose che non hanno fatto.
E mentre attraversi il deserto,
girando nel tuo vuoto
se è necessario, prega.
Cerca un segno, che le menti universali
ti hanno scritto nel dramma della passione.

Pattinando via
sul ghiaccio sottile del nuovo giorno

E mentre attraversi la linea del centro
il muro di ghiaccio scricchiola dietro
e sei un coniglio in fuga.
E volano schegge d’argento,
con la coda dell’occhio
splende il sole al tramonto.
Beh, hai mai avuto la sensazione
che il presente
sia troppo dannatamente reale?
Che tutti siano sul palco
e pare che tu sia l’unica persona
seduta tra il pubblico?

Pattinando via
sul ghiaccio sottile del nuovo giorno

TESTO ORIGINALE

Meanwhile back in the year One,
when you belonged to no-one,
you didn’t stand a chance son,
if your pants were undone.
`Cause you were bred for humanity
and sold to society
one day you’ll wake up
in the Present Day
a million generations removed from expectations of being who you really want to be.
Skating away, skating away,
skating away on the thin ice of the New Day.
So as you push off from the shore,
won’t you turn your head once more
and make your peace with everyone?
For those who choose to stay,
will live just one more day
to do the things they should have done.
And as you cross the wilderness,
spinning in your emptiness:
you feel you have to pray.
Looking for a sign that the Universal Mind has written you into the Passion Play.
Skating away, skating away,
skating away on the thin ice of the New Day.

And as you cross the circle line,
the ice-wall creaks behind
you’re a rabbit on the run.
And the silver splinters fly
in the corner of your eye
shining in the setting sun.
Well, do you ever get the feeling that the story’s too damn real and in the present tense?
Or that everybody’s on the stage, and it seems like you’re the only person
sitting in the audience?
Skating away, skating away,
skating away on the thin ice of the New Day.
Skating away, skating away , skating away

Ascolti amArgine: Roots of Oak – Donovan (1970)

Donovan, pseudonimo di Donovan Phillips Leitch (Glasgow, 10 maggio 1946), è un cantautore e musicista britannico. Famosissimo nella seconda metà degli anni ’60 e tuttora in attività, ha pubblicato qualcosa come 96 album. Buon ascolto.

LE STRADE DI OAK

Guidando attraverso gli altopiani
Della Scozia sul nel nostro land rover
L’ombra della nuvola cade
E con esso un brivido

Oltre l’altura coperta di erica
Vedo librarsi un falco
Il mio viaggio è appena iniziato
E Danu è il mio nome
Sono il giocoliere della fortuna e della fama

Non elencarmi fatti, cifre e logica
Preferirei ascoltare leggende e magia

Piume di corvo
Coperte di carbone
Armatura d’argento
Nella secca degli sgombri
Il sole ad ovest
È rosso rubino
I viaggiatori stanchi
Prepara il loro letto

Non elencarmi fatti, cifre e logica
Preferirei ascoltare leggende e magia

TESTO ORIGINALE

Driving across the highlands
Of Scotland in our land rover

Shadow of cloud falls
And with it a chill
High o’er heather
Hawk hover the hill
Just begun is my journey
And Danu’s my name
I am the juggler of fortune and fame

Let me not hear facts figures and logic
Fain would I hear lore legends and magic [x4]

Feathers of raven
Slithers of coal
Armour of silver
In the mackerel shoal
Sun in the west
T’is ruby blood red
Travelers a-weary
Do make their bed

Let me not hear facts figures and logic
Fain would I hear lore legends and magic [x4]

Ascolti amArgine: The Falconer – Nico (1970)

Nico, pseudonimo di Christa Päffgen (Colonia, 16 ottobre 1938 – Ibiza, 18 luglio 1988), è stata una cantante, attrice e modella tedesca. Conosciuta anche con il soprannome di “Sacerdotessa delle Tenebre”, per le atmosfere gotiche e decadenti dei suoi brani, unite alla sua inconfondibile voce profonda, è considerata la progenitrice del gothic rock. In campo musicale raggiunse i primi riconoscimenti come collaboratrice del gruppo The Velvet Underground, partecipando all’album The Velvet Underground & Nico come cantante dei brani Femme Fatale, All Tomorrow Parties e I’ll Be your Mirror. La sua avventura con i Velvet ebbe vita breve, e nel 1967 si avviò alla carriera solista. I suoi album più celebri sono The Marble Index del 1968 e Desertshore del 1970, spesso considerato dalla critica il suo capolavoro, entrambi prodotti da John Cale.

IL FALCONIERE

Il falconiere siede
Sulle sabbie del suo deserto all’alba
Aprendo gabbie d’argento sommerse
Con una rivelazione argentea tutti gli amabili volti
Tutte le amabili tracce d’argento cancellate
Le mie pagine vuote

Il falconiere siede
Sulle sabbie del suo deserto all’alba
Sotto le sue brillanti onde argentate
E la sua danzante corsa ribelle
Composta prima del tempo eterno
Un suono nella mia notte illuminata da candela

Padre figlio
Angeli della notte
Una cornice d’argento alla mia notte di candela

TESTO ORIGINALE

The falconer is sitting on
His summersand at dawn
Unlocking flooded silvercages
And with a silverdin arise
All the lovely faces
And the lovely silvertraces erase
My empty pages

The falconer is sitting on
His summersand at dawn
Beside his singing silverwaves
And his dancing rebelrace
That compose ahead of timeless time
A sound inside my candle light

Father child
Angels of the night
Silver friend
my candlelight

Father child
Angels of the night
Silver friend
my candlelight

The falconer is sitting on
His summersand at dawn
Unlocking flooded silvercages
And with a silverdin arise
All the lovely faces
And the lovely silvertraces erase
My empty pages