Il Vaccinone 95

La vita continua, le scuole sono in sicurezza salvo qualcuna che ti cade in testa, e fra tutte queste certezze un ricordo. Quando ero militare, i nuovi arrivati venivano accolti con affettuosi nomignoli tipo, burba, spina, il più singolare era missile: appena giunto a destinazione mi informai e mi spiegarono che i missili prima o poi scoppiano. Profeticoooo! Mi viene da ripensare a quel missile cinese (andlà tutto bene) che ha vagato per l’orbita terrestre in completa anarchia per qualche giorno: i giornalisti si sono sbizzarriti seminando terrore tra noi candidi gigli di campo. La paura che il missile ci cadesse sulla testa si è trasformata in psicosi, c’é chi per pararlo ha innalzato gazebi nei luoghi più impensati, io ho girato sempre con l’ombrello aperto; alcuni hanno pregato che cadesse su arcore o rignano. Che delusione, quando il missilone cinese si è tuffato nell’Oceano Indiano, e una petroliera piena di maionese si è fiondata da quelle parti per condire tutto quel pesce lesso. Un appello, non è possibile che un po’ di quel missile possa rimbalzare su arcore o rignano?

Il Vaccinone 64

Sai perché ti amo Cicciobello? Perché tutti ti chiamano capitano, ma in realtà sei un capitone e nemmeno buono da mangiare. Con tutto quello che te magni in giro un giorno di qua e un altro di là (avrei piacere di capire se paghi o vai askrock) è ovvio che t’esca un po’ d’ARIA. Ti capiamo, ma evita di farlo in luoghi chiusi. Sappiamo bene che ARIA, specie la tua fa un po’ cagare. Però perché hai aspettato tre giorni prima di dire al lavapiatti che amministra la tua regione di azzerare il CDA?? Ahahahahah, file di vecchietti fuori dagli ospedali per fare il vaccinone non ce n’erano da un bel po’, ma quanto vi ci è voluto per farvi qualche domanda? Ah, già, eri troppo impegnato a magnà Cicciobbello, e il tuo lavapiatti in altri tempi non lo avrebbero nemmeno ammesso alle classi differenziali malgrado il camice nuovo. Però apprezzo la maschia ideona di affidare alle Poste Italiane l’appalto degli avvisi tramite sms per l’appuntamento con Hastra La Trombosi; speriamo soltanto che, anzitutto qualcuno glielo dica alle poste, e poi non abbiano l’alzata d’ingegno di farlo per lettera.

Il Vaccinone 62

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera anonima.

Generalissimo, dopo i gravissimi fatti di Pordenone, abbiamo capito bene come lei intenda la lotta al vairus. Prendere a cannonate un pollaio per impedire un ritorno dell’aviaria ci è parso francamente eccessivo! Se usa lo stesso criterio, supponiamo che il prossimo obbiettivo sarà bombardare il Millionaire in Sardegna per impedire al Briatore di ritornare sull’isola, oppure lanciare granate incendiarie sui paesi in zona rossa, perché comunisti e sovversivi. Non ci stiamo a questa escalation del conflitto! Da oggi si consideri anche lei un bersaglio, il nostro attivista Geronimo, detto il Lama Impestato, si sta già esercitando a suon di sputazzi contro una sua sagoma a dimensioni naturali: ROSITA SARAI VENDICATA!!!!

Parola di Francesco Amadori.

Il Vaccinone 53

A Brescia il 90% dei posti nelle terapie intensive è occupato!
Sapete a quanti posti letto corrisponde quel 90%?
All’incredibile cifra di 35, e non si arriva a 100 in tutte le altre strutture della provincia di Brescia che conta 1.280.000 abitanti. Taglia qui, taglia là, poi ti arriva il vairus, e tutti a mostrare il ditino, come nello schiaffo del soldato, per dire chi è stato? Tutti e nessuno, come sempre, e quel che succede a Brescia, succede anche a Bologna, o a Taranto, ovunque insomma! Adesso però abbiamo il governo Grisù e siamo felici e contenti. Soprattutto renzi. Intanto abbiamo passato i centomila morti in un annetto, pensate che i militari italiani caduti o dispersi sui vari fronti e per l’intero periodo bellico 1940/1945 sono stati circa 320.000: insomma questo vairus in Italia è un’apocalisse, una guerra, e come al solito i “generali” sono tutti cadorna. Vadano affanculo!
Io me ne sto chiuso in cucina con la mia kitchen assistant (nella foto) selezionata dopo un accuratissimo casting, evvai di isolamento!

Il Vaccinone 52

Un vecchia mi ha fatto le carte… per espatriare a San Marino, là si fanno tutti di Sputnik e ci sarà bisogno di ripopolare. Tanto che ci sto a fare nel caro, bello, dolce baillamme italico e con le solite grida?
– Chiudiamo tutto! –
– Ma col cazzo! Non chiudiamo niente, anzi riapriamo! –
– Ahhhhhh sto morendo!

Quel che mi piace sono le case farmaceutiche che tengono in ostaggio l’intera Europa. Prima ti vendono il vaccinone, poi te lo danno col contagocce e non rispettano le consegne. I soliti profittatori. Stamani ho provato la mitica app di Sky per vedere quando sarà pronta la mia dose. Il responso è stato questo:

Stimiamo che la maggior parte della popolazione appartenente alla categoria “60-65 senza rischi specifici” verrà vaccinata fra Maggio 2021 e Giugno 2021.
Probabilmente riceverai un vaccino prodotto da Astrazeneca.
Prima di te ci sono…
Coda persone
11.591.265

Magari sarà più maggio che giugno, visto che ne muoiono 350 al giorno. Intanto i giardini di marzo si vestono di nuovi coloriiii… e la juve, come sempre, dalla gembionz se ne va fuoriiiii…

Il Vaccinone 51

Stamattina Carolina si è messa a caricare la lavatrice, è venuta sconvolta di qua dicendomi:
– Ma papà, cosa è successo ieri sera? Sei stato male? –
Imbarazzato ho cercato di abbozzare un sorriso, lei ha messo la mascherina ed è tornata a caricare la lavatrice, aggiungendo la mezza dozzina di mie mutande completamente cagate. Poi è tornata di qua:
– Ah, ho capito, ieri sera ha giocato l’Inter. –
Insomma, a 62 anni suonati non ho più il fisico per fare il tifoso della Beneamata, a ogni azione pericolosa dell’avversario il mio intestino non regge, e ieri sera con gli orobici dell’Atalanta si è giocato praticamente a una porta sola (quella dell’Inter), al fischio finale, dopo la vittoria per uno a zero con l’unico tiro in porta dell’intera partita, mi si sono rilassati gli intestini e ho finito di cagarmi addosso.
Lo so, è brutto, anche Adrianone che cerca di trovarmi posizione addosso, mi ha abbandonato, accusandomi di non fare i bisogni nell’apposita cassettina.

Il Vaccinone 38

Imola, o meglio tutti i territori compresi nella sua Ausl quindi anche i comuni limitrofi, è diventata zona “arancione scuro”, che poi come cavolo è l’arancione scuro? Insomma un quasi lockdown a due passi da Castello. Questa variante britanna del vairus, il caro Desmond, sta facendo sfracelli. Mi piace servini, che pur di non farsi un toast a casa sua chiede ad altissima voce l’apertura anche serale di bar e ristoranti: un’impestata non è una roba seria se anche questa specie di masaniello all’incontrario non dice la sua cazzata. E’ noto comunque come la lega, oltre a essere una bega nazionale, sia un partitissimo da 49 milioni di euro.
No preoccupations, ci penseranno grisù e il suo fido pugnetta a fare di tutta l’erba un fascio. In questo mondo già tutto cosparso di fessi, che credevamo leggermente migliorato dopo la scomparsa di drumpo, ci si mettono anche i profeti di catastrofi, roba da consumare la ferramenta a forza di scongiuri.
Ho letto la terribile profezia di Pippo Barzizza:
Alla fine si salveranno solo quelli rinchiusi nella casa del Grande Fratello Vip e l’umanità ripartirà da loro.

Il Vaccinone 36


E tra le rose, tra le viole / anche un diversamente alto ci sta bene / e noi vogliamo tanto bene / al nostro Governone. / Se sapessi lavorare / quante cose vorrei fare / quante cose vorrei fare / con il Nostro Governone / evviva evviva evviva il Governone! / abbasso il peccato mortale / abbasso il Duca Conte!

Due palle, siamo di nuovo arancioni, hare krishna a tutti. Oggi ho sentito citare un reato nuovo, traffico di inflenze, carino come reato, riguarda forse l’atteggiamento dei nostri politici nei confronti del vairus? Ahahahahahah ieri Fonty dalla Lombardia, commemorando i morti di Codogno, ha detto che lui si è preoccupato fin dal primo contagiato, quando invece dichiarò che si trattava solo di poco più di una normale influenza? Che sia questo il reato di traffico di influenze? O solo di normali facce da culo?

Milano, 25 feb. 2020 (Adnkronos)
”Situazione difficile, ma non così tanto pericolosa. Il virus è molto aggressivo nella diffusione, ma poi nelle conseguenze molto meno. Fortunatamente è poco più, non sono parole mie, di una normale influenza”. Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, riferendo al Consiglio regionale sulla diffusione del coronavirus.