Mai na gioia 18

21 aprile, compleanno di Roma: sai di quelle giornate che si preannunciano di merda fin dall’aprire gli occhi la mattina? Quasi ti ci rassegni e cerchi di finirla con rabbia e alla svelta. Archiviate le giornate di Pasqua, questa grigliata di mondo e gite torna esattamente il mondo di prima e non c’è santo! Tutto va come prima coi rompicazzo telefonici che ora ti chiamano pure preregistrati, una giornata che sembra novembre, Carolina con un forte raffreddore che pensi subito al covid, e nemmeno io in gran forma, insomma una bellezza! L’immagine qua sopra non c’entra granché col mio umore odierno, ma giusto per farci due risate.

Mai na gioia 16 bis

Mai na gioia? Non è vero, dopo il bellissimo tour di Pasquetta ecco il Milan che fa da zerbino all’Inter. Ci sono state cinque cose impagabili nella partita di eri sera: le tre pappe prese dai biretrocessi, la bile di Pioli, alias il furbino del deserto, allenatore del Milan e i telecronisti mediaset solo leggermente di parte. “Volevamo vincere ma abbiamo trovato un avversario che ha segnato nel momento giusto. Abbiamo continuato a giocare e a creare, la rete annullata ci avrebbe dato nuovo slancio poi chiaro che c’è stato un contraccolpo”, eccerto che è stata annullata, c’era metà della tua squadra in fuorigioco! E poi i telecronisti merdasec non sono stati da meno, ecco alcune frasi da incorniciare: “La notizia vera è che non si andrà ai supplementari” (dopo il siluro di Lautaro dell’1 a 0); “Dovrebbe essere ammonito Perisic, non è necessario che lo tocchi per fare fallo, conta l’intenzione”; “Su Darmian non è rigore, non tutti i contatti sono fallo.” Il comune senso del pudore è stato così egregiamente superato. A proposito Grisù sta meglio? Spero proprio che i ministri maionese e cingolone che vanno in Africa a far gas non equivochino e tornino con un carico di noccioline e banane.

 

Mai na gioia 15

Già il periodo è zozzo, dopo essere stati sull’orlo di una pandemia globale (sull’orlo, ahahahah) ora siamo sull’orlo della catastrofe nucleare e subito è uscito un film sulla Pausini, non bastavano le nefandezze della vita di ogni giorno. Ora ci purgano pure il giorno dedicato alla resurrezione (almeno momentanea), ma lo sapevate che esiste un mammifero che depone le uova? no, non parlo dell’ornitorinco, e nemmeno di fedez, insomma, sovvertendo ogni legge di natura anche chiara ferragni si è messa a deporre uova. Sono uova pasquali in finissimo cioccolato lussemburghese piene di sorprese. Eccerto che sono invidioso! Dopo che la mia linea di uova di Pasqua “Tol in té cul Frazcò” non ha avuto il benchè minimo successo. Dalle prime informazioni, e dagli ululati delle ragazzine, possiamo confermare che alcune delle sorprese sono: Set di tatuaggi per unghie a forma di stella e del logo Chiara Ferragni Brand; Sticker fatto di strass a forma di occhio; Magneti a tema Chiara Ferragni. Altre sorprese che potrebbero essere aggiunte dopo il lancio delle uova. Invece a me le uova le hanno direttamente lanciate addosso. Mai na gioia, nemmeno a Pasqua!

Mai na gioia 14

Bambini e bambine, anzi bambine e bambini buongiorno, oggi voglio capire quali sono le vostre attitudini, perciò ognuno di voi si alzerà in piedi e dirà per che cosa si sente portato.

  • Io amo la musica e voglio suonare triangolo e controfagotto!
  • A me piace cucire e sono culattone, quindi mi sento portato a fare lo stilista!
  • Io voglio fare l’architetto, già ho progettato la cuccia di Fido a due piani con doppi servizi!
  • A me piacciono molto i maschietti e voglio fare la pornodiva.
  • Io vorrei andare in bagno! Vai pure Putin, ma se ti becco ancora a invadere la Terza CCì ti sospendo.
  • A me piacciono i gatti e voglio fare il masterchef!
  • Io amo le droghe leggere e mi sento portato al commercio.
  • Io da grande voglio fare la donna politica di estrema destra.
  • A me piacciono le armi… Zelensky fuoriiiiiiii!

Da quel giorno l’insegnate decise di insegnare storia e geografia attenendosi ai programmi ministeriali.

Mai na gioia 11

Oggi è il 12 aprile, settantasettesimo anniversario della Liberazione di Castelbolognese dalla barbarie nazifascista. Certo non avrei mai pensato che nel corso dei decenni avremmo vissuto una democrazia talmente avanzata che non ne avanza più. Io sono in guerra con nessuno, i miei vicini di casa sono un caso a parte: andrebbero arrestati solo per il fatto di esistere. Sono l’uomo tranquillo che, seduto vicino al greto del fiume, aspetta la caduta del governo Grisù data per imminente. Ma mai ‘na gioia! Avvezzo come sono alla classe politica italiana, sicuramente il prossimo governo sarà peggiore di quello attuale. E Grisù ridacchierà come un rettiliano, visto che lui un posto da tecnico dei condizionatori lo ha già trovato. Dunque tra sei mesi potremmo andare alle urne, spero di non fare quello che combinò un mio caro amico la volta scorsa dentro la cabina elettorale. Non sapendo chi votare chiuse gli occhi e puntò la matita a casaccio, della serie voto ‘ndo cojio. Purtroppo si centrò in pieno il dorso della mano sinistra, provocandosi una stigmata che ancora oggi gli sanguina che gli ha fatto guadagnare il nomignolo di “Padre Pio”. Insomma sognare non costa niente, male che vada andremo a votare per il referendum “volete pace o condizionatori accesi”?

Mai na gioia 09

Intanto faccio una comunicazione di servizio anche un po’ anacronistica se vogliamo. Stanno iniziando ad arrivare le multe da centro euro una tantum per i cinquantenni non vaccinati dal Generalissimo, e vi spiego come pagarle: coi soldi, ovvio e, se vi pare, vanno bene anche carte di credito e bancomat. Nel caso utilizziate danaro plastica fate molta attenzione quando digitate il pin, perché quella carogna di putin potrebbe clonarvelo. Inoltre non sognatevi di pagarla in rubli, grisù non li vuole: pagatela con diecimila monete da un centesimo di euro, così li ingolfate e li costringete a lavorare. In questo paese la libertà sta diventando un optional. A parte la stampa e i notiziari on line e televisivi, che fanno schifo, tutto quanto è russo è stato severamente proibito. Al comune di Russi in provincia di Ravenna è stato, obtorto collo, cambiato il nome in “Ucraini”. E’ di domani la notizia di una retata della Digos in una scuola materna, arrestati e processati per direttissima sette bambini che giocavano a Mosca Cieca. Insomma, così piccoli e già mai na gioia!

Mai na gioia 08

Maremma maiala! Lo sapevo io che i guai non finiscono mai! Prima la pandemia da vairus, poi la guerra in Ucraina, adesso arriva pure il film di Laura Pausini. Questa Orietta Berti 2.0 non finirà mai di perseguitarci! Anzitutto mi pongo una domanda più che legittima, se i paesi al mondo sono 208, come ha fatto il film a uscire in 240 paesi? I casi son due, o è uscito anche su altri pianeti (fascia degli asteroidi compresa) oppure i paesi sono Castelbolognese, Solarolo, Faenza, Imola e via andando. La nostra (nostra è una parola grossa) si pone un quesito fondamentale: cosa avrei fatto se non avessi vinto a Sanremo? Una roba che non fa dormire gli italiani a milioni, come non bastassero guerre, pandemia, disoccupazione di massa e crisi economica da bollettite acuta. Vuoi che te lo dica io Lauretta? Avresti fatto la cassiera con contratto co.co.co. dentro un market di cinesi. Alla prima bolletta ti avrebbero staccato il gas e affidata ai servizi sociali. Buona visione, mai na gioia!

Mai na gioia 03

Si fa presto a dire mai ‘na gioia, ma quando Kulovic entra in campo da dodicesimo uomo ti cambia la vita. I puristi diranno, ma la jumerdus ha attaccato per 89 minuti e ci ha schiacciato dentro l’area. E allora? Anche l’Italia lo ha fatto con la Macedonia del Nord, ma chi ha vinto? Regola d’oro del calcio: vince chi segna un goal in più dell’avversario. Una partita come quella di ieri sera sarebbe tanto piaciuta all’Avvocato Prisco, e avrebbe scatenato una delle sue più leggendarie battute al vetriolo. Già li sento gli interisti saputelli e puristi: gnàààà Handanovic è un portiere da terza categoria, gnàààà Lautaro non segna nemmeno se viene giù Gesù, gnàààà la jumerdus ci ha chiuso nella nostra area, gnàààà Simone Inzaghi non capisce un pippo di calcio, gnàààà … Sì perché talune volte il tifoso interista è un complottista e molti sono pure terrapiattisti. Nessuno dice niente sui continui tuffi dello scimmiotto in area interista, quello si tuffa più di Dibiasi e Cagnotto messi assieme. Il vero interista, dopo una partita come questa se la gode, e a culo tutto il resto. E poi Lautaro non segnerà, ma in pochi minuti ha ridotto Locatelli come Rocky dopo il primo incontro con Clubber Lang: inarrivabile, voto in pagella 9! Mai na gioia? Dai, ieri sera ho goduto come un riccio (finita la partita ovviamente, perché durante mi sono cagato addosso più volte)!