Mai na gioia 41

Quando scendi per strada, se incroci un tizio con le mani sporche di sangue quello è putinaccio. Se invece incontri un clown che ti fa palloncini a forma di cannone quello è di sicuro Zelensky, fai finta di non vedere entrambi, ma senza farti notare chiama il 112. Se poi incontri un vecchio rinco – incartapecorito con tanto di pannolone e deambulatore che distribuisce bollette del gas, quello ancor peggio è Bidè, il più pericoloso di tutti. C’è da preoccuparsi a sapere che la valigetta coi codici nucleari è affidata a un simile demente senile: vedi di defilarti oppure fai domanda al giudice tutelare per diventare il suo amministratore di sostegno, prova a cambiare identità, chiedi cittadinanza elvetica o sanmarinese. Se poi scendi in strada e non c’è nessuno quella di sicuro è l’Europa, la cartaccia unta e bisunta che il vento trascina per strada è l’Italia. Dunque le strade sono diventate pericolose, ecco perché forse è meglio andare ad allevare porcelli in campagna, una porcilaia puzza meno.

Pubblicità

23 pensieri su “Mai na gioia 41

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.