Sabato 22:21

Amo poco le formalità, intanto
tra sette anni saranno settanta,
e non ho ancora ben chiaro
cosa potrei fare da grande:
non so quanti ne rimangano
e di tutti quanti i trascorsi
pochi sono stati vita, sai
è scarica ad alta tensione
durante il temporale,
credo di aver saputo cosa fosse
soltanto alla fine,
quando l’affaticamento
fa sentire cotti e mangiati,
o un treno per Ravenna
inchiodato a Classe
che non riparte più.

*

30 pensieri su “Sabato 22:21

  1. …a un certo punto la vita fa sentire il suo peso…..memore di quanto “non sia piaciuto” nel suo accadere…
    Buon sabato Flavio

  2. Nessuno saprà mai cosa potrà fare fino alla fine, ti auguro ogni bene, bisogna essere positivi. A volte in gioventù si fanno intemperanze, anch’esse fanno parte del nostro bagaglio. Ci sono periodi di alti e bassi, così è la vita: A noi la forza di affrontarla abbattendo le difficoltà e mai fermarsi. Buon sabato Flavio.

  3. io, da inguaribile ottimista e combattente, mi soffermo su
    “intanto
    tra sette anni saranno settanta,
    e non ho ancora ben chiaro
    cosa potrei fare da grande”
    e sto!

  4. vabbè, dai… se fosse marzo potrei dirti che fra sette mesi saranno settanta, per me…
    ma… e st*****i?
    Dai, dai… che c’abbiamo ancora da fa’…
    (il sugo no, l’ho fatto ieri…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.