Penso all’estate

Cadranno mille petali di rose…
E forse un po’ di pace tornerà
(Bruno Martino/Bruno Brighenti)

Pensa all’estate,
il cervello è sempre uguale.
Il cuore sta nel suo cassetto
con qualche grumo in più.

Il ricordo più bello,
un bambino suona Bella Ciao
sul piano dimenticato
dentro una hall solitaria.

Nemmeno l’ATM funziona,
ma su di giri
improvvisa è la commedia
delle porte girevoli.

Fuori, il gelo non ha voglia.
Regala nel buio
alibi e vapori stagnanti,
meraviglia dell’alba a venire.

13 pensieri su “Penso all’estate

  1. Una estate intera è tutta in quella sola immagine, “il ricordo più bello”, che colora lo spazio vuoto:
    “un bambino suona Bella Ciao
    sul piano dimenticato
    dentro una hall solitaria.”.
    Il resto è usuale malinconia del presente, in un gelo svogliato e un’alba di là da venire.

  2. Pingback: La posta del cu…… – SussuKandom reloaded

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.