poi viene il Sud

La posa delle rose
su cipressi sott’acqua
monumenti all’onde
e alla loro sparizione.

Il mare di papaveri morenti
perde voce, rinsecca
dentro un quadro in stazione
contando occhi e passi
d’illuse due figure.

I conoscenti imprecano
da risulte di alberi svettati
prima del tramonto.
Sconosciuti conoscenti
sicuri di essersi compresi

poi viene il Sud
inquieto e d’aria secca
incisa a destini e case bianche.
Viene il Sud mare aperto