letture amArgine: Federico Fiumani da “40 Poesie” 1985

La maggior dote di questo musicista/poeta è sicuramente la coerenza, certamente ha evitato la triste fine di Piero Pelù, Litfiba e diversi altri suoi contemporanei. Firenze è stato anche un sogno new wave. Traggo questi pezzi da un piccolo prezioso libretto di poesie acquistato alcuni decenni fa. (Flavio Almerighi)
*

GRAFICO DEPOSIT

A volte mi chiedo
se esiste davvero
un’esistenza che sia
parallela a questa
quando il tempo sprecato
è una città senza sfondo
che ci divide.
Ma ho veramente vissuto
in questa notte?
Ricordo soltanto i suoi occhi
che per un attimo
hanno incrociato i miei
cercando il contatto
ritrovato e nascosto.
*
QUANDO LA MOGLIE È IN VACANZA

L’estate in città
è forse la cosa più bella
che esista al mondo.
Riscopro il volto delle strade
e il silenzio maestoso
del cemento infuocato.
Le case hanno di nuovo
geometrie precise
e vetri rotti per caso
con sassi scagliati
da un bambino distratto.
*
VUOTO

Oggi è domenica
ed è un giorno vuoto
come la mia casa.
Io mi inganno e mi ripeto
con sempre le solite cose
e i soliti gesti,
il televisore si accende
e si spenge ogni minuto.
Ho letto tutto quello che potevo,
pensato a tutto quello
che avevo da pensare.
Ho creduto in tutto
quello che dovevo credere
e il malessere è sempre qui,
al centro della mia testa.
*
VECCHIO CAPPOTTO

La stanchezza arriva all’improvviso
cade sulle mie spalle
come un vecchio cappotto
lasciato distrattamente
in un armadio polveroso.
Dopo essermi arrampicato
su infinite rampe di scale
ascolto il pianto di un bimbo
che cerca i genitori
e schiaccia il viso sul portone.
Presto smetterà
quando si sarà accorto di me.
Quando mi vedrà seduto in un angolo
con lo sguardo impaurito
di chi ha tutto contro.
Accarezzo il mio labbro
con una sigaretta spenta,
aspetto soltanto che lui si addormenti
e mi accorgo ancora
che tutto è finito.
*
DISORDINE

Presto dovrò cominciare
a riordinare la casa,
i piatti ammassati
sono una linea sporca
senza capo né coda.
La confusione per terra
regna sovrana
e scopro ridendo
che in cima ai muri
i ragni hanno costruito
nuove case
più ordinate di questa.
Chissà se a loro
costa tanta fatica andarsene
e farne un’altra
ad ogni colpo di scopa.
*
LOSANNA

A Losanna le strade sono terse,
lunghe arterie sfiancate
piene solo di cemento e fabbriche.
A Losanna sarà sempre inverno
ed io sono in una casa sporca
dove nessuno sa la mia lingua
aspetto con ansia il mio momento
per poter tornare presto a casa
come se fossi un sicario
mandato da qualcuno.
Il mattino dopo
gli altri sono pronti per partire
e hanno parole
soltanto per il freddo,
per il viaggio che ci aspetta.
La febbre è tra la pelle e i vestiti.

*************************************

giusto per farvene un’idea
https://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Fiumani

contro sole

Carissima,
dopo la drastica riduzione
del nostro potere d’acquisto
siamo alla vigilia di nuove tegole
sull’usuale ricerca della felicità.
Prendi appunti su quel matto
con gli occhi a fesso
che scaglia missili in mare
mettendoci tutto l’impegno,
ricorda un bambino nel diletto
di strappare le ali alle mosche.
Promette bene.
Noi possiamo fare meglio,
i greci piangono a mani nude
ma non ci diamo pensiero.
Allegra, il tempo migliorerà,
il mare è più vicino
non esitare a esporre le costole
contro sole e attenta al peso,
tutto e più purché tu sia felice.

sul declinare

Deliziosi silenzi carichi
di voci in lontananza
non capire una parola,
trovo fascinosi certi intrecci
di attempate signorine
con giovanotti in disarmo.

Alcuni sono poeti, altri
viaggiatori difficili da riconoscere
specialmente al mattino,

non sanno più tenere un’arma in mano,
ma sono pronti a declinare senza sosta
ogni piega del tramonto.

Lasciano impronte lievi sul talco
usciti dopo un bagno
coi loro bagagli e i trucchi
dimenticati sul letto

sempreverde

Unico mai fuori servizio
sempreverde
non accenna a trovare riposo
nemmeno sui luoghi
in cui ha già suonato,

c’è bisogno traboccante
di seminare, confondere
senza ripensamenti
coinquilini di seconda mano,
perdute le chiavi del cuore

basta nemmeno anteporre
un annuncio con fotografia
per dire, liberatemi
da questo bene maledetto
mai voluto,

consci che ogni Roma
porta i geni sciatti della fine
e la luna è in pessime condizioni,
ovunque ci risveglieremo
soli e forestieri e al freddo.