Essere inadeguato

Scusate il vagolare
il quieto vivere,
ridiscendo viale Marconi
peso piogge dell’altra notte.

Essere inadeguato,
mai mi sono chiesto dove sono
il bambino sottopelle
la rosa piantata in frigo.

Non ha fogli il calendario.
Nemmeno capisco
quanto tempo resti, ma so
cos’è bene, cos’è male.

Sfoggio musetti da gatto
in cambio di due lire,
saluto un nido di puttane,
vado verso l’estate.