ascolti amArgine: cosa è successo alla Ragazza?

“ I testi di Panella sono vertigini linguistiche, le musiche di Battisti sono gli abissi adatti per precipitarvi.” ( cit. da http://cronachebabilonesi.blogspot.it/2013/08/battisti-panella-piccolo-preambolo-ai.html)

Penso sia necessario dar tempo alla poesia, anche a quella travestita da canzonetta. Tutti i più illustri critici musicali, dopo la sua inversione di rotta non a 360 gradi ma a 720, hanno affermato che Lucio Battisti abbia voluto scientemente distruggere la propria immagine dopo il successo con Mogol. Battisti non ha neppure risposto, non ne valeva la pena. Fosse stato per i tuttologi, il nostro avrebbe fatto la fine dei Dik Dik oppure si sarebbe ritirato a vita privata, fatto i cazzi propri e goduta la caterva di milioni/miliardi meritatamente guadagnati durante gli anni ‘70. Non lo ha fatto. Un artista nella sua condizione, invece, si è permesso il lusso che solitamente si concedono artisti disperati in cerca di un’ultima chanche, si è messo in gioco. Il risultato è stato uno dei migliori e più resistenti prodotti artistici in assoluto in Italia nell’ambito della cosidetta musica leggera dal dopoguerra a oggi. Le parole di Pasquale Panella, gli arrangiamenti di Battisti e uno staff di musicisti e produttori, non un italiano tra loro purtroppo, assolutamente in linea con tendenze musicali all’epoca avveniristiche, hanno prodotto 40 canzoni, 40 capolavori, 40 poesie. Luzzatto Fegiz, tiè! (Flavio Almerighi)

discografia essenziale:
Don Giovanni, Numero Uno, 1986;
L’apparenza, Numero Uno, 1988;
La sposa occidentale, CBS, 1990;
C.S.A.R. (Cosa Succederà Alla Ragazza) Columbia, 1992;
Hegel, Numero Uno, 1994.

amArgine di Lucio Battisti, 5 marzo 1943, le parole dei fans

Difficile da spiegare come si possa amare una persona senza mai averla conosciuta …eppure noi tutti amiamo Lucio …tantissimo.
(Edy)


avere 20 anni e le Cassette di Battisti in auto ,e avere la tua donna vicino ,momenti indimenticabili ,sono passati 37 anni ma l’emozione e uguale e forse ancora piu grande ,e avere ancora vicino lo stesso amore di quel tempo ,la stessa donna che ami ,chi non prova queste cose forse non capirà ,ma il mondo e cosi ,avere un grande amore ,fantastico ……….(Pier Lorenzo)

da “Don Giovanni” a “Hegel” Lucio Battisti e Pasquale Panella hanno regalato la migliore musica mai fatta da italiani..anche se tutti i musicisti, l’ingegnere del suono e la produzione sono inglesi…vabbè…Immortali, unici, irripetibili…grazie!(Nico)