Ascolta & Leggi: Lounge Lizards e poesie di Liliana Casadei

La pagina letteraria di oggi è dedicata a un’autrice mia conterranea: conobbi Liliana Casadei una decina di anni fa, ai tempi del suo esordio editoriale; entrambi pubblicammo per l’Editore Tempo al Libro di Faenza, e prendemmo parte ad alcune iniziative organizzate da Mauro Gurioli, tra cui una trasmissione presso una TV privata di Imola. La sua poesia con l’andare del tempo si è evoluta pur non snaturando la spontaneità potente che ne è caratteristica peculiare. Liliana ha capito quanto sia importante evitare l’arzigogolo e la scarsa comunicativa; il lettore non si stupisce, se ne va. Questa è buona poesia epigrammatica a volte, aforistica in altri casi, ma sempre di piacevole lettura e notevole risonanza. Ringrazio l’autrice e auguro a tutti buona lettura.

SOLE

Anche questa lunga ombra,
che chiamiamo notte,
mi racconta di te.

*

ICEBERG

Aveva l’inferno dentro quella testa,
ma da fuori non si vedeva quasi nulla,
una lieve malinconia.
Come quando da qualche parte imperversa il temporale
e tu vedi solo qualche bagliore all’orizzonte.
Ecco,
quello era il suo inferno.

*

FIESTA

La fiesta alle spalle.
Il miglior mojito è in ogni bar di Cuba.
E mi chiedi perché
sto lontana dalla fiesta.
Perché io amo la foschia delle 6 di mattina
sui colli di Vinales.
Perché il mio silenzio
vince quasi su tutti gli argomenti.
Perché conosco gli occhi più veri
e lì mi fermo.
Davanti alla fame sincera
di un cane di strada.
Perché io desidero la pioggia.
E perché ora non cambierei con nessuna fiesta
queste pagine d’oro,
a navigare nella notte
di chi mi insegnò a vivere
anni fa.

*

TRUE LOVE

A volte
pensavo che la amasse così tanto
che le sarebbe bastato anche solo pensarla,
anche solo per il resto dei suoi giorni.

*

LACKY

Ci sono notti
in cui non dormirei mai
e giorni in cui non vorrei nemmeno esistere.
Tra salvezza e distruzione.

Eppure sei così bella,
anche quando piangi,
ma ancora di più quando trovi una ragione
e ti rialzi.
Sei bella
con tutti i tuoi ricordi
e anche con quelli che non trovi più,
perchè le foto non bastano.

È ora di vivere,
immagino.
E, per fortuna,
c’è ancora tempo.

*****************************************************

Liliana Casadei, laureata in Scienze Antropologiche nel 2009, è nata il 17 maggio 1984 in
provincia di Bologna. Autrice dei romanzi “Come i binari” (2014), “Le Imperfezioni” (2017), “Agnese” (2019) e
delle raccolte di poesie “Oltre le prigioni del corpo” (2010), “Visioni oniriche” (2017), “Oceano di stelle” (2018), “L’isola che non c’è” (2019).