Il tempo

Il tempo.
Appeso ad alberi oscillanti,
piegati alla ferocia
che stanca ogni cosa, alle mosche
pronte a divorare l’incosciente,
il solitario, il ratto

mascherati da individui,
impossibile lasciare tracce
nella gravità della situazione,
coi loro para pioggia illustri
ma inadatti a trattenere diluvi

Il tempo.
Anche un chiodo feroce arrugginisce
e cade,
sempre pronti gli aguzzini
nella genesi di nuova tempesta

Madre Ferocia

ascolta il soliloquio della Terra
formarsi in banchi di scogliere
tenuti insieme dallo stesso mare.

Cristo è un altro modo
di dire ovvietà.
i tempi cambiano, fratelli
siamo mai stati, patetici,
figli unici invece,
insistenti nel solito tentativo
di rientrare nei pantaloni
dimenticati più volte,
riposti in fondo all’armadio,
con la stessa determinazione
di Madre Ferocia. assassini seriali
privi dell’intuizione
di essere già morti

Anonimo Toscano del XXI secolo (dal sito antiwar songs)


Perché, nonostante guerre, carestie e pestilenze, in questo sistema “I popoli hanno il diritto di cambiare governo, ma non di cambiare politica” (Jean Paul Fitoussi).

Christine Lagarde

Non esistono donne: esiste il capitale.
Non esistono donne: esiste il massacro.
Non esistono donne: esiste la protervia.

Non esistono donne: esiste la miseria.
Non esistono donne: esiste l’assassinio.
Non esistono donne: esiste l’esperimento.

Non esistono donne: esiste rovesciare.
Non esistono donne: esiste il sangue.
Non esistono donne: esiste il profitto.

Non esistono donne: esiste eliminarci.
Non esistono donne: esiste il falso.
Non esistono donne: esistono i servi.

Non esistono donne: esiste Resistenza.
Non esistono donne: esiste Insurrezione.
Non esistono donne: esistiamo noi.

Donne e uomini.
D’Italia, d’Europa, del Mondo.
Dico a te, Christine Lagarde,
Christine Lamerde.
Troia del potere.

English Version

CHRISTINE LAGARDE

Women don’t exist. Capital exists.
Women don’t exist. Butchery exists.
Women don’t exist. Arrogance exists.

Women don’t exist. Distress exists.
Women don’t exist. Murder exists.
Women don’t exist. Testing exists.

Women don’t exist. Overthrowing exists.
Women don’t exist. Blood exists.
Women don’t exist. Profit exists.

Women don’t exist. Erasing us exists.
Women don’t exist. Falseness exists.
Women don’t exist. Slaves exist.

Women don’t exist. Resistance exists.
Women don’t exist. Rising exists.
Women don’t exist. We exist.

Women and men.
Of Italy, of Europe, of the World.
I’m telling this to you, Christine Lagarde.
Christine Lamerde.
Bitch of Power.

*

https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=60815&lang=it

Poesia Indipendente (my personal poisoning)

guardami la bella mise da poeta dentro e addosso,
sopra la maglietta verrà fuori una cravatta Lupo Alberto,
appeso per la coda dice: sono steso!

Felice strapazzato poeta, bisognoso di latte paterno
sempre pronto ad abbracciare altri poeti, e poetesse
in ogni porto o da diporto, rassicuranti
nelle loro acute cecità, figli dei tempi dell’immancabile
sete di notorietà senza danaro, ammutoliti emozionati
quando entreranno finalmente per la porta principale

all’atto pratico non è vera gloria, vera croce sì,
l’orizzonte gabbianesco rossocuore alle spalle
con lo schermo di cristalli liquefatti in agguato
pronto all’abuso: amboni senza fede per
tante belle gretegarbo, distruttive lacrimelle
sulle spalle gigantesche dei defunti, che poi un po’
lo siamo tutti

ditele che l’amo, ma si strozza un po’ di voce in gola,
ricopierò biografie per farmene una mia. Odino sepolto
dentro un campo d’erba dove nemmeno le bisce cantano.
I poeti non contano, tutti stretti nel convenevole
basta loro il proprio io dove stare belli larghi e comodi
a osservar l’inquieto oceano, senza farsene schizzare

Oltre vetro (Beyond glass tra. Adeodato Piazza Nicolai)

I Soviet più elettricità
Non fanno il Comunismo
Anche se è un dato di fatto
Che a Stalingrado non passano
(CCCP – Fedeli alla Linea)

Oltre vetro l’afonia del grigio
spontanea, uniforme, forse no
a Berlino sarà diversa.
Qualcosa spinge ad affinare i sensi.
La mia discografia privata dice:
soviet più elettricità
non fanno il comunismo.

Il cantato non è più decifrabile
salvo ricordarlo com’era
e qualche stortura cade;
beati gli inermi, nessun rispetto
per quelle canne palustri
che si fanno chiamare poeti.
L’amore sfugge e sanguina
non è dessert di false fughe,
che sfonda il cranio e preme
sul cuore rimasto a terra,
rosso inerme come prima
tanto da confondersi
con ogni altra sporcizia
in un giorno senza voglie.
Fatte e inventate tutte.
La ragazza ipovedente giace,
lasciata sul treno per Ancona.
Il tempo a venire
sarà una sfera di cristallo
da raccogliere con attenzione
per evitare di ferirsi ancora.

******

Beyond Glass

The Soviet plus elettricity
Do not make Comunism
Even if it’s a given fact
That in Stalingrad they don’t pass
(CCCP – Loyal to the line)

Beyound glass the afony of the grey
spontaneous, uniform maybe not
in Berlin there it is different.
Something pushes to refine the senses.
My private discography says:
Soviet plus electricity
Don’t make communism.

What is sung is no longer decifrable
beyond recalling it as it was
and some bending falls off;
blessed the worms, no rispect
for those muddy reeds
who call themselves poets.
Love runs away and bleeds
It is not dessert of false wrinkles,
that pierces the skull and oppresses
the heart left on the earth,
helpless red like before
so as to be confounded
with all the other dirt
on every day without desires.
Alle done and invented.
The hyperseeing girl awaits,
forgotten on the train for Ancona.
The coming time
will be one crystal ball
to be picked up with attention
so as to avoid another wound.

© 2017 American translation by Adeodato Piazza Nicolai of the poem Oltre vetro of Flavio Almerighi. All Rights Reserved.

fuck the system

Quello che fa veramente schifo è il mondo letterario o presunto tale. Più in basso vai e peggio è, più in alto vai ed è uguale! Un mondo di leccaculo talmente stratificato da fare impallidire persino gli strati rocciosi. E più si credono alternativi e anti sistema, più sono leccaculo. Ci arrivi, ci stai per un po’, ti dici, ma è tutto qui? E te ne vai di corsa a cercare un po’ di xamamina.