vergogne amArgine: i tanti casi Cucchi (parole forti e altrettanto inutili)

Questi politici, gracchianti, mediocri e tutti uguali, rapaci anche quando gridano “onestà”, sono l’immagine specchiata di chi li ha nominati e poi fatti eleggere. Le istituzioni sono pur sempre fatte da uomini malgrado la Costituzione più bella del mondo. Questi uomini sono “recuperatori” mandati in giro dalla finanziaria UE a tormentare chi ha sospesi. Forti coi deboli, assai deboli coi più forti di loro. Si chiama ragion di stato, giusto? Casi come quello di Stefano Cucchi, massacrato di botte, e morto per averle prese dentro una stazione dei Carabinieri, ce ne sono stati eccome. Vogliamo parlare dell’anarchico Pinelli e di tutti quelli successivi? Emerge la verità dopo quasi dieci anni, solo perché uno degli imputati ha ceduto a quel minimo di coscienza che ha, e quindi ha confessato. Non preoccupatevi, è stato un incidente, le cose torneranno esattamente come prima: quasi tutti riprenderanno a farla franca. E’ risaputo. Ripropongo un brano di alcuni anni fa, spero che qualcuno abbia voglia di pensare e riflettere su come stiano veramente le cose, e si metta con qualcun altro per tentare di cambiarle.

nomi comuni di cosa

tecniche pionieristiche
fanno sembrare moderni
fogli autunnali già morti,
lasciati alla bontà degli archivisti
alle ante dei loro armadi
riempiti a nomi comuni di cosa

Cucchi, Aldrovandi, Bianzino,
si voglia in caso accertare
se siano morti davvero

(certi bastardi sono poliziotti)

mediocrità è perdersi all’ombra
di un crollo, più giovani i corpi
e più flessibili sono, guariscono
incassano meglio l’offesa
fanno rabbia quei recuperi
e non ci si diverte più

(certi poliziotti sono bastardi)

serve maggior fermezza,
più giusto è un solo colpo,
colpire al cuore risparmiando
sul monte straordinari
sui preventivi e le assoluzioni
perché il fatto non sussiste, poi
alette di pollo e coca cola

Annunci

nomi comuni di cosa

tecniche pionieristiche
fanno sembrare moderni
fogli autunnali già morti,
lasciati alla bontà degli archivisti
alle ante dei loro armadi
riempiti a nomi comuni di cosa

Cucchi, Aldrovandi, Bianzino,
si voglia in caso accertare
se siano morti davvero

(certi bastardi sono poliziotti)

mediocrità è perdersi all’ombra
di un crollo, più giovani i corpi
e più flessibili sono, guariscono
incassano meglio l’offesa
fanno rabbia quei recuperi
e non ci si diverte più

(certi poliziotti sono bastardi)

serve maggior fermezza,
più giusto è un solo colpo,
colpire al cuore risparmiando
sul monte straordinari
sui preventivi e le assoluzioni
perché il fatto non sussiste, poi
alette di pollo e coca cola