tipico topic

Poeti e filosofi si sono dannati l’anima negli anni della guerra fredda perché Auschwitz non si ripetesse, il tentativo di esorcismo si è rivelato un’ottima e riuscitissima evocazione (gulag, killing fields, pulizia etnica nell’ex Jugoslavia tra i casi più eclatanti). Certo che alla “fine della storia”, deliberata all’unanimità dopo il 1989, potrebbe anche corrispondere una “poesia senza memoria” dal momento che il fosforo serve oramai soltanto per fabbricare ottime bombe.