Giorni Iblei di Angela Greco versione inglese di Adeodato Piazza Nicolai

A long poem or micro “poema” it doesn’t need categorizing. The writing of Angela Greco is rich, exaustive, but avoids excessive richness/length in its lines, attaining fascination and musica-lity. “The Iblei Days” is the telli of a summer vacation in Sicily, a short vacation. The heat, the fires, the rugged beauties of the Iblea area of Sicily. It is filtered through the eyes of the woman poet, alsays a sharp and accurate trasmutating into poetry. On the other, hand if her creativity did not pass through the eyesight, for the person behind that look we would have a product and not an art work. I invite you to reead this poem, listen to the assonance,to the powerful verses, so lovely to read beause devoid of dried-up branches and dead-end rail tracks. Angela Greco ha chosen very strong and suggestive verses for each stanza openingso so that the reading is not only fascinating but also self-aware. I think that poetry draws new lymph, because in its way this is a renewed style of writing. (Flavio Almerighi)

Iblei Days – inedited by Angela Greco (August 2017)

An owl flies over the awakening. Few cars
behind the glass; another age rises with the sun
from the stone. Voices from the tiny window barely open
instill in the ears absences and dissonance.
Beams seen far away and deep physiological drops
on the involuntary meridian; the zeroed shadow laughs
of the silence behind green reflectors barely slanted.
The parapet aligns the road and shopping bags; get on,
we have time to disinfect our own habits. Little else
rests waiting for us, the hibiscus and his white petals.

Each house has dead fixtures on the outside wall.
The bridge cuts the eyeview in diagonal, we proceed
parallel to the driedup river. On the right side, the wound
of the last recovery opens her eyes on the hillside
burn by August. We live with grasses left to the choice
of a huge, pityless sun. A crack moans un the road;
an olive tree anchors the earth and a agrasshopper
also awaits the sort at three o’clock in the afternoon.
The first floor is on sale held up by mouths that bluff
the muted eye of the nobles left to guard the collapse.

The sun “barocca” [1] the heat; on the circle carved on the door
echoes a distant train towards nord-east.
The old man next door has cane and white hat
to use for morning shopping. On the tilted tile a nest
and a carrub tree sing. The light is blinding. We enter,
there are still dark corners talking to us. Night clings
with the cricket and the last star of an unberable August.
The crack on the wall and the eye far away; in the absence
of rain, a dryness unwanted. Walls without mortar
lie upon cut-down breasts. There is no shade and the road
is marked by one number only. An indication uprooted
like teeth biting lost feet along this place.

The ibean night has eyes of the plains far from the sea.
Outside it seems we can still survive. The corner
of light invests a bridge with many stumps; a river
rises to the south and swallows the earth, making us equal
and gives back transparencies known to your mouth. The morning
then, is a new climax. The wind narrows both eyes and breath;
shakes up the noons, ruffles the tea hour.
Absences ruminate. Here one doesn’t smoke. The breath
is laboring in your direction. The knots undone,
we are trempests beginning to form, waiting for rain.
The way is marked by small cemeteries; brief pauses
among almond fires and August. Time of one flower.
We’ll dry up at the next station ready for Veronica
to wipe away sweat and the road. The sea at our side
until the return.

[1] NOTE: In Italian the verse begins: “Il sole barocca l’afa”—it is na image that offers no translatable alternatives, hence the translator used “barocca” as in the original. The word is a neologism in Italian, from the adjective “barocco”, meaning baroque. (NdT).

© 2017 American translation by Adeodato Piazza Nicolai of GIORNI IBLEI written by Angela Greco.
All Rights Reserved both for the original and its translation.

BIOGRAPHICAL NOTE


ANGELA GRECO was born on May 1, 1976, in Massafra (Province of Taranto). She lives there with her family. In prose she has published Portraint of a Girl at theMirror (Stories, Lupo Editor, 2008); Arabesques Carved by the Sun (Terra d’Ulivi 2013); Personal Eden ( La Vita Felice, 2015, Intro by Rita Pacilio), Crossing me ( Limina Mentis, 2015), with a photography cycle realized with Giorgio Chiantini and an introductive note by Nunzio Tria. Anamorphosis Culture Project, Rome, 2017, Introduction by Giorgio Linguaglossa. Ready for September 2017, Contrary Currents (Ensemble ed. Rome). (© American translation by A. P. Nicolai. All Rights Reserved).

Annunci

Un inedito di Giovanni Sagrini (1965) con traduzione di Adeodato Piazza Nicolai

tra brevi rossori di rosa

L’impeto della pazienza
rivede una per una le tue carezze,
i veli lasciati scendere
tra brevi rossori di rosa,
attende un giorno appeso in cielo
dov’è l’occhio primitivo del sole?

Mentre vive non sa smentire
illusione e ricordo
*
Among brief redness of rose

The fury of patience
again sees one by one your caresses,
the veils left falling
among the brief redness of rose,
awaiting one day hung in the sky
where’s the primitive eye of the sun?

While it lives it cannot cancel
illusion and remembrance.

Copyright 2017 for the translation by A. P. Nicolai of the original poem by Giovanni Sagrini. All Rights Reserved.

Giovanni Sagrini nacque a Casola Valsenio (RA) il 21 gennaio 1939. Studente liceale, fu costretto su una sedia a rotelle dall’età di diciott’anni a seguito di un investimento stradale avvenuto sulla provinciale casolana/riolese. Poeta mai pubblicato, i suoi quaderni sono stati ritrovati dopo la morte, avvenuta per complicazioni cardiache nel 1966.

Apriti il colletto (trad. Adeodato Piazza Nicolai)

Apriti il colletto,
è ora di respirare da solo
e della frottola
di un evidente desiderio
passata a malinteso
per non dimenticare.
Risparmia fiato
per nuova incoerenza,
non convincerti che il cuore
possa indurire come pane
da baciare poi gettare
inutile e indigesto,
il pane duro e nero
porta dentro i rudimenti
della terra.
Scalciamo più del dovuto,
siamo uomini in coda
sorpresi dall’agguato
dei martelletti bene allineati
dentro un pianoforte.

*

Open your shirt collar

Open your shirt collar,
it is time to breathe by yourself
and of the lie
of an obvious desire
missunderstood
so as not to forget.
Save your breath
for a novel incoherence,
don’t convince yourself that the heart
can harden like bread
to be kissed then discarded
as useless and undigested,
bread hard and black
carries inside the rudiments
of the earth.
We kick more than is needed,
men lined-up
surprised by the trap
of the strikers well aligned
inside a pianoforte.

© 2017 American translation by A. P. Nicolai of the poem “Apriti il colletto” of Flavio Almerighi.
All Rights Reserved for the original poem and its translation.

Ercole è un baro (trad. inglese di Adeodato Piazza Nicolai)

Scardina il tempo,
questa cosa si nutre
delle nostre paure,
vuole che ne abbiamo.
Rotola e srotola il tappeto,
Ercole è un baro.

Non c’è liberazione
a disoccupare le case,
averne un po’ nella manica
nella nail art da riporto
nelle notizie che vagano,
la Nona non è la Settima.

Ercole è un baro, pensai
poggiata la testa sul cuscino:
un giorno tutto questo sarà tuo
pensò,
mi estasiai
mi sconsacrai, scivolai

perduti nel Gran Mare
della Tranquillità,
disturbati ma eclatanti
abbiamo inghiottito
vero amore
in forma di bevanda calda.

Ercole is a gambler

Unwinding time,
this thing feeds
on our fears,
wanting us to òpossess them.
It winds and unwinds the carpet
Ercole is a gambler.

There is no freedom
to occupy homes,
havesomething up our seeve
in the nail art of news
in the tales running around,
the Ninth is not the Seventh.

Ercole is a gambler, I thought
my head reclined on a pillow
some day all of this will be yours
he thought,
I was ecstatic
I was disappointed, I slid

lost in the Great Sea
of Tranquility,
disturbed but eclectic
we swallowed
true love
in the shape of a warm drink.

© 2017 for the American translation by A. P. Nicolai of the poem ERCOLE È UN BARO, of Flavio Almerighi, All Rights Reserved for the original and the translation.

letture amArgine: due nuovi inediti di Adeodato Piazza Nicolai

Il poeta e l’attualità si potrebbe aggiungere. Due brani molto diversi tra loro. Il primo proviene dall’onda d’urto provocata dai tremendi fatti di Barcellona. Il secondo è permeato di sarcasmo, speriamo che il fumo non ci riduca a primati, visto che anch’io sono un discreto fumatore. Un grazie all’autore per la fiducia accordata ancora una volta a questo blog, e per la qualità dei testi proposti. (Flavio Almerighi)

NON FU RAMBO

Giorni fa non fu Rambo
sulla Rambla di Barcellona
a scucire la vita di Luca ma
un jihadista rabbioso senza
coscienza e con disonore.
Oggi a Dobbiaco sette geniali
ragazzi interpreteranno
la Nona di Beethoven: musica
dei kalashnicov contrapposta
alle note per non dimenticare.
Vita e morte s’incrostano
selvaggiamente su questa terra.
Ciao, Luca. Buon viaggio. …
Pregheremo per te
là dove sei già ritornato …

© 2017 Adeodato Piazza Nicolai
Vigo di Cadore, 19 agosto, ore 10:25

*

TABACCOFILIA

«Ma la Ruth che sedeva accanto a me
nella mia stanzetta in soffitta alla fine
della giornata, le gambe allungate oltre
il bordo del materasso, la tazza fumante
tenuta con entrambe le mani, quella era
la Ruth di Hailsham, e qualunque cosa fosse
successa durante il giorno, ricominciavamo
[a fumare] da dove ci eravamo interrotte
l’ultima volta che ci eravamo ritrovate così» [1]

Parte prima

IL FUMO causa diverticoli cardiopatici
IL FUMO ammazza – smetti adesso
IL TABACCO fa ricche oltre 70 aziende plurinazionali
IL FUMO causa oltre il 90% dei “buchi neri” ai polmoni
IL FUMO galleggia sulle collettive poltrone
IL FUMO trascrive i dispiaceri dentro i polmoni
IL FUMO rigenera ictus e zero generositàà
I FIGLI (nipoti e pronipoti) dei scalatori hanno varie
probabilità di precipitare
IL FUMO causa contrasti pseudoconciliari
SMETTI di fumare e sgobba al posto dei soliti furbetti
che timbrano il cartellino per andare a fumare
IL FUMO combatte l’infelicità
IL FUMO aumenta il rischio di diventare prepotenti senza cerotti
IL FUMO sa uccidere il feto nell’utero paterno
IL FUMO neutralizza ogni cancro alla bocca e alle narici
IL TABACCO rende multi-billiardarie le varie multinazionali
IL FUMO non asseconda alcuna preghiera

Parte Seconda

[ NOTA: MO si riferisce al “messaggio originale” stampato sui pacchetti di sigarette. MA si riferisce al “messaggio alternativo” proposto, in chiave autoironica, dallo scrittore, che è un fumatore incallito. Ha tentato varie volte di smettere, e fin’ora ha sempre fallito…]

MO = IL FUMO uccide – smetti subito
MA = LA FAME è suicida –non smettere troppo presto
MO = IL TUO FUMO può nuocere ai tuoi figli, la tua famiglia e ai tuoi amici
MA = LA MORTE può nuocere ai tuoi vicini, ai tuoi figli e ai tuoi nemici
MO = IL FUMO causa attacchi cardiaci
MA = IL FUMO promette esondamenti afrodisiaci
MO = IL FUMO causa ictus e disabilità
MA = IL FUMO produce rictus e probabilità
MO = I FIGLI dei fumatori hanno più probabilità di cominciare a fumare
MA = I PADRI dei fumatori hanno più capacità di predicare agli altri
MO = SMETTI DI FUMARE e vivi per i tuoi cari
MA = SE NON SMETTI di fumare vivrai più a lungo dei tuoi cari
MO = IL FUMO causa attacchi cardiaci
MA = IL FUMO attutisce attacchi amorosi
MO = IL FUMO è dannoso per i tuoi denti e le tue gengive
MA = IL FUMO è prezioso per il tuo vizio e le tue sorgive

MO = IL FUMO causa attacchi cardiaci
MA = IL FUMO promette erezioni afrodisiache
MO = IL FUMO riduce la fertilità
MA = IL FUMO produce STUPIDITÀ
MO = IL FUMO causa attacchi cardiaci
MA = IL FUMO ammazza gorilla cardiopatici

MO = NUMERO VERDE 800.554.088 per smettere (di fumare)
MA = NUMERO ROSSO 000.000.000 per ricordare come fumar

CONCLUSIONI PROVVISORIE: IL FUMO CAUSA ATTACCHI PSICADELICI,
E LA TABACCOFILIA POTREBBE PRODURRE UNA CRONICA GORILLOMANIA

© 2017 Adeodato Piazza Nicolai, Vigo di Cadore,
dal mese di febbraio al mese di agosto 2017. Tutti i Diritti Riservati
dalle Multinazionali del Tabacco, le di cui pubblicità sono state citate.
I diritti d’autore sono riservati per le “varianti ironiche” create.

NOTA [1] – Kazuo Ishiguro, NON LASCIARMI, la biblioteca di Repubblica – l’Espresso.
© 2017 Edizione speciale per GEDI Gruppo Editoriale S.p.A, p. 161-162. Diritti Riservati

mia figlia (trad. inglese di Adeodato Piazza Nicolai)

molte volte
ci siamo amati con le donne
ognuna ha il suo sapore,

l’unica, la più lontana
un giorno fortunato
mi ha dato una figlia,
una donna come me
col mio nome
a battezzare ogni via
di futuro e qualche manifesto

no, implicazioni diverse
non ci sono
è così, basta.

Lasciamo speculare
i molti apprendisti avanzati
inutili altrimenti,
mangino pane
senza lievito di birra,
cicale indurite sui tronchi
nel tempo della siccità,

confini segnati
da un sottile filo di perle.
Cambia l’idioma,
niente più è
soffrire a ore,
il dolore una diaspora,

che mia figlia è bella
unica, venuta bene, sola
difficile da trovare

MY DAUGHTER

Many times
we made love to women
each one with her own flavor,

the only one, the most distant
one lucky day
gave me a daughter,
a woman like me
with my name
to bless every future
way and some manifest

no, different implications
there weren’t
and so it isn’t enough.

Lets speculate on
the many advanced apprendists
otherwise useless,
let them eat bread
and beer without yeast,
hardened cicadas on tree trunks
in the time of dryness,

borders marked
by a thin thread of pearls.
Change the idiom,
Nothing rests
like suffering by hours
pain is a diaspora,

that my daugher is beautiful,
unique, well evolved, alone
difficult to find

© 2017 American translation by A. P. Nicolai of the poem by Flavio Almerighi, MIA FIGLIA. All Rights Reserved for the original and for the translation.

Tu che fai per vivere? (trad. di Adeodato Piazza Nicolai)

E’ disgustoso osservare come i nostri parenti serpenti europei affrontino la questione legata a un movimento di popoli da fare impallidire quelli di Goti e Unni 1600 anni fa. Ci pensino Italia e Grecia! Belle parole, compiti a casa, gli iberici che non vogliono assolutamente sbarchi nei loro bei porti, i francesi per bocca del loro impiegatuccio presidente hanno già detto “mais non”, i crucchi d’austria sono pronti a schierare l’esercito alle frontiere (un bel centenario di Caporetto col botto!), gli altri qualche altra bella parola di circostanza e forse anche una mancetta. Si fottano, che ci stiamo a fare in un’europa del genere, quando siamo già africa? “Caleranno i Vandali/gli Unni sono già qui”

Sembra ci siano vampiri
sotto questo sole.
Un bel mare tonalità salvia
t’assale a perdita d’occhio.

Un’ora, Khalid prenditi un’ora.

C’è movimento per aria.
Ti farai vivo, guardia
dentro un palazzo di giustizia
quando l’amore è tormenta
ma ha paura a scoprirsi.

Sposato, diviso, risposato
su altari da campo,
morto e sopravvissuto.
La memoria è una finestra alta
senza grondaia.

Tu che fai per vivere?
Sventro ritornelli, tu?
Io li immagino

WHAT DO YOU DO FOR A LIVING?

There seem to be vampires
under this sun.
A lovely sea with sage tints
as far as the eye can see.

One hour, Khalid, take one hour.

There is movement in the air.
You will show up, a guard
inside a palace of justice
when love is tormented
but afraid to be revealed.

Married, divorced, married again
in open-field camps,
dead and survived.
Memory is a high window
with no gutter.

What do you do for a living?
I cut up refrains, and you?
I imagine them

© 2017 American translation by A. P. Nicolai of the poem
“Tu che fai per vivere?” by Flavio Almerighi. All Rights Reserved.