Un’idea di Edie S (trad. inglese di Adeodato Piazza Nicolai)

sorriso mezzo crudo,
color mimetico si allena
a guardare in basso,
dove di solito nessuno vede
il silenzio di una vita.
Coglie fiori in mazzi
sul punto in cui l’argine
si getta nel fiume
e li riporta indietro.
Essere felici, parole grosse
abbandonate a margine
di un film d’amore,
la sciarpa gira attorno al collo
gira allacciata con cura
su quel sorriso al sangue.

AN IDEA OF EDIE S.

Smile half raw
mimetic color in training
to look down, where
usually nobody sees
the silence of a lifetime
better picking a bunch of flowers
at the point where the argin
flows into the river
and brings it back.
To be happy,
big words spent at the margin
of a love movie,
scarf around the neck
tied at best with care
over a bloody smile.

©2017 American translation by Adeodato Piazza Nicolai of the poem UN’IDEA
DI EDIE S. by Flavio Almerighi. All Rights Reserved.

ascolti amArgine: 18 maggio Ian Curtis

Lascereste seppellire i morti dai morti?

Disorder

I’ve been waiting for a guide to come and take me by the hand,
Could these sensations make me feel the pleasures of a normal man?
These sensations barely interest me for another day,
I’ve got the spirit, lose the feeling, take the shock away.

It’s getting faster, moving faster now, it’s getting out of hand,
On the tenth floor, down the back stairs, it’s a no man’s land,
Lights are flashing, cars are crashing, getting frequent now,
I’ve got the spirit, lose the feeling, let it out somehow.

What means to you, what means to me, and we will meet again,
I’m watching you, I’m watching her, I’ll take no pity from you friends,
Who is right, who can tell, and who gives a damn right now,
Until the spirit new sensation takes hold, then you know,
Until the spirit new sensation takes hold, then you know,
Until the spirit new sensation takes hold, then you know,
I’ve got the spirit, but lose the feeling,
I’ve got the spirit, but lose the feeling,
Feeling, feeling, feeling, feeling, feeling, feeling, feeling.

Ho aspettato che arrivasse una guida e che mi prendesse per mano
queste sensazioni potrebbero farmi sentire i piaceri di un uomo normale?
queste sensazioni a malapena mi interesseranno un altro giorno
io ho lo spirito, ho perso l’emozione, porto via lo shock

tutto sta diventando più veloce, si sta muovendo più veloce adesso, sta sfuggendo di mano
sul decimo piano, giù per le scale sul retro, è una terra di nessuno
le luci stanno splendendo, le auto si stanno scontrando, sta diventando frequente adesso
io ho lo spirito, ho perso l’emozione,lo lascio uscire in qualche modo

quel che significa per te, quel che significa per me e ci incontreremo ancora
ti sto guardando, la sto guardando, non avrò pietà dai tuoi amici
chi ha ragione, chi può dirlo, e chi se ne frega di questo adesso
finchè lo spirito stringerà nuove sensazioni allora lo saprai,
finchè lo spirito stringerà nuove sensazioni allora lo saprai,
finchè lo spirito stringerà nuove sensazioni allora lo saprai
io ho lo spirito, ho perso l’emozione
io ho lo spirito, ho perso l’emozione
emozione, emozione, emozione…

trilobiti

Comparvero prima i trilobiti,
nacquero si moltiplicarono
sparirono per trasformarsi
in tanti pavimenti lucidi.
Non lasciarono biglietti di scuse.

Ognuno di noi ha sempre negato
di averli calpestati durante visite
a luoghi di rispetto,
meta di maestrine innamorate
ancora prima di frequentarli,
respirata l’ombra necessaria
a domandarsi
quali siano stati i loro dei.

Incesto tra crostacei e cellule morte,
noi non veneriamo eroi omerici
ma i risvolti impeccabili
dentro un paio di pantaloni.

sempreverde

Unico mai fuori servizio
sempreverde
non accenna a trovare riposo
nemmeno sui luoghi
in cui ha già suonato,

c’è bisogno traboccante
di seminare, confondere
senza ripensamenti
coinquilini di seconda mano,
perdute le chiavi del cuore

basta nemmeno anteporre
un annuncio con fotografia
per dire, liberatemi
da questo bene maledetto
mai voluto,

consci che ogni Roma
porta i geni sciatti della fine
e la luna è in pessime condizioni,
ovunque ci risveglieremo
soli e forestieri e al freddo.

L’uomo senza vita (trad. inglese di Adeodato Piazza Nicolai)

Foglie morte, figli caduti
poco distanti radici interrate.
Venezia, amore in liquidazione
del nostro piccolo gigante
indifesa sosta l’ombra.
L’uomo senza vita paga cercando
tutto il mare riecheggiante dentro
e non lo vede, l’intravede soltanto
la mattina presto nel dopo sbornia
quando i ponti sono arcuati,
riversi, sospesi ma in ordine.
La pancia dell’aereo produce
voli e motori in caduta libera,
molto più facilmente colpirà
la stanza da letto di un visionario.
Chiunque conoscerà l’estate
col motivo di maggior successo.
Efeso s’interra,
Venezia affonda.

The man without life

Dead leaves, fallen sons
not too far roots underground.
Venice, love on sale
from our little giant
unprotected the shadow.
The man without life pays searching
The whole sea pounding within
and he does not see it, barely glimpsed
in early morning after his drunkedness
when bridges are arched,
backward, suspended but orderly.
The airplane’s belly produces flights
and engines free falling,
more easily it will strike
the bedroom of a visionary.
Anyone will recognize summer
Under the sign of greater success.
Ephesus buries itself,
Venice is sinking.

Anglo american translation of Almerighi
By Adeodato Piazza Nicolai

la sera fu breve

la sera fu breve.
schiacciata di lato
attraverso, di fronte
fuochi freddi
un casotto abbandonato,
il mare viola non vide

Stasera cosce di Poeta,
distratto e affamato
da non volersi accendere,
arrostite a fuoco spento.
Scusa non mi va, scusa.
il canto mi si spezzò dentro.

Tutto buono, bellissimo
ma non va giù niente.
mi sarei schiacciato un tempo,
adolescente, occhi compresi
pur di vederti
nuda fino all’anima.

Stasera no
e quel mare idiota
non muta