Con straordinaria dolcezza

Sapora l’infinito un mattino
di gioia e dolori, mai noia
su cui potersi distendere
rassegnati, tranquilli,
come chi conosce la vita
sa cosa siano sole e nebbia,
bonaccia e tempesta,
che dell’istante siamo figli
ovunque siano tempo e anima,
soprattutto la tua, che raggiungo
forse no, ogni giorno mi armo
provo senza ricordare più
dov’ è andata la mia, in pasto
a un serpente sonnolento
forse,
ma in fondo se c’è domani
morde, pretende cibo a ogni ora
con straordinaria dolcezza.

La migrazione delle rondini

corrono verso Sud
nell’apparente caos nucleare
di ogni cosa
.
silenziosi petti indecifrati 
diretti ai primi sassi d’Appennino
nessuno li ha visti,
nessuno cui dire vieni a vedere
.
sotto un cielo rosa azzurro
pronte a partire, precise
come riesce soltanto a chi vola;
oggi ho visto le rondini migrare

.

Pinta d’oro

Sento freddo ogni volta,
quando uscendo indossa
un cappottino color latte tiepido,
non c’è campana nessuna messa.
Ha tanta vita e non lo sa.
.
Anni su anni, il bracconiere
continua ad annusare impronte,
cerca tra i rami scalfitture, pezzetti
d’abito e pelle staccati
durante una vita di frodo.
.
All’osteria il prezzo è consueto,
una pinta d’oro per ridare fiato
a questo cerchio pallido:
porto il libro
per riempire una panca vuota!
*

Ripartenza 55

Hi hi hi hi !!! Mi sto esercitando alla risata diabolica con cui questa sera aprirò il portone a quei piccoli sventurati travestiti da Harry Potter in cerca noie. Sto provando un travestimento da Ozzie Osbourne in procinto di decapitare un piccione, che decollerò a morsi davanti ai bambinetti, i quali presi dallo spavento fuggiranno urlando e maledicendo il giorno in cui mi hanno incontrato. Ovviamente sul campanello ho già sostituito la dicitura Almerighi con quella di Osbourne. Questo per quanto concerne il concetto di scherzetto. Sto preparandomi comunque anche sul versante dolcetto. Ho recuperato uno sfavillante sacchetto della Lindt e l’ho riempito con cioccolatini e caramelle varie, tutto rigorosamente scaduto dal tempo delle Guerre Puniche. Dopo mezzanotte, per sviare i sospetti, sul campanello rimetterò la dicitura Almerighi, così per confondere le acque. Aspetto i sopravvissuti per Halloween 2022: hihihihihi!

Estasi di Carol Ann Duffy

Foto Mariapina Ciancio

Nei tuoi pensieri tutto il giorno, tu nei miei.
Gli uccelli cantano al riparo di un albero.
Sopra la preghiera della pioggia, un blu sterminato,
non il paradiso, che non va da nessuna parte, senza fine.
Perché mai le nostre vite si allontanano
da noi stesse, mentre rimaniamo intrappolate nel tempo,
in fila verso la morte? Sembra che nulla possa mutare
lo schema dei nostri giorni.

Sto al riparo

Sto al riparo nel cuore
dei tuoi pensieri come il vagabondo
emerso dal mare, che nessuno ama
o vorrebbe incrociare
prima di una mattinata fredda,
gli abiti spruzzati di sale
un tutt’uno da rivedere,
rivivere e smacchiare
nel più profondo dei tuoi occhi
quando la luce risale e trova pace
dentro un’ansa appartata nel tempo.