Per Elisabetta di Ottiero Ottieri

Ottiero Ottieri (1924 – 2002) è stato scrittore, poeta e sociologo.

Lucio, io vorrei che tua figlia
non fosse morta. Non ci resta altrimenti
che raggiungerla anche se non sappiamo
bene dove; lentamente dimenticarla

è ripugnante. Ci scotta ormai
sotto i piedi la terra.
Si è aperto un vulcano che ignoriamo
quando si spegne.

Scende intanto una lava nera sul cranio
e il cuore, li avvolge, e li dimena
fra l’esserci per un immediato decesso

o l’attendere attraverso un diurno notturno.
Fra ricordare e dimenticare
si è aperto lo spacco.

*

5 pensieri su “Per Elisabetta di Ottiero Ottieri

  1. Un dilemma fra il ricordare o il dimenticare una persona amata deceduta, si evince da questi versi dolenti. Ma poiché non si può decidere quando defungere, bisogna affidarsi con dolore al tempo che. mitighi la sofferenza e nel contempo cercare consolazione, nel pensiero che un giorno la si raggiungerà. Una poesia veritiera che, mette in luce momenti dolorosi, che ognuno di noi ha sperimentato nella propria vita. Versi apprezzati!

  2. …..un dolore immenso e “contronatura” la perdita d’un figlio, che segnerà irrimediabimente respiri di vita, privati della loro fondamentale essenza….
    Versi notevoli e tristissimi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.