Come tu vuoi di Mario Luzi

La tramontana screpola le argille,
stringe, assoda le terre di lavoro,
irrita l’acqua nelle conche; lascia
zappe confitte, aratri inerti
nel campo. Se qualcuno esce per legna,
o si sposta a fatica o si sofferma
rattrappito in cappucci e pellegrine,
serra i denti. Che regna nella stanza
è il silenzio del testimone muto
della neve, della pioggia, del fumo,
dell’immobilità del mutamento.

*

Pubblicità

5 pensieri su “Come tu vuoi di Mario Luzi

  1. La tramontana crepa le argille, indurisce le terre di lavoro, movimenta le acque e lascia abbandonati gli strumenti di lavoro. Gela chiunque esce per fare un servizio qualunque, mentre nella stanza regna il silenzio del gelo della neve, della pioggia, testimoni muti del dell’immobilità del mutamento. Un dipinto essenziale di un’aura di transizione. Notevole!

  2. Accesi venti di tramontana creano danni ovunque spirano, mettendo a disagio anche chi è costretto a uscire. Nell’ambiente chiuso regna il silenzio, testimone delle cose che cambiano nel tempo….
    Bellissima lirica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.