Primo autunno di Elisa di Margherita Guidacci

Margherita Guidacci (Firenze, 25 aprile 1921 –Roma, 19 giugno 1992).

Che dirti, amore mio, che dirti?
Che l’uva è vendemmiata
ed ogni succo disfatto in dolcezza?
Che ragnatele di nebbia
hanno striato la terra? Nel bosco
tutte le bacche sono ormai cadute,
rimane il legno bruno e lucido
e l’anno corre alla sua foce
lungo le vene dell’ultima foglia.

Che dirti, amore mio, che dirti?
Le parole hanno un senso
soltanto se le nutre la memoria.
Ma tu non hai ricordo di stagioni,
tanto meno ricordo di ricordi:
sei nuova e fresca, intatta dal declino
che rattrista lo sguardo di tua madre
mentre fissi serena
questo tuo primo autunno.

*

Pubblicità

11 pensieri su “Primo autunno di Elisa di Margherita Guidacci

  1. Versi evocativi di un sentire interiore che, mette in luce con pacata tristezza la stagione nebbiosa che, scorre verso la foce dell’inverno. E qui, nell’altra strofa, descrive il paradigma della mancanza della madre, trapassata nell’altro mondo, di cui sente acuta nostalgia in questo primo autunno della sua assenza. Un verseggio pacato e colmo d’immagini coinvolgenti che, attrae il lettore, rendendolo partecipe al suo contesto. Emozionante e notevole. Grazie delle tue proposte Flavio!

  2. ….una speciale delicatezza poetica, unita a particolare eleganza del verso, è ciò che più si nota, in questa bella lirica, ove scenari autunnali, si mischiano ad un’accentuata nostalgia, della figura materna..
    Lirica molto apprezzata

  3. Di Margherita Guidacci conosco una sola poesia, ed è bellissima. Si intitola L’albero occidentale.
    Poiché ero l’albero più occidentale del giardino
    Per ultimo mi scuotevo di dosso la fredda rugiada.
    Nebbia e noia via dai miei rami lentamente strisciavano
    E nessuno al mio risveglio applaudiva,
    Ché i miei compagni erano da tempo gloriosi nella luce.

    Ma la sera su me emigravano gli uccelli
    Che l’ombra sgomentava da ogni altro verde asilo;
    Lungo e dolce da me s’alzava il canto;
    Avidi gli occhi degli uomini mi fissavano, mentre
    Ero avvolto dal sole nell’amoroso addio
    E brillavo come una torcia sul mondo spento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.