Edward Grieg con poesie di Dunya Mikhail

La partita
.

È soltanto una regina
mossa da un re sventato
che conta i quadrati ogni giorno
sostenendo che sono di meno
e prepara torri e cavalli
sognando un accanito rivale
È soltanto un re
mosso da un abile giocatore
che si rompe la testa
e perde il suo tempo in una partita infinita
È soltanto un giocatore
mosso da una vita vuota
in bianco e nero
È soltanto una vita
mossa da un dio confuso
che un giorno ha provato a giocare con l’argilla
È soltanto un dio
che non sa come uscire dal guaio in cui si è cacciato.

.
*
.
L’ombra di una lacrima
.

Al tempo dei saluti affrettati
e della luce artificiale
l’ombra di una lacrima cala
sul cielo
né ruote che accelerano
né strade
né gomma
la possono cancellare

Sui rami spezzati
si librano uccelli indifferenti
uno di loro resta indietro
niente paura
li raggiungerà tra poco
è solo toccato dall’ombra della lacrima
spezzata sui rami.

.
*
.
La tazza
.

La donna capovolge la tazza tra le lettere
spegne le luci a parte una candela
poggia il dito sulla tazza
ripete parole come formula magica
Spirito… se ci sei rispondi sì
La tazza si sposta verso destra per dire – sì –
– sei veramente lo spirito di mio marito che è stato ucciso?
la tazza si sposta verso destra per dire – sì –
– perché mi hai lasciato così presto?
la tazza indica le lettere: n o n d i p e n d e d a m e
– perché non sei scappato?
la tazza indica le lettere: s o n o s c a p p a t o
– e come ti hanno ucciso allora?
la tazza indica le lettere: a l l e s p a l l e
– che faccio di tutta la mia solitudine?
la tazza non si muove
– mi manchi
la tazza non si muove
– mi ami?
la tazza si sposta verso destra per dire – sì –
– posso farti restare qui?
la tazza si sposta verso sinistra per dire – no –
– vengo con te?
la tazza si sposta verso sinistra
– ci saranno cambiamenti nella nostra vita?
la tazza si sposta verso destra
– quando?
la tazza indica 1996
– stai bene?
la tazza – dopo un attimo di esitazione – si sposta verso destra
– che mi consigli di fare?
s c a p p a
– per andare dove?
la tazza non si muove
– ci sarà un’altra disgrazia?
la tazza non si muove
– che raccomandazione mi lasci?
la tazza indica una successione di lettere senza senso
– ti sei stancato di rispondere?
la tazza si sposta verso sinistra
– posso farti ancora domande?
la tazza non si muove
dopo un attimo di silenzio – la donna balbetta:
Spirito… vai in pace
poi chiama il figlio che è in giardino
a catturare insetti con un elmetto forato.

.
*

Dunya Mikhail (1965) è una poetessa irachena residente negli Stati Uniti d’America. Lavorava presso il giornale iracheno The Baghdad Observer, ma di fronte alle crescenti minacce e vessazioni da parte delle autorità irachene per i suoi scritti, nel 1990 fu costretta a fuggire all’estero.

***********

 

Pubblicità

12 pensieri su “Edward Grieg con poesie di Dunya Mikhail

  1. Dunya Mikhail:
    Iraqi American poet Dunya Mikhail was born in Baghdad and earned a BA at the University of Baghdad. She worked as a translator and journalist for the Baghdad Observer before being placed on Saddam Hussein’s enemies list. She immigrated to the United States in the mid-1990s and earned an MA at Wayne State University.

    So this is another one of the so-called “exile writers”, one who is shitting on her own nest. What has poet Dunya Mikhail got to say about the US war against her home country Iraq, from 2003 to 2011? What has she got to say or write about living in the enemy country, while her compatriots died under US bombs? Is there anything to be found in her poetry?

    If you find something, please print it here, Flavio. Thank you.

  2. Liriche che mettono in rilievo il regime oppressivo che vige in Iran. Prima quando era governato dallo Scia vigeva il sistema feudale. L’ il paese viveva nella povertà assoluta. Con l’avvento degli Hayatolla, le cose sono peggiorate, tanta gente è stata perseguitata. Molta gente è stata ammazzata dopo essere sparita. Alla fine il pianto che scorre non sarà mai asciugato per questa insana persecuzione. Esiste la sciaria e la religione è messa al primo posto in tutti gli ambiti della vita sociale. Giornalisti non collaborazionisti sono stati costretti a scappare e ciò è rimarcato nella terza poesia. La giornalista che ha assistito a una seduta spiritica , ha saputo, finalmente che il marito è stato ucciso dal regime quindi anche lei è fuggita dal paese per rifugiarsi in America. Liriche interessanti che, ci danno la situazione sociale oppressiva che vige in Iran. Lieve la musica d’accompagno che mitiga il clima di terrore vigente in quel luogo. Poesie notevli e molto apprezzate.

  3. ….un crescendo di splendida musica accompagna l’originalità, e l’eleganza,di queste notevoli liirche, su cui è bello soffermarsi, per apprenderne il profondo significato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.