Gioielli Rubati 212: Sebastiàn Felgueras – Yolanda – Lucia Triolo – Mariangela Ruggiu – Alessandra Carnaroli – Piergiorgio Zambolin – Biagina Danieli – Silvia De Angelis.

[Sono rinato] [eco nel tempo]
[la mia lotta] [le mie paure] [i miei sentimenti]
[La vita passa e se non mi sveglio
Sarò condannato a stare fermo]
[resistere] [non fermare il tuo movimento]
[non importa quanto sia dura la lotta]
[il tuo abbraccio la tua risata si incontrernno]
[non dimenticare che tutto il tuo amore lo cura]
[le cose si stanno muovendo lentamente]
[l’aria filtrava ciò che il vento portava]
[la terra si muove in un unico ritmo]
[sente] [a terra] [che siamo vivi]
[si sente per terra] [che siamo vivi]
[sente per terra che siamo vivi]
[AHYRE]
[tutti stanno cambiando]
.
di Sebastiàm Felgueras, qui:
https://sfelguer.wordpress.com/2022/08/22/las-ideas/
.
*
.
Verso la speranza
.
Lucentezza metallica attorno ai cerchi di lanugine delle nubi
contrasti al di là dei fiocchi di neve piangenti
frustrazione pulsante insieme ad aneliti di speranza
energia indebolita, nebbia intrisa di sonno
finestre aperte, gocce trasparenti
vento riposante – dove le storie prendono forma in parole.
.
di Yolanda, qui:
https://mittprivatakrig.com/2022/08/27/poesi-mot-hopp/
.
*
.
In un pezzo di carta straccia
ho raccolto l’oblio
-inappagato respirava lì
sotto la gonna a fiori
di mia madre
poi l’ho infilato in gola
per non dimenticare
.
mi si aggrappa addosso il finimondo
del dirimpettaio
.
di Lucia Triolo, qui:
https://www.facebook.com/lucia.triolo.100
.
*
.
il gocciolio dalle grondaie
riscrive i margini
i bordi del letto
nelle stanze segrete
.
fermati ora
prima che spiova
prima che passi
tutto il mio tempo
.
come acqua nei rivoli
tornerà a scorrere
il desiderio
.
questa storia bruciata
incisa sulle rocce segrete
abbiamo dietro gli occhi
.
dimenticata
ma pronta a tirar fuori le unghie
.
tu amami senza le mani
senza la bocca senza i denti
solo con gli occhi
.
di Mariangela Ruggiu, qui:
https://www.facebook.com/mariangela.ruggiu
.
*
.
Questa madre
Che deve decidere se postare la foto
delle lasagne cotte nel forno elettrico
nonostante l’aumento della bolletta
ma fatte in casa quindi senza spreco
inutile di metano e gomme termiche
O il selfie di lei che si vede un po’ di fianco
Il seno appena esposto il riflesso del sole
all’angolo della bocca semi aperta
Mi ricorda la saracinesca dell’alimentari
dove una volta ho subito una mezza violenza
L’odore di formaggio me lo riporta in mente
Come un cane col bastone il reflusso
Dopo un pasto chiedo per un’amica
Esiste un filtro per sembrare benedetta
O gemella della figlia?
.
di Alessandra Carnaroli, qui:
https://www.facebook.com/alessandra.carnaroli.5
.
*
.
Una ad una le lune sono calate,
portandosi via legate a spaghi
le donne come figurine disegnate,
gli occhi grandi spalancati,
le bocche coi fumetti bombati
e le dolci parole esclamative.
.
Seduti in collina, che c’è un’osteria,
noi come ogni sera tra un silenzio e un bicchiere
guardiamo in su: ma la notte con i suoi venti
(arcani, timidi) spinge via la tovaglia
e subito l’alba incombe
e tra poco tempo navigheremo nella chiarìa d’uve
e nella grandine leggera. Ci sarà infatti
di mattina presto un temporale
e noi per questo dormiremo al riparo di tettoia
sognando strade di Baviera ed altre strade
ad aspettarci.
.
Giorni, mattine di felici noi alla deriva
dei desideri quieti,
dei sogni già di scuola vicini,
settembrini.
.
( ci bevevamo l’anno 1982, che correva)
.
di Piergiorgio Zambolin, qui:
https://www.facebook.com/friends/requests/?profile_id=1542397742
.
*
.
Oggi 3 settembre
.
tra le mani
il mio dolore
oggi
settantanove volte
rinnego il fato e le sue volontà
e se i miei occhi non ti vedono
la mia pelle non dimentica
forte del tuo odore
la tua esistenza.
.
di Biagina Danieli, qui:
https://biadoit.wordpress.com/2022/09/03/oggi-3-settembre/
.
*

.

Nei pressi del lago
.
S’accosta alla vena del silenzio
quel brusìo tacito del lago
mentre nel cerchio raffermo della coscienza
s’addentrano pensieri d’inconfessate smanie.
S’adagiano sul torace concavo
per discendere sull’estro dell’io
che ne esalti il fascino
intinto su cerchi concentrici d’acqua
mossi da un ciottolo intrigante.
Nella lucentezza metallica d’un riflesso
in un limpido abbandono
il disamore raffermo s’identifica
allo stupore d’un verbo
che si fa muto
sull’ebbrezza di sassi sbiaditi
al calore di un’emozione
di Silvia De Angelis, qui:
https://quandolamentesisveste.wordpress.com/?fbclid=IwAR2VWeNRC3uetA5lzQpvW5tgeozd2mPxO0Iaz19pitabmVYjtjBxFy2pJSA
.

**********

Pubblicità

21 pensieri su “Gioielli Rubati 212: Sebastiàn Felgueras – Yolanda – Lucia Triolo – Mariangela Ruggiu – Alessandra Carnaroli – Piergiorgio Zambolin – Biagina Danieli – Silvia De Angelis.

  1. testi pieni di mordente i gioielli di questa settimana, a salutare l’estate che inizia a finire e introduce splendide stagioni poetiche. Grazie Flavio per aver inserito anche un mio testo

  2. Pingback: Gioielli Rubati 212: Sebastiàn Felgueras – Yolanda – Lucia Triolo – Mariangela Ruggiu – Alessandra Carnaroli – Piergiorgio Zambolin – Biagina Danieli… – poesie semiserie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.