Gioielli Rubati 209: Raffaele Ferrari – Paolo Chinca – Alba Toni – Eraldo Baldini – Savina Dolores Massa – Anna Maria Spalloni – Abele Longo – Caterina Rotondi.

Ho steso i miei pensieri
ad ardere
nelle lingue del mondo
a quel futuro improbabile
e rovisto nell’erba
sulla pista dei bruchi
fossi eterno
capirei il delirio
delle cose grandi
ed il mistero
delle piccole
le lune sulle maree dei cieli
.
di Raffaele Ferrari, qui:
https://www.facebook.com/raffaele.ferrari1
.
*
.
Stazioni antiche
.
Lungo il rasoio
della rotaia
rivive il filo del tempo
col sole che scende oramai
sul cuore vuoto
della sala d’aspetto
.
La prossima stazione
non prevede sosta
non c’è prezzo per avere il suo nome
scritto sul biglietto
I vagoni nella fila del rosario
non sono più speranza per alcuno
.
Niente passi sul marciapiede
Qui non sale nessuno
Nessuno che attende
.
Sotto la pensilina
nessuno
passeggia impaziente…
.
Qui mi fermo io soltanto.
Questo è il posto…
dove resto solo
e non chiedo più niente
.
di Paolo Chinca, qui:
https://www.facebook.com/profile.php?id=100009629223258
.
*
.
A me che nacqui dolorosa e libera.
.
Non vi difenderò poiché non sono un eroe
ho voluto salvare il suo sguardo infantile.
Toglietemi pure il camice
l’alloro che marcisce sulle fronti
ma non venitemi a raccontare
che in tanti anni
non abbia dissotterrato il marcio.
Ieri era ieri
domani non farò promesse
su questa storia triste
oscillerò a tempo un’onda
e a tempo ancora
sull’onda remota che ricordo.
Alta imponente schiumosa
fosti fuoco fosti acqua nel petto
eppure è un secolo
che mi sfidasti
a dirlo
per me mille anni sono quanto un filo d’oro.
Non vi difenderò allora
poiché le vostre parole irriverenti
scostumate sulla morte
mi appaiono appena appena rantoli
come vostri ultimi respiri.
.
di Alba Toni, qui:
https://www.facebook.com/alba.toni.14
.
*
.
Questo vento che tira
dalla parte sbagliata
è di carta vetrata.
Inganna, raggira,
non offre sollievo.
Dalla bocca sguaiata
di lontane distese di sabbia
soffia la rabbia
della terra incendiata.
.
di Eraldo Baldini, qui:
https://www.facebook.com/eraldo.baldini
.
*
.
Già dormivo e non ho smesso
per quel tuo raggiungermi nel letto
in delicatezza
di volto nell’ansa di un collo spaventato
chissà da quale sogno
chissà.
Mi hai messo il fiato a disposizione
e il corpo intero in affido
la lingua poco poco in bacio
poi mi hai sospirato il tuo abbandono
chissà in quale sogno
chissà.
Non so quale spazio abbiamo raggiunto
– non più notte quasi alba –
non so se fate morgane da deserto
si sono fatte ossa o carne.
Così vanno certe notti d’amore
tra un cane e la sua donna.
.
di Savina Dolores Massa, qui:
https://www.facebook.com/savina.massa
.
*
.
Un ricordo del ’19, un ricordo diciannovista
.
La vecchia era piena di Alzheimer come fosse un bignè alla crema
ma lei non lo sapeva
..ondeggiava la bocca carnosa con la testa piena di capelli scuri
appena lisciati di bianco
e prima di rispondere alla bionda faceva lunghe pause.
Oogni tanto inclinava il viso verso la spalla sinistra , come per focalizzare meglio l’immagine che si sperdeva nell’acqua dei suoi occhi.
Non era sorda, ma la bionda continuava a parlarle a voce alta.
Lei proponeva sorrisi da ex brava bimba,
ex pin up,
ex dado star,
cavalla mansueta,
Della serie “ce l’ho sulla punta della lingua…”
E poi ogni tanto metteva il mento in tralice
E aspettava
E emanava con gli occhi e con il ciuffo ribelle da capra selvatica una cosa come: ti prego vacci piano con le parole,
che non mi servono più tanto
che non le metto in giusta regola
Fammi un cazzo di sorriso
E amami, invece di leggere quel cazzo di libro di poesia
Perché in fondo.. forse sei mia sorella
“E questa borsa di finta pelle verde è proprio bella, vero?”
E muove le labbra carnose
E la bionda non risponde
E io alla prossima fermata scendo
E non ti volgere a guardarmi
Perché sparisco
Con tutti gli acquitrini verdi del cervello e le mollette
che reggono il ciuffo ribelle
Io esco da questo treno
Per sempre.
P.S.
La donna bionda tirò la leva dell’allarme all’improvviso
.
di Anna Maria Spalloni, qui:
https://www.facebook.com/anna.spalloni
.
*
.

Muri a secco

Si condensa
nei confini netti
di una terra
arida di zolle
la notte,

con solchi chiusi
alle falesie,
dove il mare
fa da ponte
all’universo.

.
di Abele Longo, qui:
https://lucaniart.wordpress.com/2022/08/08/una-poesia-di-abele-longo/?fbclid=IwAR3ev0clhryJfT2e10GEbTmup27pFL3Q4gh055E35DhPfvbP-jCyZo3HJxY
.
*
.
Dove il tutto resta.
.

Non bastano
gli occhi
nè l’artista
nè la memoria.

Solo l’amore che hai dentro
ti stringe il Cuore
quando il bello vola via
e vorresti
fermarli i momenti
per altri
Interminabili Eternità.
Dove il Tutto Resta.

.
di Caterina Rotondi, qui:
https://caterinarotondi.com/2022/07/30/dove-il-tutto-resta/
.
*******
 

19 pensieri su “Gioielli Rubati 209: Raffaele Ferrari – Paolo Chinca – Alba Toni – Eraldo Baldini – Savina Dolores Massa – Anna Maria Spalloni – Abele Longo – Caterina Rotondi.

  1. un invito a pesare mente e cuore, i magnifici gioielli di questa Domenica di Agosto, un invito alla riflessione senza assilli, ma anche senza distrazioni. Grazie Flavio, a te e a tutti i tuoi autori

  2. Pingback: Gioielli Rubati 209: Raffaele Ferrari – Paolo Chinca – Alba Toni – Eraldo Baldini – Savina Dolores Massa – Anna Maria Spalloni – Abele Longo – … – poesie semiserie

  3. Paolo Chinca (da Fb)
    È sempre un privilegio essere raccolti da Flavio, ma la bellezza è condividere questo privilegio con altri autori che ringrazio e con i quali mi complimento.

  4. È un giorno di lutto , le poesie ,indugiano un po’ , poi lentamente entrano , strattonano in uno ritmo strano ,finché impedite
    s’arrestano

    Ho da salutare un ‘amica , vorrei fuggire
    È lei che mi chiama
    un sussurro
    – Non posso aspettarti fino a settembre –
    Ascolto la sua voce per un po’
    non riconosco il tempo , è nuovo
    Quel respiro ansima
    si fa affanna,
    tira più forte

    fino alla caverna .
    .
    .
    .

    Trasuda e lacrima ancora il corpo
    Non ti sento più
    Singhiozzo senza ritegno
    Blatero senza senno
    Ce lo avevamo già detto
    Si nasce e si muore
    Oggi la mia poesia e’ il silenzio

    Ciao Flavio sono un po ansante . Le poesie si rivelano gioelli . Buon pomeriggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.