San Silvestro 1917 di Karl Kraus

Karl Kraus (1874 – 1936) scrittore, giornalista,
aforista, umorista, saggista, commediografo,
e poeta austriaco.

L’anno vecchio è affondato inerme
e dallo scannatoio sorge il nuovo.
I bei tempi sono infami?
E la vergogna non frena il corso degli anni?
Un orecchio timoroso ascolta lontano:
solo di tanto in tanto si sente tremare la terra.
Ma imperturbabili passano i tempi
su questo sogno peccaminoso.
Passano con i lunari,
continuando nel nuovo anno l’usata attività:
si congedano dagli assassini dell’umanità,
buon anno augurando ai profanatori del creato.

Traduzione di G.B. Bucciol

5 pensieri su “San Silvestro 1917 di Karl Kraus

  1. Il poeta in questi versi mette in luce un periodo storico di forte malessere, per la politica austriaca che sta prendendo una piega nefasta .C’è stato un attentato ad un congiunto della casa reale e da lontano si registrano disordini. Quindi l’anno nuovo avrà anch’esso delle pessime interferenze. Il 1917 è l’anno precedente allo scoppio della prima guerra mondiale. Quindi giustificati i suoi timori. Ottimi versi.

  2. ….un’epoca storica terrificante, e la pesante premonizione d’eventi oscuri, che si verificheranno a livello internazionale.
    Un notevole tratto poetico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.