Mai na gioia 74

Fine della quarantena di Carolina, tampone negativo e io per ora indenne. Il carrello dei bolliti senza la maionese perde smalto. L’unica maionese a distruggere il carrello dei bolliti era il piccolo Di Maio, baby face, l’uomo che in pochi anni ha fatto del Movimento 5 Stelle il movimento cinque stalle; solo renzi prima di lui era riuscito a dilapidare un patrimonio elettorale di tal fatta. Nel 2018 gli italiani alle urne si espressero chiaramente: volevano a tutti i costi un cambiamento, gente nuova e con le palle, votando cinque stelle hanno ottenuto gente nuova e senza palle che, poco dopo, ha fatto una scoperta sconcertante: sotto le mutande delle donne in genere c’è la fica. Ora il maionese se ne va, ha scoperto che il limite dei due mandati è invalicabile, e che gli toccherebbe tornare allo stadio a vendere ghiaccioli. Eh no un simile pippone deve rimanere “prestato” alla politica; ora spero vivamente che quanto rimane dei Cinque Stelle passi all’opposizione o si estingua.

11 pensieri su “Mai na gioia 74

  1. Claudio Zattera (da Fb)
    Una volta indossate la giacca e l’autoblu, non ha più saputo farne senza. E’ l’emblema di come la nostra politica è ridotta, con i peggiori ministri della storia della Repubblica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.