Gioielli Rubati 199: Lucia Triolo – Amilga Quasino – Isabelle Daude – Monica Santi – Raffaele Ferrari – Paolo Perlini – Maria Grazia Galatà – Franco Bonvini.

Ursprüng
.

Non ho mai saputo dare nome alle cose
di ogni identità ho imparato
a fare a meno

maschere nomi immagini corpi
ho lasciato divorarsi l’un l’altro

e il telefono che non suona
dentro la mano

Nel punto in cui dritto e rovescio si con-fondevano
-girandola che sprizza e mi resiste
non ho mai saputo pensare
un al di là e un al di qua
e impugnare gli estremi
per riunire o separare

eppure ho conosciuto albe e tramonti
e il nulla che mi rida’ una piccola porzione
del dormire

.
di Lucia Triolo, qui:
https://poesiesemiserie.wordpress.com/2022/05/27/ursprung/
.
*
.
Il sole non è al suo posto giusto stasera
è stato spostato e cala a nord-est
è una palla arancione immensa
immersa in una nebbia intensa d’arancio improvviso
che fin poco prima era grigione
e non ci sono più le montagne di dietro
dove di solito si va a coricare.
.
Di fronte alla strada nelle nuvole bulbose
spaccano il cielo come crepe giganti
i lampi ora bianchi e ora viola.
.
Mentre i tuoni fanno colonne sonore in quel forno
i cespugli delle ginestre a mazzi sbiadiscono curve
per via dell’infarto causato
da quel colore acceso di inferno.
Non sogno.
.
di Amilga Quasino, qui:
https://www.facebook.com/amilga.quasino
.
*
.
Il pane, la mela e le poesie #11 (Le pain, la pomme et le poemes #11)
.
Scivola nell’ebbrezza delle labbra tra respiro accorciato e prolungamento del desiderio è l’onda di marea che prevale e porta la sua voce esplosiva sempre più lontano nello splendore di un sole a gola piena
.
quelli scivolano dentro un’altra fame divorati dai morsi di un sole implacabile corrosi in pieno giorno dal rosso di un raggio che punta dritto al cuore nessuno si muove più
.
questo lì, qui e ora, scivola verso l’affanno del dopo, il sole si lascia assaporare e forma ombre quasi visibili
.
l’azzurro nell’anima sprigiona gli ultimi sospiri
.
di Isabelle Daude, qui:
https://courirecrireetcrier.wordpress.com/2022/05/27/le-pain-la-pomme-et-les-poemes-11/
.
*
.
uso utile del maltempo
.

Un provvidenziale clima avverso.
Star dentro,
qualcosa che abbraccia.
Sicuro luogo; colori nuovi per oggetti
che hanno molto viaggiato per giungere.
I timbri a cera.
Un bicchiere e il suo contenuto ambrato. Vento.
Le parole misurate di poetesse essenziali,
felpate pagine.
Porta scossa da bordate.
Raccoglimento di quel genere
che genera chiarezza.
Non lì per amore eri, ma per la crescita.
Mentre impazzano nubi la luce varia lesta
Si rimescola ciò che gira nella testa.
Una chiusa d’occhi
per non perdere quel che spetta agli altri sensi
la loro parte di tempesta:
lì lame d’aria negli spifferi,
là scrocchi dolenti di rametti
altri particolari. Muse.
Con cui usare utilmente il maltempo
loro ripetibili e presenti compagne
per chi aspira intuirsi.
La cattura di un refolo che sa di neve
candida seriamente.

.
di Monica Santi, qui
https://monikasanti.wordpress.com/2022/05/28/uso-utile-del-maltempo/
.
*
.
Stamane
una gatta nera
pretendeva carezze o ne portava?
a maggio la via
dà forme alla notte
e fiorisce l’attesa
torneranno estati ed autunni
ormai nel ciclo delle migrazioni
in una bava di nebbia
ci consegneremo confusi
metterà ancora le vibrisse alla porta
e volerà dai fili la gatta occhidoro ?
.
di Raffaele Ferrari, qui:
https://www.facebook.com/raffaele.ferrari1
.
*
.
Per il resto
.
C’è nel borgo in cui risiedo
una donna di quaranta anni
meno uno e qualche mese.
Fuma e conosce le parolacce,
tiene un cane al guinzaglio
ma le sfuggono le bestemmie.
È piccola e senza seno,
ha le braccia e i polsi,
le gambe e le caviglie,
forse anche il petto tatuati.
Saluta due volte ogni sei mesi,
con gli occhi nei giorni dispari,
con un sorriso in quelli pari.
E per il resto è bellissima.
,
di Paolo Perilini, qui:
https://panirlipe.wordpress.com/2022/05/17/per-il-resto/
.
*
,
la libertà costruita – le mille prigioni
quante volte questo lungo pontile
ha toccato un verso d’amore?
c’è una luce
violenta e strana
in quest’oceano che avanza
.
[da Khamsin (frammenti di scrittura) Saya Edizioni 2021]
.
di Maria Grazia Galatà, qui:
https://www.facebook.com/mariagrazia.galata
.
*
.
L’abito di seta rossa
.
L’abito in seta rossa e l’intimo ben riposto sopra il prato
la donna nuda non si vede e l’abito è l’unico indizio di quel che è stato
forse è tra i cespugli al fiume a far l’amore
forse su una spiaggia al mare
e non è il solito nudo bello da vedere.
Ma l’abito non è proprio da scampagnata
e allora la donna chissà da chi o con chi è fuggita
ognuno poi la pensi come vuole
a me piace pensarla dietro ai cespugli a far l’amore.
.
di Franco Bonvini, qui:
https://bonvinifranco.wordpress.com/2022/05/29/labito-di-seta-rossa/
.
***************

20 pensieri su “Gioielli Rubati 199: Lucia Triolo – Amilga Quasino – Isabelle Daude – Monica Santi – Raffaele Ferrari – Paolo Perlini – Maria Grazia Galatà – Franco Bonvini.

  1. Caldi e vibranti i gioielli di questa prima Domenica di Giugno: anticipo per un’estate calda di poesia. Grazie Flavio per averne inserito anche una mia

  2. L’ha ripubblicato su poesie semiseriee ha commentato:
    Caldi e vibranti i gioielli di questa prima Domenica di Giugno: anticipo per un’estate calda di poesia. Ringrazio Flavio Almerighi per averne inserito anche una mia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.