Satchmo Liroforo di Eunice Odio

Eunice Odio (1919 – 1974) poetessa del Costa Rica

Ricordi, Louis Amstrong,
del giorno in cui viaggiammo per un corridoio di suoni
che amavamo fino alla morte?
Ricordi l’onomatopea che ci mise in salvo
e che ci diede un trono d’un solo tratto?
Sembra menzogna, Louis, amor mio,
che abbiamo condiviso tante cose,
tanti rami
e un così grande numero di spume.
Sembra impossibile, Louis,
che tra di noi svaniscano
le forme d’azzurro che ci accompagnavano;
che tu, dardo, arma dell’angelo vivo,
ti lanci dove nessuno potrà riconoscerti
se non per l’allegria,
per la tua voce duracina,
per il tuo modo di prolungarti nella luce
e crescere nell’aria.
Non credo sia svanita dal mondo
la folla di bagliori che ci seguiva.
Bensì credo che si occultino nel tempo
e che non saranno consumati.
Tu, continuazione del fuoco,
piedistallo della nube,
desinenza di farfalla,
oggi vai alla deriva tra farine
e tra altre materie incorruttibili che ti serbano
come serbano tutti i giusti,
tutti gli incantevoli
la cui bellezza viene da lungi e mai ci abbandona
e si incendia tutti i giorni
uguale all’altezza.
Satchmo, amato fino alla musica,
sognato fino all’arpeggio,
le arpe di David e i loro bassi di rame
ti stanno toccando l’anima
e i clavicembali i capelli senza fine.
Ricardo Wagner è in piedi,
attendendoti in una terrazza di tetralogie,
colma di fiori che muovono e crescono continuamente.
Ricardo Wagner è in se stesso
vedendo che giungi al dominio dei cristalli,
armato della cornetta bastarda e del flicorno
suonando un suono di vento,
suonando come un tuono
appena nato ed umido e perfetto.
Ed io, ombra sonora del futuro,
anch’io sono lì,
sognata da due corpi trasparenti
che si baciano e fondono e confondono
nella grande terrazza di tetralogie,
dove tutto è così chiaro come Dio
e l’amore
e gli alberi.

Sabato 10 luglio 1971, il giorno dopo la sua morte, Messico.

Pubblicità

9 pensieri su “Satchmo Liroforo di Eunice Odio

  1. Che meraviglia di persone: lui perché è stato un grandissimo della musica jazz e un grandissimo trombettista, lei una grande poetessa sudamericana che, alla sua morte, volle dedicargli questa meravigliosa ode che lo magnificava nella sua arte. Grande poetessa anche lei. Ha lasciato un vasto assortimento di importanti opere.

  2. Una intensa suggestione, in questo brano poetico di bella lettura, ove sensazioni, e profonda affinità, legano due esseri umani particolrmente empatici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.