Nei foglietti

Tra spine, in mezzo agli strumenti,
religioni sempre più sterili,
in tiepidi avamposti e molte edicole,
tra chiodi e copiose vivande scadute,
ho trovato foglietti vergati in fretta,
la calligrafia sudata non prometteva
facili letture, non erano liste,
appunti scritti con cuore di cemento,
misture o vangeli apocrifi.
.
Contenevano il sangue di Teodorico,
l’intramontabile struttura
dell’acquedotto romano,
medaglie da insignire un petto,
una rondine pasticciata sul piancito
distratta nel muovere le ali.
A quanto pare ci si può stringere
al presente.
.
Rifarla volare non riuscì,
una poesia non vuole stare
tra le pieghe di giorni grigi.
Dorme tranquilla nei foglietti.

*

8 pensieri su “Nei foglietti

  1. La poesia vuole descrivere la verità del momento bello o brutto che sia e, non mi pare che, noi attualmente, stiamo passando un bel periodo. E’ da anni che la società civile è assoggettata a un vivere sempre più precario ed incerto in ogni ambito dei servizi che dovrebbero venirci erogati. Inoltre stiamo vivendo la più grave recessione economica dal dopoguerra ad oggi. Buona giornata Flavio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.