7 pensieri su “E io ero Sandokan – I Musicanti di Brema

      • Actually, it is a children’s song, as you have probably noticed, Flavio.

        I like the five animals on top of each other. I have liked this German children’s tale since my childhood.

      • I musicanti di Brema (Die Bremer Stadtmusikanten) è una fiaba pubblicata dai fratelli Grimm.

        Un asino, un cane, un gatto e un gallo, vissuti in quattro diverse fattorie, sono stati sempre trattati male dai loro padroni, che, una volta invecchiati, volevano sbarazzarsi di loro. Decidono allora di abbandonare il proprio territorio e fuggire. Dopo essersi incontrati, decidono di andare insieme a Brema, in Germania, per vivere senza padroni e provare a diventare musicisti nella banda della città.

        Sulla strada per Brema i quattro animali, stanchi dal lungo cammino, scorgono una casa illuminata, vi guardano dentro e vedono dei briganti seduti ad una tavola riccamente imbandita. Essendo affamati, pensano di mandarli in fuga per poter avere del cibo: dopo essersi posizionati l’uno sopra la schiena dell’altro, intonano uno strano concerto emettendo i propri versi, producendo un rumore assordante. I briganti, non sapendo da dove provenga quel trambusto, pensano che la loro casa sia infestata da fantasmi e fuggono via spaventati. Gli animali allora entrano, si rifocillano con il cibo lasciato dai briganti e decidono di fermarsi lì a dormire per la notte.

        Durante la notte i briganti, non sentendo più rumori, decidono di mandare uno di loro a controllare se nella casa va tutto bene. Non essendoci luce, il volontario va in cucina per accendere una candela. Vedendo gli occhi del gatto brillare nell’oscurità, li scambia per carboni ardenti e avvicina la candela verso il gatto, che però gli salta addosso e gli graffia la faccia. L’uomo fa qualche passo indietro e il cane gli morde una gamba, poi l’asino gli tira un calcio e infine il gallo lo spaventa urlando da sopra il tetto.

        Tornato dai suoi compagni, il brigante volontario, non avendo visto le cause di ciò che gli è accaduto a causa del buio, racconta loro di essere stato malmenato da un’orribile strega che lo ha graffiato (il gatto), da un uomo che lo ha pugnalato (il cane), da un mostro che lo ha bastonato (l’asino) e da un giudice sopra il tetto (il gallo) che ha urlato “Qui il ladro!”. Da allora, non avendo il coraggio di tornare nella casa, i briganti la abbandonano definitivamente; i quattro animali rinunciano quindi ad andare a Brema e rimangono a vivere felicemente lì per il resto della loro vita.

  1. Sembra una bella autentica canzone della resistenza, invece fu scritto da Ettore Scola e musicata da Armando Trovaioli per il film del 1974 infilato: “C’eravamo tanto amat” diretto dallo stesso Scola. Grazie per averla riproposta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.