In guerra chiunque ha torto

A Verdun dieci mesi di battaglia
ottocentomila tra morti e storpiati
e ognuno aveva una madre.
Ripulire i campi dopo la battaglia
toccherà a dèi sciacalli e notturni.
.
Guerra non è tifare all’arena,
ma darsele di santa ragione
fino a dimenticare il motivo
così va il mondo, grazie alle armi
gira molto meglio l’economia.
.
Per noi è televisione, ricordo
sbiadito nella mente dei nonni:
in guerra chiunque ha torto
ma tutti si credono giusti
nel nome santo della presunzione.
.
Nessun pane miracoloso
rimetterà le vittime in piedi,
perciò credi è meglio
uno sforzo mal riuscito di pace
dell’inedia nel lamento.

*

13 pensieri su “In guerra chiunque ha torto

  1. …..un evento inutile, e dannoso, la guerra, nella sua cruenza, in cui risultano tutti perdenti in un campo massacrato d’assurda violenza, in attesa d’aliti di pace…
    Apprezzo sempre la tua originalità poetica, Flavio, vivi un sereno sabato

  2. I vincitori di queste guerre sono i trafficanti d’armi, coloro che vogliono mantenere il loro potere. Tracce di cavalli e tracce di cani sono sempre mescolate tra loro. I perdenti di queste guerre sono sempre la popolazione civile, migliaia di persone, che devono lasciare il proprio Paese. Per queste ragioni, per queste ragioni, non possiamo essere parte della guerra. Non vogliamo alimentare nessuna potenza imperialista. Se riusciamo a vedere le loro politiche, i popoli del mondo potranno porre fine alla guerra. È una bella poesia. Buon fine settimana. Ciao..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.