Andiamo avanti

Sapore metallico di domenica
mentre morde accarezza i rottami
appeso all’ io che non sa ascoltare,
stesso sapore quando i colombi 
si accucciano sui tetti in comune
per trovare poco più caldo
durante la stagione inclemente,
nessuna sinfonia può salvare
e nemmeno altra rabbia 
renderebbe giustizia all’indefinibile
rimasto impigliato tra i denti
caduti con gli anni, con dolcezza ripeto
l’inascoltabile andiamo avanti,
malgrado grigio ferro
non sia argento.

28 pensieri su “Andiamo avanti

  1. Col tempo si cerca di tenere a bada l’insoddisfazione e quella malinconia che alberga latente interiormente, cercando di deviare l’attenzione da quel tarlo che rode l’io rendendolo scontento. Malgrado tutto ciò, si cerca di andare avanti con coraggio, anche se è molto faticoso. Buon inizio di settimana serena Flavio.

  2. Bel componimento Flavio; sento la vibrazione della cornice atmosferica farsi diagramma dell’anima, in un affresco capace di catturare l’istantanea del momento.
    Un grande abbraccio Flavio.

  3. “andiamo avanti” certo! Non c’è un <>. Non ce n’è nemmeno uno, nemmeno “rimasto impigliato tra i denti caduti con gli anni”. Testo malinconico

  4. ripeto perché il commento non è venuto
    “andiamo avanti” certo! Non c’è un ‘si torna indietro’. Non ce n’è nemmeno uno, nemmeno “rimasto impigliato tra i denti caduti con gli anni”. Testo malinconico

  5. …..molto sentito “quell’indefinibile” che prende l’anima, in un periodo maturo della vita, in cui nonostante tutto, lo sguardo sa ove dirigersi….
    Buon martedì Flavio

  6. E’ una lirica con molte chiavi di lettura: dall’attualità alla politica, dai poeti alla poesia; ma io sono convinto che nell’interpretazione vince sempre chi la scrive, il quale, come burattinaio gestisce il messaggio e la sua piccola/grande soddisfazione di poter accarezzare e frustare nello stesso tempo 😉

  7. Il desiderio a volte va e viene, e questo accade è normale. Ora, ciò che non dovrebbe mai mancare sono i motivi per continuare ad andare avanti nella vita, nonostante le difficoltà, nonostante le paure. Solo così scriveremo grandi storie sentendoci protagonisti.
    Come sempre, una poesia di altissima qualità. Un abbraccio Flavio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.