Dietro le quinte

Immobile dietro le quinte,
infastidito il manovratore,
quello delle luci
spinge poco più in là,
non c’è bisogno di suggerimento:
le parti sono già assegnate
.
la giovane attrice
riceverà un fascio di rose rosse
in camerino, finito lo spettacolo, 
tra strucchi e dialoghi che,
per ben riuscire, è necessario
conoscere anche le ultime parole
della battuta precedente
o di sua madre o di suo figlio
.
il pensiero s’intravede
a ogni cambio d’abito,
generalmente fa caldo
sotto la seconda pelle creata
dai visagisti, ben sottolineata
perché l’espressione sia visibile
anche dal loggione
.
amo le tavole nascoste
tra baci e occhiate, è tutto
quanto si può vivere tra una luce
e l’altra.

20 pensieri su “Dietro le quinte

  1. ….tra una luce e l’altra si interpretano parti, che spesso non si confanno, alla nostra vera indole….
    Buon sabato Flavio

  2. Che bello, temi a me molto cari: il volto e la maschera, la maschera dietro la maschera, le quinte dietro le quinte. La recita a soggetto di ogni giorno: mi è ben nota, ma difficilmente il mazzo di rose arriva e quando arriva, spesso è senza profumo. Ma la recita a soggetto continua…”amo le tavole nascoste/tra baci e occhiate, è tutto/quanto si può vivere tra una luce/e l’altra.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.