L’aria è felice

Sarà la Stella di Urano
un legno rimasto tra le braccia
a rassicurare i piedi
che non toccano terra,
ma l’aria è felice
.
nei sottointesi più bui
si avvertono interiorità
impossibili in pieno giorno
tra odori acri, rumori
e al continuo sapore d’attese
.
in realtà non so quali,
quanti passi siano immaginabili
a percorrere una notte sola
per scoprire l’altro me
e imbrogliar le stelle.

17 pensieri su “L’aria è felice

  1. bello questo brano che vaga nel tempo rallentato notturno in cerca di parti nascoste del sè e di tracce raccolte nella giornata…e imbrogliare le stelle può suscitare stupore
    buondì Flavio

  2. E’ difficile, lasciar trapelare, nel giorno,la parte più intima di noi stessi, che si idealizza nella sera, ai di fuori d’una scia di stelle….
    Buon martedì Flavio

  3. Incipit evocativo al massimo: è merito della stella se il legno tra le braccia rassicura i piedi che non toccano terra. Affascinante il seguito: un viaggio nell’oscuro del proprio intimo per “scoprire l’altro me” e tornare da lì ad imbrogliar le stelle

  4. Una bellissima lirica. La sento profondamente, perché scende nel mio intimo e mi ricorda la mia battaglia continua contro la mie ombre, che sto combattendo con grande fatica. Una grande emozione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.