Ascolta & Leggi: A.A. Williams con cinque poetesse del tutto dimenticate.

ALL’ALLEGREZZA
di Graziella Ajmone (1912-1993)

Non vieni dalle cose ma dal cuore
e il mondo trasfiguri
come il sole nascente.
Anche in mezzo alle spine e alle tempeste
io so che m’accompagni,
simile a un dolce lume
che splenda nel profondo.
Nei tuoi occhi rispecchi ogni bellezza
ma di nulla hai bisogno;
come un albero sei di primo marzo
cui può bastare il sogno
della sua fioritura.
Ti fa più bella il pianto
e amore ti dà l’ali per cantare.
Se il Signore t’ha messo a me daccanto,
non mi lasciare tu, non mi lasciare,
o celeste creatura!

(da “Mattutino”, Vita e Pensiero, Milano 1942)
 
*
 
ANCORA LA PRIMAVERA
di Elda Bossi (1901-1996)

È dunque ancora la dolce stagione
quando con un sospiro la terra
si risveglia giovinetta
come al tempo della creazione?

È un’ora sola, benedetta,
quando l’erba s’azzarda fuori
e si schiudono fioretti
come inventati allora allora;

quando le gemme tentan la scorza
con feroce gioia esplosiva
e ogni pollone ha il languore e la forza
della cosa da poco viva;

e tu scopri segreti odori
se cammini solitario,
e segrete brame e tristezze
se un poco solo t’ascolti il cuore:

quell’eterna malinconia
come disciolta nell’aria,
ché dolce ancora è il paese
e domani andiamo via.

(da “Poesia nuda”, Cappelli, Bologna 1956)
 
*
 
SOLITUDINE SACRA
di Marcella Caecilia (?-?)

Sacra è la solitudine che vapora nel mare dell’essere.
Cupo incenso, che nasconde le origini,
L’Anima avvolge;
E in quelle interiori lande sperduto, geme lo spirito.
Ma io l’amo: E il silenzio tuo tremendo abbraccio,
Con puro bacio suggendovi l’inane forma delle cose.
Caduti sono i velari dipinti della dipinta vita:
S’apre la buia notte,
La solitudine buia,
La solitudine sacra,
La desolata Amante!

(da “I salmi dell’anima”, L’Eroica, Milano 1921)
 
*
 
MADRE
di Valentina Magnoni (?-?)

Come a una curva d’ombra
mi proteggono i rami
delle tue braccia.
E se la vita è simile a una via
che anche in febbre si corre,
nel saldo sangue di cui fa compatto
il palpito fedele,
Madre, al tuo seno,
ogni male s’acqueta e il mondo è solo
la parola che sgorga sul tuo labbro.

(da “Cuore nel tempo”, Libreria Modernissima, Roma 1939)
 
*
 
MALINCONIA
di Giuseppina Sperandeo Cosco (1905-?)

Io sono come un campo d’alta montagna, un prato
non falciato, ricolmo
d’erbe e di fiori senza nome, al cui orlo
trema un cielo
terribilmente vicino e lontano, al cui bordo
gorgoglia un’acqua nata e perduta.
                                                   Il vento
a volte vi danza non visto e vi scende
coi nembi.
                Solitudine
regna poi sovrana ed ascolta
sparse voci che scendono ai piani.

(da “Meraviglia”, Quaderni di «Persona», Roma 1969)
 
***************************************************************************************************

9 pensieri su “Ascolta & Leggi: A.A. Williams con cinque poetesse del tutto dimenticate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.