Gioielli Rubati 139: Grazia Denaro – Cipriano Gentilino – Marco G. Maggi – Elisa Falciori – Luigi Paraboschi – Gil Ferando – Massimo Botturi – Mauro Contini.

Grazie a Daniela Cerrato per la collaborazione, la rubrica è reperibile anche qui:
https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
.
 
 
Osservando la notte
.
Penso
non ci sia limite all’emozione
quando si osserva la notte
ascoltandone il silenzio
che avvolge ogni cosa.
.
O respirare
il sentore dell’universo
nell’atto di porgere
le sue meraviglie e i suoi profumi
mente il cielo è una trapunta
di stelle brillanti
capitanate
dal diamante lunare
che nel suo stile specchiato
illumina
l’ombra occultata tra le pieghe del buio
accendendo meraviglia
da incamerare in un equilibrio
di occhi ed anima.
.
di Grazia Denaro, qui:
.
*
.
Da questa domenica all’altra
.
Un traghetto Grandi Navi Veloci
tiene in quarantena
gente d’Africa.
.
Piove,
il maestrale ha lasciato
ciuffi di nuvole da ponente.
.
Sulla tavola da sparecchiare
un gelo di arancia e
due dita di nero d’Avola,
.
una mail allo smartphone
per crociere a metà prezzo
da questa domenica all’altra.
.
di Cipriano Gentilino, qui:
https://ciprianogentilinonuccio.wordpress.com/2021/03/30/da-questa-domenica-allaltra/
.
*
Oltre la linea
.
Potremmo attraversare laggiù
tra il leccio scortecciato
e quel filare di pioppi
adagiati sull’argine
la linea di questo tempo amorfo
.
.Avvertiremo qualche anno in più
forse un acciacco di troppo
sarà un fatto improvviso
e del tutto imponderabile.
.
Finché non ci rimarrà che sparire
.
come al solito.
.
di Marco G. Maggi, qui:
https://mandolinom.wordpress.com/2021/03/21/oltre-la-linea/
.
*
.
Quel piangersi addosso
.
Quel piangersi addosso
non lo sopporto più.
Stringono una maschera tra le mani
quando si dirigono tese, con scarsi sorrisi
verso grigiastri amori …
.
Chi sono? Donne che alzano bandiera bianca
ma hanno guanti di pizzo, e ombre da assecondare.
Mete da raggiungere, trattative
di vanesio trasgredire e libertà da legami.
.
Camminano su un ponte d’assi fragili.
A volte, spinte cadono in acqua
a volte si tuffano
e il pianto diventa mare.
.
di Elisa Falciori, qui:
https://elisafalciori.wordpress.com/2021/03/08/quel-piangersi-addosso/
.
*
Sei tu forse il giardiniere?
.
 
Amavo sopra di tutto le pause
nel tuo parlare e la mitezza
dentro il suo fluire lento
d’ acqua che scorre in fondo
ai fossi dopo la pioggia.
Ti rivolgevi a tanti
ed io sedevo tra loro,
non c’era nel tuo dire
una condanna,
tu eri un solitario solidale
venuto per testimoniare
ciò che si dovrebbe e non si fa.
Dicevano di me che ero adultera
il codice era chiaro: lapidazione,
ero di tutti per poca ricompensa
ma mi potevano prendere a sassate
anche se il mio non era vizio ma lavoro
E ti vidi solitario e contro un muro
mentre seduto a terra facevi segni
nella sabbia con il dito,
poiché nessuno scagliò la pietra
m’ ero salvata e cominciai a seguirti
in disparte tra le poche donne
con l’altra Maria e anche Marta.
Di certo so che amavo nel silenzio
quel tuo distacco dalla terra, c’era la pace
nella dolcezza dei gesti di benevolenza
ed ora sto accovacciata ai piedi
di questo sasso enorme abbandonato
davanti alla tua tomba scoperchiata
ma tu che vieni avanti, dimmi chi sei
sei forse il giardiniere? sei tu
che l’ hai portavo via?
dove potrò vederlo?
.
Di Luigi Paraboschi
https://www.facebook.com/profile.php?id=100018279588942
.
*
 
Avremo ancora l’odore del ferro nella carne
senza chiederci se quella violenza
fosse dell’uomo o quale demone
avrebbe goduto in perversione
o se anche quello spirito fosse straziato
dallo scempio dell’origine nell’icona di Dio.
La crudeltà conosce in sé solo la sete del sangue.
Attende la materia la fine dei tempi
perché riveli la mutazione dei segni
la Storia.
.
Di Gil Ferando
https://www.facebook.com/gil.ferando.7
.
*
 
Risorta
.
Come se pietra ti fosse questo lino
il bianco carapace dei sogni ora scostato.
Non sei figlia di Dio, ma femmina terrena
risorta come Lazzaro ai secoli, divina
nell’acqua e nelle messi degli inguini.
Loquace, come lo sono le foglie del ginepro.
Scomposta la mattina che un prato ora mi avviene
dove due scolaresche squittiscono per ore.
Se questa vita è calma lacustre, tu sei il tuono
la lama dell’estiva cicala nel canneto.
Ora risorta, attendi la tua prossima morte
me vicino, capace di umettarti le labbra
tale al putto, nel quadro della Vergine al muro.
Siamo grano, tu del colore acerbo
pur se non te ne avvedi. Io il fiore del papavero rosso
sì sottile, che puoi guardarmi dentro
quel che chiamiamo amore.
.
Di Massimo Botturi
https://www.facebook.com/massimo.botturi.5
 
*
 
IN UN’ALTRA EPOCA SONO STATO TE
.
In un’altra epoca
sono stato te,
immagine sfuggita
al ricatto del ricordo,
ombra di memoria negata
all’apritisesamo della trasparenza,
misuravo il tempo
in affetti e vicinanza.
” A quale geografia appartieni,
da quale desuetudine
affiora la gentilezza
sopravvissuta alla fragilità? “
Emergono le immagini
da incerti scampoli di sogni,
ritornano le estati schierate
a svelare scenari di bellezza,
la dissipazione nel dubbio,
la sua genesi diffusa nel divenire.
Sono tre i giorni dell’attesa,
è l’anima che si dedica al tuo volto,
sei tu che rinneghi la tua assenza
dentro l’anonimo fluire delle esistenze,
hai adempiuto,
hai condiviso l’inesatto,
il perdersi del giusto nell’opaco,
” tornerai, tornerai ancora
con passo di carezze,
oli profumati a circondare le caviglie,
a lenire assenze, affetti scampati dall’arena “,
tu, onda che aderisce al movimento,
spiaggia che si affanna a trattenere la corrente.
.
Di Mauro Contini
https://www.facebook.com/mauro.contini1
.
**************************************************************************************

27 pensieri su “Gioielli Rubati 139: Grazia Denaro – Cipriano Gentilino – Marco G. Maggi – Elisa Falciori – Luigi Paraboschi – Gil Ferando – Massimo Botturi – Mauro Contini.

  1. Grazie Flavio. Un piacere trovare un mio pezzo tra così preziosi gioielli. Tutti belli. Quello di Maggi, Paraboschi e Contini i più piaciuti.
    Un abbraccio e buona serena domenica a tutti!

  2. Pingback: Quel piangersi addosso – Elisa Falciori

  3. Merci beaucoup, c’est une joie de découvrir de nouveaux poètes et nouvelles poétesses, des voix inconnues s’élever pour nous emporter on ne sait où, mais qu’importe, je suis poétiquement consentante, très bon dimanche, 🙂

  4. Pingback: Gioielli Rubati 139: Grazia Denaro – Cipriano Gentilino – Marco G. Maggi – Elisa Falciori – Luigi Paraboschi – Gil Ferando – Massimo Botturi – Mauro … – c.gentilino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.