Ascolti amArgine: Thick as a brick – Jethro Tull (1972)

La prima parte della prima traccia di un album memorabile, solo un gradino sotto al precedente Aqualung, da una della band più importanti del progressive rock, i Jethro Tull di Ian Anderson. Buon ascolto.

Ottusi come un mattone

Davvero non mi dispiace se questa la saltate.
Le mie parole sono un sussurro e la vostra sordità un URLO.
Posso farvi provare sensazioni ma non riesco a farvi pensare
Il vostro sperma è nello scarico, il vostro amore nel lavandino.
Così avete deciso di attraversare i campi e
di fare i vostri patti osceni
E tutti i vostri saggi immaginano come ci si sente ad essere ottusi come un mattone.

E le virtù come castelli di sabbia vengono spazzate via
dalla marea distruttiva della confusione morale.
L’onda che si ritrae segna la fine della partita
e scopre un sentiero appena tracciato.
Ma le vostre scarpe nuove hanno i tacchi già consumati
e la vostra abbronzatura sta rapidamente scomparendo
e i vostri saggi nemmeno si immaginano come ci si sente ad essere ottusi come un mattone.

E l’amore che sento io è così lontano:
mi sento come l’incubo che ho avuto oggi
e voi scuotete la testa e dite “che peccato”.

Fatemi tornare ai giorni della mia gioventù
Tirate giù tende di pizzo nero per nascondermi la pura verità
Fatemi tornare nel passato, nelle epoche lontane: lasciate che cantino quella canzone.

Guardate! È nato un bambino e noi lo dichiareremo abile a combattere.
Sulle spalle ha dei punti neri e la notte si piscia addosso
Ma noi faremo di lui un vero uomo
Gli insegneremo un mestiere
gli spiegheremo come giocare a Monopoli e come cantare sotto la pioggia.

Così avete deciso di attraversare i campi e
di fare i vostri patti scellerati
E tutti i vostri saggi immaginano come ci si sente ad essere ottusi come un mattone.

TESTO ORIGINALE

Really don’t mind if you sit this one out
My word’s but a whisper your deafness a shout
I may make you feel but I can’t make you think
Your sperm’s in the gutter your love’s in the sink
So you ride yourselves over the fields
And you make all your animal deals
And your wise men don’t know how it feels
To be thick as a brick
And the sandcastle virtues are all swept away

In the tidal destruction the moral melee
The elastic retreat rings the close of play
As the last wave uncovers the newfangled way
But your new shoes are worn at the heels
And your suntan does rapidly peel
And your wise men don’t know how it feels
To be thick as a brick
And the love that I feel is so far away:
I’m a bad dream that I just had today
And you shake your head
And said it’s a shame

Spin me back down the years and the days of my youth
Draw the lace and black curtains and shut out the whole truth
Spin me down the long ages, let them sing the song
See there, a son is born and we pronounce him fit to fight

There are blackheads on his shoulders, and he pees himself in the night
We’ll make a man of him, put him to trade
Teach him to play Monopoly and how to sing in the rain

And you make all your animal deals
And your wise men don’t know how it feels
To be thick as a brick

**************

7 pensieri su “Ascolti amArgine: Thick as a brick – Jethro Tull (1972)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.