Un inedito di Carolina Almerighi

Ieri Carolina mi ha chiesto se avessi avuto voglia di leggere la sua ultima poesia, e al mio assenso me la ha inviata. L’ho trovata bella per due motivi fondamentali. Il primo è nella scrittura, ben delineata e capace di trasmettere appieno il senso e l’umore che l’ha generata. Il secondo è nel contenuto, dove stanno il disagio e la volontà di reagire ad esso per voltar pagina. Col permesso dell’autrice ve la propongo.

Frustano la testa
Parole di ghiaccio con cui ti perdo
Mai scelta fu più giusta
Di quella che consigliò l’orgoglio
Ferito sbraita in un buio profondo
Nessuno lo sente
Fa giocare ira come se una semplice smorfia non bastasse
Arriva solitudine che in silenzio
Soffia piano una sinfonia
A me familiare, mi spaventa
Odora di amaro
Sorrido perché ti perdo
Mi perdo in un sorriso, ricordo di salsedine e lacrime nel cocktail
Scorrono come se non valessero più una bollicina.
La accendo, sbuffo e penso
Sono arrivata fin qui.
Girati verso una stagione nuova, torneranno le rondini
Le smagliature si abbronzeranno e tu farai attenzione a coprirle col costume.
Lascialo portare dal mare, lontano
arriverà ad un’altra riva
Sarà quella, casa

35 pensieri su “Un inedito di Carolina Almerighi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.