Gioielli Rubati 129: Elisa Falciori – Yves Bergeret – Franco Bonvini – Chiara Marinoni – Daniela Cerrato – Fleurose – Daniele Barbieri – Ferdinando Giordano.

COMUNICO CHE DAL PROSSIMO NUMERO DELLA RUBRICA RIPRENDERA’ LA COLLABORAZIONE CON DANIELA CERRATO

Pietre Cave

Ho sognato la guerra.
Invece di combattere
mi nascondevo in pietre cave.
Da lì, immobile come un dente
appena spuntato
ascoltando la voce degli spari
spiavo il nemico

che alla fine se ne andava
col fucile in mano
e un mezzo sorriso
incredulo per la mia scomparsa

Io, mentre il verde si allargava
ero solo una pietra grigia, fredda
una donna con un bambino
stavano come me, con me
accucciati e zitti.

di Elisa Falciori, qui:
https://elisafalciori.wordpress.com/2020/09/12/pietre-cave/

*

La nuvola e l’alba

Ho posato la testa sulle tue ginocchia
e la tua veste è andata a fuoco.
E ti ho presa
per mano come le fiamme
che afferravano il mare e i suoi scogli
e li tiravano verso l’alto in montagne celesti
di cui noi scalavamo gli strati.

Ho posato la testa sulle tue ginocchia,
tu eri seduta sull’unico vento.
_

Tu eri seduta sull’unico vento
che ti trasportava dalla marea oscura dei soldati
alla marea chiara dei bambini più piccoli.
Ho posato la testa sul vento sibilante.
Dei cani sono accorsi e tu non c’eri più.

Ho posato la testa sulle fiamme
e mentre i miei capelli bruciavano
le ho ingoiate una ad una.
_

Esse mi hanno sollevata fino alla testa
e deposta, ebbra di gioia, nella tua ombra
che ha fatto rotolare la mia memoria
fino all’istmo di sabbia tra gli scogli:
era la frase che cantavo.
_

E’ la frase che canto.

di Yves Bergeret (trad. Francesco Marotta), qui:
https://rebstein.wordpress.com/2021/01/03/la-nuvola-e-lalba/

*

Hands

Sono io queste strade disegnate sulle mani
tendini a vista e vene gonfie.
Stanno sparendo anche i calli sulla punta delle dita
ma con le zeronove non è un gran problema.
E poi ancora tengo sogni nel palmo.
D’altronde che noia un corpo che non cambia mai.
Come un cielo immutevole senza stelle cadenti.

di Franco Bonvini, qui:
https://bonvinifranco.wordpress.com/2021/01/19/hands/

*

Se fossi un foglio

Se mai ci fossero parole
vorrei catturarle
non per me, carne
per il mio animo
che di sete vive
e si alimenta.
Bere di quel nettare
scorrevole
impressionante, che scalfisce
rimanendo puro agli occhi
in rughe di gioia e pazzia
…se ci fossero
avrei millenni in più da vivere
beata tra le nuvole e sassi
in un mare di tormenti
sostare tra i grandi
in terzine mai perse
e vivere armonicamente
in un prato di solitudine
con la gente che passa
cercando.

di Chiara Marinoni, qui:
https://chiaramarinoni.wordpress.com/2021/01/20/se-fossi-un-foglio/

*

Mi chiedi come sto

vedi come si sta? Ogni due passi
un pensiero solleva dal suolo,
a piedi scalzi su nuvole in terra
che piangono solo per gioia.

Nessuna noia riempie i silenzi,
fertili gemme di fine inverno
nascondono segreti di vita.
Si sta con anima pulsante,
l’origine di Courbet allo specchio
riflette il senso di ali aperte
spalancate al volo di meraviglia.

[…] sorridono iridi color rumenite […]

e poi dai, sai bene come si sta, poco fa
una foglia m’ha detto che le hai sorriso.

di Daniela Cerrato, qui:
https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/2021/01/26/se-mi-chiedi-come-sto/

*

Volo Number One

Un nido le parole
intrecciate tra paglia,
ossa mute, battiti perduti.
Tepore, ogni parola avvolge,
consola, nutre, lenisce.
Fino al prossimo volo.
Il primo.
Le ali forti, il cuore impavido.
Intorno il cielo, spaventa ombre.
In alto fino alla prima corrente,
vento che accarezza sogni
e infiniti frammenti di realtà.

di Fleurose, qui:
https://fleurerose.wordpress.com/2021/01/27/volo-number-one/

*

Vento che muove

vento che muove le falde dell’ombrellone da spiaggia
mentre sul fuoco la carne sfrigola e il fumo si sparge
attorno e l’odore chiede di essere un po’ immaginato

perché siamo controvento lontani ma il quadro è semplice
bambini giocano sulla spiaggia ed è semplice il quadro
dopo ci sarà il banchetto ed è semplice tutto questo

vento che muove le falde mentre la carne sul fuoco
promette un altro piacere il sole è ancora incerto ancora
un po’ indietro la stagione quasi al suo punto la carne

chiede il sapore di essere un po’ immaginato la spiaggia
è una realtà compressa

di Daniele Barbieri, qui:
https://ancoraunaltrome.wordpress.com/2021/01/29/vento-che-muove/?fbclid=IwAR3O9U005042ReRWbXolrmYVcm8it-92jXzyEu-hG18gD18LFV5bdZADuKg

*

Ti vedo incurata

In una casa sola, ho una stanza sola.
Tra una parete e l’altra c’è abbastanza spazio
per il corpo non per la mente
malamente
corre dove il corpo non reggerebbe.
La finestra si rivolge a nord-est denigrando
il mezzogiorno appena adesso.
Il mezzogiorno è per ora
solo un punto del panorama. Qui
la punta della pena
scrive la sua pagina di conseguenza.
La posizione ingombrante vizia
il fabbricato e lo lega alla sua età
come dovrebbe
un uomo maturo ai suoi piedi.
La loro vita si regge sulle pietre
alla faccia del sole quando vi pioggia a sbafo.

Da bambino credevo di udirle gemere
nelle mura a mezzogiorno.
È una debolezza che ritrovo
in ogni solitudine. La stanza nella casa
nel condominio nel quartiere dove la luna
si mostra a pezzi e talvolta neppure, si lamenta.
I mobili vibrano
se in soprassalto indovino la porta
ed esco in pensiero: siamo uomini, accidenti,
non solo spiritosi ma corpulenti.
Ti vedo incurata, cittadina
che non sei di aiuto ai ruderi
rimasti, e qui, a cadere.

di Ferdinando Giordano, qui:
https://ferdigiordano.blogspot.com/2021/01/ti-vedo-incurata.html?fbclid=IwAR2fz3mZWQbJXl0tG0i46sy4zVgJy-gKOL8QGW1S0Ct-7W4nB_yqXua_jO8

****************************************************************

38 pensieri su “Gioielli Rubati 129: Elisa Falciori – Yves Bergeret – Franco Bonvini – Chiara Marinoni – Daniela Cerrato – Fleurose – Daniele Barbieri – Ferdinando Giordano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.