Cronaca medusa

A volte la bici cade da sola,
ogni fermo immagine
prepara l’inevitabile tonfo.
Dio Superuomo Indivisibile,
la stanchezza è visitar musei
credere alla terra perché prona
sotto i piedi, finché
una buca fa perdere la fede

seduta a osservare un quadro
all’unica parete
nel centro del deserto
ricco di grafie incerte,
e ricordare una fame
lunga tutta la vita.

Intollerabile vita impietrita
su quanto le accade intorno,
non c’é secolo di grinfie
impreparate ai ventri molli
alla vittima di turno che,
già in caduta,
non offre minima resistenza
al cane alzato.

18 pensieri su “Cronaca medusa

  1. la terra prona ci accoglierà tutti credenti o non, la santità della vita dovrebbe corrispondere alla coscienza del come la si vive, non individualmente ma in collettività. La società attuale non ha certo i requisiti giusti per garantire serenità, anzi, procura ansie e depressioni che spesso sfociano in tragedia. Versi molto belli che aprono a varie riflessioni, tinte forti, penetranti…per chi vuole comprendere il grido di dolore

  2. non so, ma quel quadro appeso a niente: “all’unica parete/nel centro del deserto” mi sembra essere niente di più né niente di meno che il cielo stesso .Nessun appiglio al cielo e tutto intorno la fede nella terra vacilla (le buche nella terra, prona sotto i piedi, e la” vita impietrita/su quanto le accade intorno”, inchiodata allo sguardo ferreo di medusa, al destino inaggirabile della violenza). Nella prona terra non c’è più mistero, salvo il cane alzato di un fucile sulla vittima inerme, Non so se ho dentro una reminiscenza pascoliana (“I due fanciulli”) ma tutto questo affresco mi pare dispiegarsi nella tua poesia

  3. Ciao Flavio
    molto bella e quanto spunti per meditare. Leggevo poco fa quanti campi in Bosnia dove bambini e adulti attendono. E mi fa rabbia che noi siamo quel cane alzato. Cosa ricordiamo in questa memoria contemporanea e più attuale di così, si muore.
    Gran bel brano.
    Un abbraccio
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.