Gioielli Rubati 125: Lucia Triolo – Daniela Cerrato – Giovanni Frau – Anna Maria Bonfiglio – Lucia Lascialfari – Marco Valentini – Nadia Alberici – Solene Vosse.

Il Grande Vetro

omaggio a Marcel Duchamp

nel Grande Vetro
stavamo là come sempre
una rete
agguerrita di noi che forse c’eravamo
forse no
ma che importava! era la commozione
una rifrazione

forse il nostro campo era solo un
piccolo punto
un guardarsi guardare

vastità che non si può
apprezzare
offerto per essere aspettato
sposato
fatto per essere svestito
defraudato

cambiava colore con le stagioni
le ore
le stagioni le ore del nostro
pudore

faceva dimenticare ogni presenza
-aveva una forbice speciale per tagliare
faceva assaporare ogni assenza
-aveva una colla speciale per attirare

dimmi di te amico
non ciò che sei:
il suono di quella campana è già passato
-dimmi
i palpiti raggirati di ciò che non sei

Tu hai l’ardore di un bene speciale
grande
non morale

di Lucia Triolo, qui:
Il Grande Vetro

*

Un volto, un nome

Bracciante ausiliario, merce mercato,
cucciolo d’uomo ginocchia piegate
su una cassetta di frutta rovesciata,
gli occhi a un fianco di speranza
ricolmi del grigio sfumato di nulla.
Non c’è casa nè stanza che lo accolga
non ha mani che assecondino bisogni
non sa il dorato dei sogni, la cura
di quattro mura focolari. Ha chiari
ristagni di tristezza, vorrei vederlo
alzarsi per dare calci a un pallone,
mostrare denti nel sorriso spalancato
di chi come lui non conosce peccato.
Cristo come tanti, già nato, rinascerà
ogni venticinque dicembre, età e nome
sconosciuti, io lo chiamerei Natale.

di Daniela Cerrato, qui:
https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/2020/12/25/un-volto-un-nome/

*

Mi sono accorto che non sono più solo

Segreti che mutano
da foglie a carbone
con uno schiocco di parola,
con uno scintillio –
la fame di cadere –
Non sono più io.
Ciao, vi dico
Rivolto allo specchio
Vieni, mi dite.
I vostri occhi,
Rivolti nella mia penombra
Scrutano l’eternità,
per me invisibile,
al centro del mulinello.
Non ho più nome
Solo foglie nere
Non sono unico,
ma una fronda nera.
Ti amo, mi sussurrate
guardando alle mie spalle.
Quanto ci ha messo
il mio carbone
a diventare segreto?
Chiudo l’acqua
Spengo la luce
Buonanotte.

di Giovanni Frau, qui:
Mi sono accorto che non sono più solo

*

LA PIOGGIA SULLE TEGOLE DI CRETA

Mi vivi dentro –
curva di giorni solitari
cava di sospiri
che scioglie i nodi dell’attesa

La notte rotola insonnia
sul corpo inquieto –
farfalla che piega le ali
in cerca di riposo

Sempre mi insegui
e incroci il desiderio
quando pare che più
ti sia lontana

resti con me
oltre le stazioni del silenzio
a ricordarmi la pioggia
sulle tegole di creta
quando suonava l’ora
del commiato

(a.m.b.) di Anna Maria Bonfiglio, qui:
https://www.facebook.com/anna.m.bonfiglio

*

Fuori il temporale:
di quanta pioggia ho scritto
senza mai esserne sazia.
È per la malinconia che scroscia forte
per i cieli scuri e gonfi
per le gocce ai fili del bucato
per le strade lucide e i lampioni
per i rivoli che vanno nella fogna.

Una magia costante che mi porta a casa.
Io che ho casa.
Una spinta leggera che mi solleva le coltri.
Io che ho il letto.
Io che ho. Ho il bene e l’essere.
Poco mi fa male un rovescio schiantato
di vento
quasi mai mi sfiora il freddo e la pena
se non per un animo malinconico
che il destino mi ha regalato.
Ma esserci esserci forte dentro la tempesta
è cosa eccessiva
tenersi strette le scarpe
rovistare tra le buste per i guanti o il cappello
e un cane vicino che si stenda con te
è vera pioggia sferzante.

di Lucia Lascialfari, qui:
https://www.facebook.com/groups/148742045294230/user/100000166383194

*

Nel blu

Sospeso
come un fazzoletto
che sembrava volasse
ti portava
il tuo respiro ventilato
senza che cadessi

Nero
un vento di tempesta
ti accompagnava,
bianco
quel polmone stanco
si sgonfiava

Ora viaggi
dentro un orizzonte
pieno di blu
dove gli occhiali
sulla punta del naso
non ti servono più

di Marco Valentini, qui:

Nel blu

*

L’INCONSISTENZA

La Luisa ha dimenticato il cancello aperto
monconi di poesia s’infilano dentro al suo cortile
come un treno, girano intorno casa
*
L’inconsistenza dei versi non ha direzione
e s’accoda al primo sbuffo d’aria
*
cercano la luce
uno smeriglio alle parole
gesti utili
da abbinare ai fiori.

di Nadia Alberici, qui:
https://sibillla5.wordpress.com/2020/12/28/linconsistenza/

*

La quiete prima della tempesta

Il mare è bellissimo stasera
e il sole splende mentre tramonta
non riflette nulla di ciò che sento
Seduto lì su una roccia di fronte al faro alla fine del mondo
dove le onde si scontrano e si infrangono
dove il vento soffia più forte
Ti amo tanto quanto ti odio
Ti amo perché è più forte di me
Ti odio per il male che mi fai
con il tuo da « ti amo » che torna a me
così, casualmente, nello spruzzo
sa di sale come le mie lacrime
Via nel vento, non mi dispiace
Ma questo non significa che prendiamo seriamente la nostra storia

Il mare è bellissimo stasera
e il suono del vento che passa non dice altro
che queste storie sono banali e vecchie come il mondo
L’amore probabilmente non era così profondo come abbiamo creduto
A volte più belle sono le parole, più false sono
Quindi forse è meglio che tu sia deluso
Cosa continuare a sperare nella sfocatura

Il mare è bellissimo stasera
All’orizzonte c’è una calma morta
La quiete prima della tempesta
La grande tempesta dentro

di Solene Vosse, qui:
https://solenev63.wordpress.com/2020/06/22/le-calme-avant-la-tempete-suivi-par-comment-est-ta-peine/

************************************************************************

31 pensieri su “Gioielli Rubati 125: Lucia Triolo – Daniela Cerrato – Giovanni Frau – Anna Maria Bonfiglio – Lucia Lascialfari – Marco Valentini – Nadia Alberici – Solene Vosse.

  1. Pingback: Gioielli Rubati 125: Lucia Triolo – Daniela Cerrato – Giovanni Frau – Anna Maria Bonfiglio – Lucia Lascialfari – Marco Valentini – Nadia Alberici – Solene Vosse. — almerighi – Il Canto delle Muse

  2. .Un incipit d’anno all’altezza di questa rubrica sfavillante di poesia. Un bellissimo inizio d’anno anche per me. Grazie Flavio

  3. Scelte raffinate, come sempre, per dare luce a una domenica piovosa…
    Buona domenica a te, Flavio, e complimenti agli autori.

  4. Pingback: Gioielli Rubati 125: Lucia Triolo – Daniela Cerrato – Giovanni Frau – Anna Maria Bonfiglio – Lucia Lascialfari – Marco Valentini – Nadia Alberici – Solene Vosse. | almerighi – Lucia Lascialfari Poesia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.