Gioielli Rubati 116: Adriana Gloria Marigo – Alessandro Gianesini – Cipriano Gentilino – Isabel De Santis – Marco G. Maggi – Abner Rossi – Daniela Cerrato – Tito Balestra.

La stagione va alle prove dei giorni corti

Non ho mai visto un autunno
svagato e superbo
come questo novello –
lo sguardo si sperde nel verticale
mare amaranto che si rimesta
all’aria vivida.

Non c’è tra ieri e oggi segno
di cedimento, la stagione
si è vocata alla metamorfosi,
principia la via verso il gelo

compiaciuta del proprio andare
lento dissolve in terra
la materia vegetale della luce,
porge il cartiglio della melancolia
ora che va alle prove dei giorni corti.

di Adriana Gloria Marigo, da Dieci poesie per l’Autunno, qui:
https://www.facebook.com/adrianagloria

*

La fenice

Voglio essere fragile,
per andar in frantumi
e perdere i pezzi
della scorza colpita.

Voglio esser strappato,
per veder se all’interno,
lacerata la pelle,
c’è qualcosa di bello.

Voglio essere debole,
per poter affermare
che se ora non vinco,
non vuol dir che non valgo.

Voglio esser distrutto,
per poter riplasmare,
la materia mia informe
in qualcosa di meglio.

di Alessandro Gianesini, qui:
https://loscribacchinodelweb.wordpress.com/2020/10/21/la-fenice/

*

OGGI – 20.10.2020

Non avremmo potuto fermarci
immensi scivolavamo oliati
nei luna park all’ultimo scontro

e casse pettorute all’occasione
ci tracciavano laccati di vernice
screziata middle us.

Ora nel buio raffermo del silenzio
la pelle umida di affanno ti sente
e nell’abbraccio trattenuto
respiriamo.

Valderice 20.10.2020
di Cipriano Gentilino, qui:
https://ciprianogentilinonuccio.wordpress.com/2020/10/20/20-10-2020/

*

Senza Amore

Bisogna che stanotte
io violenti
[senza amore]
la Poesia,
sin dentro il suo ventre.

[Perché mia
è la solitudine mentre mi spoglio dal dolore.
Mio
è questo cedimento che smuove
le chiome nere e voluttuose
della fragilità.
Mia
è questa dismissione dell’amore.]

Perché io possa
finalmente tornare padrona
della mia pelle e di questo letto
vuoto e disfatto
dal sudore della donna
che fui.

di Isabel De Santis, qui:
https://battesimaleferita.wordpress.com/2020/10/01/senza-amore/

*

Pawn Shop (Banco dei Pegni)

Le nuvole nere stipate sul mare
catturano il colore dalle tue iridi
lo inghiottono e fuggono via

Come il martin pescatore rapido
s’affanna in volo verso un nido
così svanisce l’azzurrità che
incontravo nel cielo dei tuoi occhi

Fa così freddo
la luce sempre più s’attenua
posata sul languore di altri giorni
l’inverno sopisce ogni speranza

Al banco dei pegni della vita
ogni avanzo di gioia è stato offerto
ma nessuno pare avere la certezza
di tornare a riscattarlo.

di Marco G. Maggi, qui:
https://mandolinom.wordpress.com/2020/10/25/pawn-shop/

*

Compagni di viaggio

Conosco più confini che trincee,
dei primi so che ne conosco tanti,
troppi, sospetto, per una vita sola.

Delle seconde mi fan paura i topi,
i ragni, gli incidenti e gli imbecilli.

Sembrano soltanto accadimenti
qualcosa che la vita ti presenta,
bestie piccole e grandi, compagni
d’avventura e di viaggio, allucinazioni.

Insomma personaggi, maschere,
stonature, immagini confuse
e ricorrenti.

©Abner Rossi (29 ottobre 2020), qui:
https://rossiabner46.wordpress.com/2020/10/29/viaggio/

*

luce del mattino

Luce del mattino imperla la risacca
serafiche le orme impresse sul cuore.
Ancora pallido e arruffato il giorno
stiracchia le prime voci innamorate.
Profumo d’unione sposa il lenzuolo,
s’ammala di solitudine al distacco,
ma il pieno d’amore dentro mi scalda
in me è il sublime insonne bivacco.

di Daniela Cerrato, qui:
https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/2020/10/27/luce-del-mattino/

*

Anna ho comperato un pezzo di terra
ho un cavallo, una frusta e sollevo la polvere
e chiamo il vicino e gli tocco la spalla
oppure un altro, un sogno più piccolo,
io e te insieme abbiamo una stanza
e abbiamo vetri contro il vento e la pioggia
e un cuscino un po’ grande che basta per due;
guardami in faccia ho gli occhi castani.

di Tito Balestra, qui:

Poesie ritrovate: Tito Balestra | L’Altrove

*******************************************************************************************

30 pensieri su “Gioielli Rubati 116: Adriana Gloria Marigo – Alessandro Gianesini – Cipriano Gentilino – Isabel De Santis – Marco G. Maggi – Abner Rossi – Daniela Cerrato – Tito Balestra.

  1. Adriana Gloria Marigo (da FB)
    Lietissima, grata, Flavio, di essere nel tuo “Domenicale amArgine” insieme con i poeti scelti dalla tua attenta esigente lettura. Un caro saluto domenicale ☀️

  2. Buonasera, leggo un parterre succulento. Mi fa piacere ritrovare tra i presenti autori che rileggo con piacere dopo tanto. Un appuntamento immancabile questo spazio paradisiaco, dedicato alla poesia. Un grande grazie per la dedizione. Ciao Flavio.

  3. Pingback: Gioielli Rubati 116: Adriana Gloria Marigo – Alessandro Gianesini – Cipriano Gentilino – Isabel De Santis – Marco G. Maggi – Abner Rossi – Daniela Cerrato – Tito Balestra. – sourab titrés

  4. Pingback: Gioielli Rubati 116: Adriana Gloria Marigo – Alessandro Gianesini – Cipriano Gentilino – Isabel De Santis – Marco G. Maggi – Abner Rossi – Daniela Cerrato – Tito Balestra. — almerighi – cipriano gentilino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.