La prima immagine

Fuori capinere, qui pagine
di un libro aperto che,
per una corrente lieve,
imitano movimenti d’ali
e spettacolari sorrisi.

Poco è bianco
dentro il difficile a dirsi
in primavere trascorse.

Pare sempre troppo
il vuoto da riempire
tra un freddo e l’altro.

Il cuore sa come
potrà contenere il nudo
della prima volta.

La sigaretta accesa,
già spenta per distrazione.
La cenere mai caduta.

Questa è la prima immagine
che ho di te.

29 pensieri su “La prima immagine

  1. Il finale mi ha lasciato a bocca aperta…questa poesia è un sentiero che porta un caleidoscopio di immagini, fino a raggiungere il culmine più intimo nel distico finale. Complimenti, Fabio

  2. saper contenere fotogrammi di bellezza è prerogativa del cuore innamorato; simpatico il particolare della sigaretta non fumata che racconta l’intensità dell’emozione… la prima immagine non si scorda e diventa sublime poesia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.