Gioielli Rubati 105: Lucia Lascialfari – Maria Pina Ciancio – Carmine Mangone – Alice Salvo – Loredana Semantica – Franca Alaimo – Enzo Catania – Nicola Leonzio.

Come sempre, grazie a Daniela Cerrato.

La rubrica è anche qui:

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/

L’uccellino ferito

Si pratica della presenza del mondo
in quell’ala sanguinante
si negozia del generale
levare
dalla vita
il superfluo come Michelangelo
dal marmo
riportando alla verità solo
l’indispensabile.
Qui come a Tabriz
qui come a Palawan.
Il gatto
gioca
col moribondo
ferale ironia.

di Lucia Lascialfari, qui:
https://www.facebook.com/profile.php?id=100000166383194&__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARBRc2fp8B_1Iu_rx3asLHTvGKGepishORCb57vJ_LB2VKTKLTtWPiDARDzzuU8ePYLtlRB4RFk_sTnI&hc_ref=ARRoJbK26l46DWRg3_Al_xOnEhNrsF7gPDMm7ZEzBhPY-SwUva_Iw3ecegoLSKsvvwg&fref=nf

*

Arrivava sempre qualcuno
di notte
a curarle l’asma e l’insonnia
a ricopiarle in bella i suoi versi
ma il silenzio di Marta
è un sentiero di bosco
un grido di terra
che sverna tra i campi
che inciampa e ricade
poi s’alza

tra fuochi fecondi
assetati di luna

di Maria Pina Ciancio, qui:
http://www.noidonne.org/articoli/raccogliendo-ciottoli-nel-torrente-della-vita-02875.php?fbclid=IwAR2CDgseByac1YDYZMn1_QBPK62yNbBx5G6SGx3Bt1fDOnNpQE41Ei7bGRo

*

In una poesia circondata dal
mare,
chi è che circonda a
sua volta l’acqua?
Il paese della tua bocca
mi accoglie nella
scienza dove frana ogni voce.
Il cielo sbadiglia.
La luna mi sveste fino a farmi
cantare ogni più piccola foglia.

[ agosto MMXX. dedicata. ]
di Carmine Mangone, qui:
https://www.facebook.com/carmine.mangone?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARBVYh1AFrpFJioxJdaMdS3htBWyoRseoW6Zot5fQPKtFNtQxajkdsa5JxjCJyPM-eAb4KPqF9GtpHOS&hc_ref=ARR4Bk95FUp985JNIXF-KDNylEBtAlKCMLHsOSlLsHou37b3EEsX5v2-XMUqnfzyGRk&fref=nf

*

L’attimo

L’attimo fugge
mai sarà come prima
e se torna
avrà un altro sapore
tanti attimi incontrati
e poi portati via
il tempo è ora
né prima né dopo

di Alice Salvo, qui:
https://lafigliadipascoli.wordpress.com/2020/08/09/lattimo/

*

Le ombre bisogna vederle
altrettanto i colpi di luce
la profondità è accoglierli
nel proprio grembo
come fossero rose raccolte
nel giardino di maggio
foglie secche d’autunno
una nidiata appena schiusa
di pulcini.

di Loredana Semantica, qui:
https://www.facebook.com/loredanasemantica?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARBVOdQa7duNUgl2a7Czmc4kdzh8_QOcCr3HLCOcjwxjCp6ydF3sMRxY8ByUQpTojxP8G0KPTU29uuCv&hc_ref=ARS-sn0Yx-5_IbtB-AZ76wEVHK-AWsbo9LUwVT3ZrEtgBJdXnizQLEQwhy_cfixyBWc&fref=nf

*

Raschiare il pericarpo del linguaggio
trattenerne sotto l’unghia l’aroma
trarne fuori il seme e metterlo a dimora
nel buio del proprio inverno,
nel letargo della memoria, nel sogno,
aspettando che arrivi la stagione
in cui il dolore si alza su uno stelo
tutto dipinto di colori,
clessidra del cuore capovolto.

di Franca Alaimo, qui:
https://www.facebook.com/franca.alaimo.96?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARC2e7sn3KTvKA55TvDC_J5dZ-VhVrePmNceiPD4x9bHPlH3gQMT_9LLwHqLlKT0MqR_G7KuM497Jn1s&fref=nf

*

APRIRO’

Lascio il mio tempo,
questo tempo in salita,
il vivere in silenzio,
questo momento senza gloria,
tempo senza storia.
Aprirò il cuore ai disegni incisi
sulla pelle, dentro la carne,
dentro gli occhi,
sulla scia di balocchi.
Aprirò me stesso al riflesso
della luce
che arpiona e si staglia
negli incanti della bellezza.
Aprirò la mente alle assonanze
degli amori in cui trovo
il punto di collisione
nella pienezza del mio sangue:
specchio del mio essere

di Enzo Catania, qui:
https://www.facebook.com/enzo.catania3

*

CANZONE DEL CONFINE

profili di mura sul tramonto
e una terra distesa a margine del fuoco;
sabbia si avvita al vento
e l’occhio del turbine racconta:
è uno straniero

passo che affonda nel torpore
orme che il mare intride
e colma con le nenie di un ritorno;
dita leggere che carezzano
un corpo arreso
un sogno percorre i fili d’erba
fruscio dell’invisibile
di un’aria trasparente che sussurra:
è uno straniero

è uno straniero e deve separarsi
perché quel che gli accade
è il libro bianco del mattino
sfogliato dalla stella silenziosa
che brilla sul porto senza vele;
è il libro nero della notte
che narra le madide sartie
e la tolda che cigola
e il timone che ha perduto la rotta
in un mare di stelle senza porto

di Nicola Leonzio, qui:
https://www.facebook.com/nicola.leonzio.7

*******************************************************************************************************

12 pensieri su “Gioielli Rubati 105: Lucia Lascialfari – Maria Pina Ciancio – Carmine Mangone – Alice Salvo – Loredana Semantica – Franca Alaimo – Enzo Catania – Nicola Leonzio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.