Ascolta & Leggi: Pink Floyd e poesie di Tiziana Pizzo

Un’autrice che seguo da decenni, sconosciutissima, schiva, meritevole di lettura e attenzione, per il sangue e la carne che evoca ed esorcizza nei suoi pezzi.

vita o morte che sia, che vuoi che me ne fotta

mi sospiro insonnie sordocieche
tra un dente e l’altro sotto palpebre agli occhi
chini ad alba molle (un’altra) senza
articolo prima del nome che così
ha detto la maestra Mirella
e non si scappa

sbaglio apposta a declinarmi pelle
così se non capisci domani o dopo
ti mando qualcosina e in cucina ci vado
senza scarpe che mi piace
il freddo su per i polpacci e il duro
bacio a coppia pianta nuda

conta le sillabe – mi dicono da dietro –
contale ora

ma ho perso i pari e il resto tutto
non mi torna così come noi due andati
per le terre e le onde e gli odori e le
morti d’altri libri d’altri che
se solo sapessi come si fa l’inchiostro
ci bagnerei ciglia lingua maiala e
cuore
così da scoparmela di strazio e intera

vita o morte che sia, che vuoi
che me ne fotta

*

Il fatto, l’avuto, il detto, il morto

risaccano per onde autunne
perfette
le tue collere alticce d’altro tempo

mi c’impasto la lingua burattina
ora
che appendo al chiodo rugginoso
labbra secche labbra asciutte
labbra
per saliva e sangue

basta
camminare sulle acque rotte
che c’incantarono d’umido le dita

basta
leccarsi d’amore tutti i buchi

basta
sguardarsi nuche saracene e contraddette
in deserto di letto e suo sfacelo

basta
soffocarsi pupille in overdreams da soldi
quattro e quattro ancora

sprango giostra e baracchelle belle
che la strada dell’altrove mi strachiama
per danze all’incontrario lune frittate in mezzo
al cielo poi vinirossi a fottermi
la gola

che tanto tutto il fatto l’avuto il detto
il morto
rimane solo
chiacchiera da bar

*

ti venisse in mente di baciarmi

d’incuria sudicia è fatto il distacco
e piazza vuota

mi ci fatico qualche passo malfatto, persa
la meta mai sorrisa,
fino all’altalena rotta e troppo blu
proprio a sinistra – vedi ? –
del cancello

due in strada mi chiamano sorella
(colpa dei piedi scalzi,
immagino)
ma io mi so scrociata estrema mi so
bestemmia da mascella
mi so confine

così tiro dritto per cantilene senzacristo
poso gli occhi sulla lingua e chiudo
la bocca

mi servirà a guardarti meglio la gola

semmai
ti venisse in mente di baciarmi

*

la farfalla che t’inchioda il braccio

getto plastica che non taglia e
garze
oltre la farfalla che t’inchioda il braccio

spruzzi acqua ingiusta poi
maledici bottiglia testaingiù e tubicino
che ti gocciolano – mamma, ma quando finisce ? –
nel rosso vischioso che ti trasfusi marzi e marzi fa
la presunzione d’un antivirus che, dicono,
forse

volevo farti entrare alla seconda ora di martedì

invece
mi saluti ogni sera dalla settima finestra quando “fuori
fuori” urlano arpie verdi biancozoccolute – vi ucciderei,
troie –
così ti lascio piccolina a dormivegliare sul letto a ruote
in stanza con mariana (treccine bionde
rumene come lei) frutta sopra frutta sotto
il comodino

torno a casa notti ottuse senza te ora che
ingoio terrore tritato in mezzo ai denti gli stessi
che di giorno ti sorrido

e nessuno a capirti l’occhio

*

Dell’io tutto che ero

è la terza volta, oggi
che mi s’appiccica addosso l’inganno unto
dell’io tutto che ero

la prima è stata per specchio sonnolento
sordo agli schizzi così preso
dell’arco rosso fuggente come nulla
all’acqua grande

la seconda per notte che non cade (che mai
ti sono stata laccio, mai galera) dire
la terza, poi, è come avere sposato il mare
e non fotterci mai

in ogni caso, spero non ti dispiaccia troppo
il nulla stronzo
che sono diventata

************************************************************

Tiziana Pizzo vive con la sua famiglia sugli scogli tra Acitrezza e Capo Mulini. Ex giocatrice professionista di pallavolo (vinse il titolo di Campione d’Italia con la sua squadra catanese nel 1980 e annovera numerose presenze in azzurro), insegna educazione fisica da decenni. Sue poesie sono apparse nella sua raccolta monografica “Del mio scriverti muto” e nella raccolta di autori diversi “Anatomia d’un battito d’ali” (entrambe edite da “Liberodiscrivere Edizioni”) e nell’antologia “In senso inVerso (Giulio Perroni Editore).

8 pensieri su “Ascolta & Leggi: Pink Floyd e poesie di Tiziana Pizzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.