Gioielli Rubati 82: Antonio Bianchetti – Nadia Alberici – Andrea Ponso – Bruno Lugano – Luca “Yok” Parenti – Lucia Lascialfari – Mariangela Gualtieri – Donatella Giancaspero.

CLOUD ATLAS (ATLANTE DELLE NUVOLE)

“…la nostra vita non ci appartiene.
Dall’inizio alla fine siamo legati ad altri.
Passati e presenti.
E da ogni crimine, da ogni gentilezza,
generiamo il nostro futuro…”
(dall’omonimo film delle sorelle Wachowski e Tom Tykwer)

Noi siamo i giudici
noi siamo gli imputati
Non si ferma il girotondo
di un’immensa folla
per condurre il ballo
dentro le foreste dell’umanità
verso un altro nord

Ogni albero vive con le fronde
insieme all’altro
per trattenere l’aria
Le sue radici vogliono
amare l’acqua
e misurano il fondo di un abisso
per vedere dove arriva il cielo

Da bambini
abbiamo torturato le lucertole
e accarezzato di una libellula le ali
Le nuvole chiamavano altre foglie
per udire
le parole nascoste
racchiuse nelle mani da lavare
Perdoni o colpe
impresse nell’immensità
che ognuno di noi
finisce per amare

Antonio Bianchetti, qui:
CLOUD ATLAS

*

IO SPECCHIO

i sono fermata qui infatuata dalla luce
E il tetto blu della casa in fondo

Ti avevo detto che il sangue poteva scaldare l’erba
Nel torrido aumento degli ansimi

Primarie furono le due nuvole sgravide
Che immobili solcano

Mi specchio nei quadrati di luce
E nei gomiti blu dell’ombra
Come fossero nel mio viso dentro

Io sono specchio
Tu la vita che mi dispone.

di Nadia Alberici, qui:
https://sibillla5.wordpress.com/2020/03/04/io-specchio/

*

Fucine d’aceto e cenere; agli stinchi
abrasioni, seccate le fauci; Afganistan,
Pakistan, con un filo di voce; i berberi,
le berbere e i loro mai avuti baci. Croste
lungo il costato, a contrattare, a fissare
prezzi sputando come un appestato. Poi,
analgesico e tossico insieme un angelo,
altrettanto sporco e morente, gli porse
lentamente le ultime bende.

di Andrea Ponso, qui:
https://www.facebook.com/andrea.ponso.9

*

Tagliarsi la lingua
Più difficile che tagliarsi la mente
Fosse possibile farsi deriva totale
Finire in qualsiasi buco del caso
Riposarsi fino a fare stancare il cielo e la terra
Sto imparando a morire
non a sopportare umiliazioni ed ombre di grandi umiliazioni
Per imparare a vivere.

di Bruno Lugano, qui:
https://www.facebook.com/BrunoLuganoPoesia/?__tn__=kC-R&eid=ARBByYg4xx8fbQ7hCdQAaWUoTG2a9J8XBkA1Vq38eDuLO0NEr9Rj5yVN0wVZFiiXu6Is3MTdzOVdri01&hc_ref=ARTlV5xy96Pp3SUdSBwZ0Bndbj0xEeVTjZWOS5IBDKbeo8BqxAsKh1OmwUDcLTMgaOY&fref=nf&__xts__%5B0%5D=68.ARAyGPH3ekkDw-5k-XHSKHmVq-OlfjV50HofQUdCeXoCvJ_21JMLruT_T8z66Ucv_N_95R8iUVt9hDBBLRn_tQevlAR89-vbNo53_AdvUlSCufwcJdcshH_M7O0UTn2zoMOmRXtUr9WtLD9UCPjFcqDLonhi-7XJme2X7BZYQcy_v1ut6kTxukbfFLSxv6YabyhtugLdkYAqYSCTwCTVVUe8-x2Hi-eF__vEg4o-AC7VIdwOWqjPdaAzF1tSDRxIqaVWQlriPZnrRcDbJ3X3fYKruhNItHxDkMoSroMYdBNDaFLZdd-avEodcbFo1yK9-TfpbnQ8gBm7d5uazGTP4IAnv3eP8qlxH3NaqSYUaDXpstCFNl1Z43k

*

Chiuso in casa

mi chiudo in casa
il pettirosso fuori
m’osserva sgomento
beccheggia oramai solo
infezione e vento
m’illudo di protezione
da inazione io animale
sociale. in realtà godo
dell’isolamento e credo
sempre meno al prossimo
tuo come te stesso.
chiama a sé chi ama.

di Luca “Yok” Parenti, qui:
https://yoklux.wordpress.com/2020/03/07/chiuso-in-casa/

*

Interrompiamo la fretta di agire.
Possiamo finalmente fare poco
e farlo poco alla volta.
Guardare il cielo
sollevando gli occhi sulle nuvole
che reggono beffarde tutti gli aerei
che avremmo voluto prendere.
Ora si deve immaginare
e amare e cedere il posto a chi non può.
E’ tempo di non decidere
e far contare l’attesa e la pazienza.
Di osservare le camelie sbocciare
giorno dopo giorno
si apriranno un poco.
Ora è il tempo dei figli dei cani
dei nostri vecchi.
Quel tempo che non avevamo mai avuto
adesso viene in dono
in cambio di avere riguardo.

di Lucia Lascialfari, qui:
https://www.facebook.com/profile.php?id=100000166383194&__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARAnjc_AMspTl9uH3FCO1zs1n4cAhdPHGgTYgJ_tTR3c_kX741Z_Htj9xzLh4imAQjhVP3VyoY9OdyJ-&hc_ref=ARRrWtJufjubZ0OilAM4x_LGGGSI5PjsO7ZpJCRbC1MWajojR6a_isFadtlFt764OYM&fref=nf

*

Nove marzo duemilaventi

Questo ti voglio dire
ci dovevamo fermare.
Lo sapevamo. Lo sentivamo tutti
ch’era troppo furioso
il nostro fare. Stare dentro le cose.
Tutti fuori di noi.
Agitare ogni ora – farla fruttare.
(…)

di Mariangela Gualtieri, qui:
https://www.facebook.com/Mariangela-Gualtieri-62322386104/?__tn__=kC-R&eid=ARCGCcKgjIM64Qox94BUiane34jMXvEODTEksrKoRy_s4_en2O65J7Mt3J5WlqelvDx4gfupQUjvgIKH&hc_ref=ARRY3gzK2XT4cnPrr0RMFVWKifEHKySe4PrJd9e2fawzd28cpch_FVhd5DzKLm7D1Uo&fref=nf&__xts__%5B0%5D=68.ARBZQ2b3J4LntIl9h_udHcKKBK0dHbUS3bIcWQAGeCfbvtXcTyRhH6_jGm80FPTokTgOK5RocvWMtq77pIilqPVUsCpvZVXWqHMZqzxBMp0F9oLT-6lr2jrqdxVjaymTjndMU7mM9-_9NwtPUPevEz01Gy-bm1HXWMWmULJGMXIYAn9-a2hq8CxvSpAOSjZDmFj5YES_wdiuO_BLOzMf6M-Pmi650zZ4lztMp5_V2Iq3pZ8x1ipOQvfFs-F5iDxKsvSMu2wxBvjwxLSunmVVniVIDZZCIbCpWHyd2DQ_YGPRISx4nwtal0mX_j6rbLBcIoGUf_1jtl3paGJTdA

*

Technicolor dream
a Nanni Balestrini

Donna abbastanza per essere uccello
se ne strafotte della teiera turchina la signorina
di quell’altra acciaiata appollaiata sul punto croce
di una tagliacuce sottratta al plusvalore

del bordello acca-ventiquattro come il Carrefour sotto casa mia
per quanto più acca-ttivante sia l’Eurospin in via della Poesia
se la ride irridente per il dente estratto alla lingua
che non batte più nemmeno tre colpi dal piano di sopra

e uno in testa a chi so io scrive sulla piattaforma
dove un tempo era vietato sostare dopo le finte amare
del love bombing scoppiato sul binario dello scambio di coppia
chissà se lo doppia nel cretto asciutto del letto la sintonia dell’orologeria

di chi scrive sotto dettatura passando da un cane all’altro*
sulla scena del cane che brucia fiducia nell’incensiere del Sé
vede l’ala della signorina technicolor dream candida senza candida
perciò non sapendo perché dice ciò che non è

dell’assenza in dissenso sulla sedia desolata
una sola per tanti migliori a sedere
il sedere di fuori fanno ressa per entrare
nello stretto sfintere.
________________________________________
* Nanni Balestrini, Caosmogonia (Mondadori, 2010)

di Donatella Giancaspero,qui:
https://www.facebook.com/donatella.giancaspero

*************************************************************************************

26 pensieri su “Gioielli Rubati 82: Antonio Bianchetti – Nadia Alberici – Andrea Ponso – Bruno Lugano – Luca “Yok” Parenti – Lucia Lascialfari – Mariangela Gualtieri – Donatella Giancaspero.

  1. Ciao Flavio
    eccomi qui in giorni di sosta, che per noi casalinghe è tutto dire….
    aspettare e leggere volentieri i tuoi autori, le loro opere e una vera manna.
    Grazie a te e a tutti i tuoi autori.
    Buona domenica
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.