Gioielli Rubati 81: Caterina Rotondi – Gisella Canzian – Elettra Verganti – Bruno Navoni – Chiara Marinoni – Mariangela Ruggiu – Lucia Triolo – Iole Toini.

DALLE DONNE E PER LE DONNE: BUON 8 MARZO

I sogni non si arrendono

Il tempo
è generoso con me.
Non conterò
ogni alba che nascerà,
ma i fiori
che sbocceranno.

Non conterò
le stagioni
a cui andrò incontro,
ma le stelle
che brilleranno.

Guerriera del cambiamento.

L’attesa,
è dentro di me.
Non è il tempo che conta
finché,
i desideri vivranno.

Forse finirà
la mia illusione,
ma… i sogni
vanno oltre…
non si arrendono mai.

di Caterina Rotondi, qui:
I sogni non si arrendono

*

L’acqua del fiume scorre –
alla foce raccoglie
scorie – nutrimento –
e nel lago regna
con una quiete che ascolta
il solstiziare del tempo
che col passo conduce
e assesta.

🦋 di Gisella Canzian, qui:
https://www.facebook.com/gisella.canzian.75?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARAqssV3O8Db9AYLuqWGZvwNZ7MocHW6RiPXjZwxb8ZKl0qr7UKmMQlqmdvI7ijzNK8TLTzl5dok6GoR&hc_ref=ARTz-LwZlpAIqI6AoZB9AcacOlNH2tmKAbsF1oPTzaxqyZzEtLc82E83u5EBdGJuQ7Q&fref=nf

*

INVANO

Ho tentato
di riavere la mia pena

così

quasi cercassi
un muto conforto risaputo

o la mite ombra intiepidita
delle sere estive

eppure

nulla può il mio volere
contro il luminoso
che fuggitomi
dal petto

l’ha svanita

di Elettra Verganti, qui:
https://www.facebook.com/Elettra.Verganti/

*

DONNE

Quando l’ammazzarono nel 1962 aveva 36 anni,
io facevo i miei quindici
e non ci capivo niente.
Al bar, vicino a casa, dicevano che aveva
le gambe un po’ così, ma che
metteva calore.
Le avrei dato un bacio sulla guancia,
l’avrei portata sul corso, fosse passata di qui.

La moglie di Bogart, Lauren Bacall…
quella mi piaceva tanto,
ma tanto di più.
Lei ti faceva vedere le gambe senza
tirar su la gonna. Davvero.
Prima di ascoltare De André avevo capito
dove stava il paradiso,
quello nostro.

Poi ce ne furono tante altre, e poi
venne B.B.
C’hanno fatto canzoni,
poesie,
l’hanno mostrata a tutti,
ma quando ha recitato in quel film di Claude Autant-Lara
ho capito la differenza fra una donna pubblica e
una donna libera.
Le prime non sanno chiedere scusa
e non sanno cos’è il peccato. Non ne conoscono
la bellezza.
B.B. è stato un corso veloce verso l’ignoto.

Poi ho visto Anna Magnani e ho capito che cosa
deve fare un uomo per sentirsi degno. Ma io non
ci prendevo.
Poi ho visto la Mangano: figa, direbbe mio figlio.
E poi Fanny Ardant: alta, mora,
aristocratica quanto serve, unica se non ci fosse
stata la Garbo.
La luce e l’inferno,
la luce all’inferno, un po’ Isabelle Adjani,
un po’ Sophie Marceau…
Poi è arrivata finalmente quella che ha semplificato
tutto: su un divano, in ascensore,
per terra: col culo, le lacrime, le coccole:
Moana è come se mi avesse detto: vieni,
che aspetti. Basta film!

di Bruno Navoni, qui:
https://brunonavoni.wordpress.com/2020/02/28/donne-2/

*

Nel bagliore di questa giornata il sole tra i fiori.

Brillante l’idea
un soffio muto
e l’ardire è infinito
il sole lo sa, incenerisce
chi osa.
Da lontano s’apprezza
il tepore, un abbraccio
uno sguardo sfiora
il mattino silente.
Dolce l’attesa
del tramonto
raccoglie perle
filati preziosi
di arazzi che all’occhio
perdono fascino
nell’era attuale
di uno scatto fugace
il tempo ribatte
l’infinita bellezza
del cuore che vede
oltre il brillare.

di Chiara Marinoni, qui:
https://chiaramarinoni.wordpress.com/2020/02/29/nel-bagliore-di-questa-giornata-il-sole-tra-i-fiori/

*

c’è un momento nella sera
che anche il corpo scivola
come il sole al tramonto

e diventa, il buio, il grembo perso

così affondo nel sonno profondo
sempre più profondo e distante
senza sogni, senza dolore

cosi posata come una cosa
non voglio tornare, ma è la tua voce
che mi chiama forte e mi riporta
nel mio tempo incompiuto

ti parlavo d’amore allora
quando non conoscevo
le possibilità del male, ora
sono consumate le parole

dormo con te, e non conosco altro modo

di Mariangela Ruggiu, qui:
https://www.facebook.com/mariangela.ruggiu?__tn__=%2CdlC-R-R&eid=ARDYH-W_T465TRo9tF4oLkbP9YrFtMyy3vwE-LgE_9_xEYAqsZ7cBzpCopXw85CmD9JyxZaF-BP9cXlz&hc_ref=ARRxlcj5iSLY8UURp_fmQL5111wq9wkoc3a6yfBfjEMxkQig9yoLJBTeqeA08SmA4mE

*

Aria di gioventù sbrigliata
impigliata a mattini insepolti
solo appoggiati
a fumo
a un profumo vivo cerchiato sulla pelle
a una scondannata sete:
scalzi è bello!

la sera dopo il vino
non ci sono mezze misure

di Lucia Triolo, qui:
https://www.facebook.com/groups/1765609773652359/?multi_permalinks=2554295478117114&notif_id=1583056095996407&notif_t=group_activity

*

Sopra le barche

Anche oggi dalle mani digiune sgorgano canzoni.
Le canzoni abbracciano gli scogli. Diventano alghe, escrementi.

Sopra le barche gli uomini cantano. I canti sono onde, vanno a corpi di luce.
Sopra le barche si inventano i nuovi colori, nomi di stelle, confitti alle gole.

Quando piove si spande la nota delle canzoni blu.
Hanno occhi luccicanti. Hanno mani intrecciate alle sponde.

Quando piove, le canzoni con i piedi piccoli risalgono i colli delle madri, inventano un altro orizzonte.

Di quell’orizzonte si cibano beccacce.

Lungo le spiagge si raccolgono le ciglia invernali, si stendono i drappi, si torcono panni di voci esplose.

Ognuno ha un fiore da sotterrare senza colore né terra né nome.
Ognuno ha una luce da nascere.

La grazia è sospesa nel sangue.

*

Marcire tutte le cose viventi.
I semi non andranno perduti.

di Iole Toini, qui:
https://ioletoini.wordpress.com/2020/02/21/sopra-le-barche/

************************************************************************************************************

15 pensieri su “Gioielli Rubati 81: Caterina Rotondi – Gisella Canzian – Elettra Verganti – Bruno Navoni – Chiara Marinoni – Mariangela Ruggiu – Lucia Triolo – Iole Toini.

  1. Ciao Flavio
    Grazie! Complimenti alle autrici e anche a Bruno per la sua Donne
    Impagabile questa lettura di oggi; tutte molto belle. Auguri a tutte le donne🌾 perché siano sempre giorni di poesia.
    Chiara

  2. farti i complimenti per le belle poesie che hai trovato ormai è un’abitudine…chi dice che la bellezza è perduta? grazie un bel pensiero per questo 8 marzo così spento…chissà forse ritroveremo qualcosa di noi che ci farà apprezzare di più le piccole cose….Buona salute Flavio ! che di questi tempi….

  3. grazie Flavio, in questo momento la poesia mi dà quell’abbraccio che dobbiamo negarci… e qui ho trovato tanti abbracci, grazie a te e a chi scrive e rende vivo questo tempo

  4. Caro amico,molto bello questo tuo pensiero che nasce dal cuore, vive nel tempo.
    Non come semplice ramo di mimosa “vive solo un giorno” ma…come pianta, libera…vive tutti i suoi giorni,senza essere “menomata” della sua naturale evoluzione.Libera nella sua crescita,senza nascondere le sue radici profonde, nascono dalla sua forza che non si arrende mai,resistendo nel tempo alle intemperie…di ogni genere.
    Ancor di più l’apprezzo,questo gesto,sé fatto…da un uomo.
    Grazie,mi ridai un po di quella fuducia che avevo perso…non su di me ma…sugli uomini.💞

  5. Tutti componimenti speciali, ognuno con la sua peculiarità che li rende unici.
    Sino lieta di essere tra voi; sento forte il bisogno di poesia, ma anche di tanta condivisione!!!
    Grazie a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.