Gioielli Rubati 78: Giulia Martini – Donatella Giancaspero – Silvana Dal Cero – Paolo Caianiello – Daniela Cerrato – mimi – Biagina Danieli – Enrico Marià.

Marta non m’ama ed io non l’amo. Pure
cosa rimane nella nostra vita
da quando disse – Tra di noi è finita –
è un’apocalisse con figure
michelangiolesche, botticelliane.

Le primavere botticelliane –
che sembra lei quella chiamata Flora –
potessi almeno rivederla ancora
al plenilunio, tra le ipecacuane.
Ma se la rivedessi, che direi?

Ma se la rivedessi, che direi?
È una domanda che mi faccio indarno
mentre attraverso i ponti sopra l’Arno
pieni di sampietrini e di cammei
d’onice incisa come Dio comanda.

Resto indecisa – come Dio comanda –
tra vivere e morire o continuare
a leggere e ripetere e amare
le mie abitudini di laureanda
in Letteratura contemporanea.

Ma Marta non mi è più contemporanea –
ormai declina a un lontano passato
la rondine il futuro trapassato –
curiosa ancora ma già estranea
come galassia in allontanamento.

Di quel tuo passo in allontanamento
non mi dimentico le calzature
Vans, e che va di moda la texture
sulle Dottor Martins – e non commento
il tuo seguire la moda e la morte.

Marta che muore della nostra morte
come una martire preraffaellita
e che mi disse – Tra di noi è finita –
usandomi una voce aspra e forte
quasi fosse una voce buona e giusta.

È veramente cosa buona e giusta
a queste vie simmetriche e deserte
rimettere le rime che ci ha inferte
la nostra ingiusta vita incombusta.
Pur Iulio suona ancora di lontano…

Marta non m’ama ed io non pure l’amo.

di Giulia Martini, qui:

Giulia Martini

*

Cinquantacinque

Una valigetta di legno – in dotazione nella Seconda guerra –.
La cassetta: lì dentro, quell’odore chimico.

Tra le cose smemorate, il biberon di vetro del Cinquantacinque.
In viaggio, da una periferia all’altra.

Alla presenza dell’onorevole in bianco e nero col pizzetto,
il cappellino di angora celeste, allacciato sotto il mento.

Riceve in adozione la bambola già adulta, mentre le poltroncine
di velluto rosso si slacciano nel vapore caldo della platea.

Dietro una quinta armata, fa il palo un vento di tramontana.
A ogni raffica, il sussulto del tempo.

Oltre cinquant’anni dopo, nella penombra di un’illusione, l’imputato,
assolto con formula piena, ruba ventisette mesi e un giorno.

Tenta il furto degli anni a venire, sventato per strada
dal numero cinque, nelle prime ore pomeridiane di ottobre.

© Donatella Giancaspero 2020, qui:
https://www.facebook.com/donatella.giancaspero?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARBBXkOuTSV6xteafUwsyF46gid9T5x-3k0Rc7DH3f8VEhqeXxkoUwE5s25GF63y9vh9lX75W5AOB0gr&hc_ref=ARS9kT6-ZTrrrYRPbvb8LnxdPZW9F7opODEabitzWYCortDEJ-SFtcVgR-NWhHXU_lM&fref=nf

*

Per frammenti

Per frammenti vivo
il multiprisma davanti a me
son io
cerco per frammenti la sua unità
…..
solo l’amore ricompone
l’unico essere
per frammenti
….
non ha un solo volto
un solo linguaggio
tentativi faccio
….
domani
nel solstizio
io rinasco.

di Silvana Dal Cero, qui:
Per frammenti

*

80 parole

Le tue scarpette rosse intrise di sabbia innamorano i gabbiani.
I capelli sono vele in viaggio
verso oriente e l’alma del tuo mare in tempesta m’ubriaca la vita.

Il faro non ama la quiete
e oggi c’appartiene la sua luce.
Amami qui, nel vento, e tutti i pesci dei mari domani parleranno di noi.

Amami nell’irrequieto cielo prima che possa rubarti l’azzurro degli occhi.
Amami adesso, ora.

di Paolo Caianiello, qui:
https://paolocaianiello.wordpress.com/2020/02/10/80-parole/

*

L’attimo

Il detto e il fatto sono un oltre d’intenzione,
un bacio dato è soavità immensa già uscita
dalla sfera di un desiderio abbacinante.
Vuoi mettere l’istante in cui si forma
il desiderio di avvicinarsi al labbro amato
e senza sfiorarlo respirare il respirato,
quell’attimo di ebbrezza in sospensione
in cui si attende l’unione dei silenzi?
Così medesimo è quel t’amo ancor non detto
che solo il cuore sa quant’è perfetto.

di Daniela Cerrato, qui:
https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/2020/02/10/lattimo/

*

M’insegue un presagio

M’insegue un presagio
cammina
(nel sole)
dietro di me

e poi da dietro un angolo talvolta
come uno sguardo intravisto
s’affaccia

e poi di fronte
arriva d’improvviso
come il profumo portato da un alito di vento
(sorrido).

di mimi, qui:
M’insegue un presagio

*

Che non ragiona
ma solamente vuole
l’amore abbandono
l’algebra del corpo accanito.

di Enrico Marià, qui
https://www.facebook.com/EnricoMaria2?__tn__=%2Cd-%5D-h-R&eid=ARDMNBtLxj3L9dI1Ac9EUdy1Sa58PnfHT0R3xeGNXigzMF6eine-V61q9j4Y2KiZ6k6C1CfLYeoh7F-E

*

Strafottuto amore

uno strafottuto amore
uno di quelli che ti strappa le budella
che uccide

uno strafottuto amore
che non hai scelta
che puzza di carne
e di sudore

di notti insonni passate a darsi
con fatica e sacrificio
per poi ricominciare
fino all’infinito
senza dire basta mai

uno strafottuto amore
che scortica l’anima
di giorni lunghi
senza respiro
nell’attesa di riprendersi
e ritrovare la felicità

uno strafottuto amore
che ti svegli la mattina
e hai voglia di vivere

di Biagina Danieli, qui:
https://biadoit.wordpress.com/2020/02/13/strafottuto-amore/

************************************************************

21 pensieri su “Gioielli Rubati 78: Giulia Martini – Donatella Giancaspero – Silvana Dal Cero – Paolo Caianiello – Daniela Cerrato – mimi – Biagina Danieli – Enrico Marià.

  1. Pingback: Gioielli Rubati 78: Giulia Martini – Donatella Giancaspero – Silvana Dal Cero – Paolo Caianiello – Daniela Cerrato – mimi – Biagina Danieli – Enrico Marià. — almerighi – Il Canto delle Muse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.