Gioielli Rubati 75: Leopoldo Attolico – Villa Dominica Balbinot – Maria Allo – Massimo Belfiori – Marcello Comitini – Chiara Marinoni – Alexandra Bastari – Patrizia Schettini Natrella.

Capo Passero

Sarà un bellissimo settembre; la vita è gratis!
-mi diceva il lapis
che proprio perché accecato dalla luce
cominciava a nutrire qualcuno di quei santi dubbi
che guidano all’illuminazione.
Per fortuna le premesse c’erano tutte :
bevevo a sorsi una giornata tiepida, incantevole
e dal mare veniva un’aria come di serpentello sul viso.
Ci mancava soltanto il respiro degli dei sulla nuca
e sarei stato a bomba ! Magnifico magnifico -pensavo
e non si paga una lira ! che forza ! adesso mi scateno !
Fui così sopra al mare con piglio di libellula
veloce , radente , imbavagliato dal vento
respiravo a fatica, quasi quasi illuminandomi d’immenso
col Giuseppe ammiccante in gamma fulgida …

Fui , nondimeno , uno spettacolo -triste- di luce
perché l’occasione era la stessa
che fa l’uomo ladro di un po’ di musica celeste
quando lo strumento si richiude :
non mi smentivo mai;
avevo perso per strada il lapis

di Leopoldo Attolico, qui:
https://www.facebook.com/leopoldo.attolico1?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARD-419-Qw0jYY1Oqh8jetHZuF4fw88vD62S9VPKT_dRiIeg6F-BCpQ5VfQu61WXYnru19-iW-Z1xLyt&hc_ref=ARSVrnhKcrHD1_y3GSs4vK-wfDYI1hOeiBRwU9kkhyHzzITYSRchKF16sf2yhWzrEe0&fref=nf

*

GIACULATORIA

Smagliata
da tempo ciclico.
soggetta
a lunghe stasi,
di manierismi compassionevoli
mi armo,
e scantono
– quietista –
lo scialo di morte.
Guscio di lamiera
imbraco,
al protrarsi dello stridente
scasso del crucifige.
Al dunque
– in immemore immobilità –
ai vani conciliaboli
incalzata
dal tracimante
panico scorrevole
affronto infine scarna
l’ossatura ontologica
del puro niente,
io al niente adusa.

di Villa Dominica Balbinot, qui:
https://lostrettospeco.wordpress.com/2007/11/15/giaculatoria/

*

Tienimi

Questo è il mare oggi.
Penetra il futuro che ci aspetta
in bianchi flutti mentre la terra
risuona con la sua ombra
nel rogo di un’assenza.
Tienimi con te come un fruscio
di palpebre socchiuse
pulsa nel tuo respiro
finché il vapore dei fuochi
nei vortici del gelo
si offra a qualsiasi dolore
per una volontà più forte
in pieno volo meglio dell’amore
come darsi ancora seminudi
a tutti i venti dell’abisso.
Più reale di una voglia improvvisa
è questo mio vuoto tra le mani.
curvo a ogni tua luce nello sguardo.

© Maria Allo, qui:
https://nugae11.wordpress.com/2020/01/19/tienimi/

*

Priceless

Nella nebbia

Da solo
Guidare
Senza direzione
Divorato dai parassiti
Che mi crescono dentro.
C’è sempre una strada inesplorata
Nella pianura Padana.
È così
Che ho trovato
Quella vecchia bottega
Piena
Di ricordi
Che non mi appartengono.
Sul bancone
In bella vista
C’è una cosa soltanto
Priva di prezzo:
Il tuo sorriso.

di Massimo Belfiori, qui:
PRICELESS

*

Ignota notte

Tra mura erbose
nel vicolo stretto
da case grigie e anni
splendono luci gialle.

Nella sottile striscia di cielo
ignota notte ride
alle sue stelle.

Ai vetri ombre di volti.
I loro corpi dormono
sogni silenziosi.

Così nel cuore.

Un canto in amorosa eco
chiama
da un portone schiuso.

di Marcello Comitini, qui:
https://marcellocomitini.wordpress.com/2020/01/22/ignota-notte/

*

Grumi di assenze

Mancano i fiati
si adagia il silenzio
muto il passo, all’alba
si crede e poi, si cammina.
Scrivo e l’inchiostro macchia,
il calamaio non ha colpe
soltanto che col tempo secca
si accumulano le parole
illusione di passi nel vento.
Si diluisce con l’acqua?

di Chiara Marinoni, qui:
https://chiaramarinoni.wordpress.com/2020/01/21/grumi-di-assenze/

*

ACCADEVA DI DIMENTICARMENE

Accadeva di dimenticarmene
come una spugna accanto al lavello.
Ebbi solo un sussulto: non ti vedevo da mille pianti.
Lurido cane – ci ricorderemo mai
di stendere la biancheria al rovescio?

Siedo sola al tavolo – picchia soffocata
una forchetta in più al nostro pranzo.
È così:
notte umida, confesso una presenza dal fondo.
E il vento che soffia mi chiedo da dove parta.

(Bologna, 23 gennaio 2020)

di Alexandra Bastari, qui:
https://alexandrabastariscrive.wordpress.com/2020/01/23/accadeva-di-dimenticarmene/

*

Fare poesia

In fondo è facile
fare poesia:
due parole in croce
impastate
d’anima e lacrime.
Lasciate lievitare
ma non appassire
e condite copiosamente
di aggettivi leggeri,
la lievità s’addice al gusto.

di Patrizia Schettini Natrella, qui:
https://formefree.wordpress.com/2020/01/24/fare-poesia/

*******************************************************

30 pensieri su “Gioielli Rubati 75: Leopoldo Attolico – Villa Dominica Balbinot – Maria Allo – Massimo Belfiori – Marcello Comitini – Chiara Marinoni – Alexandra Bastari – Patrizia Schettini Natrella.

  1. Ciao Flavio
    eccomi qui a leggere i tuoi, oramai nostri gioielli. Amo questo momento della domenica è come il famoso pranzo domenicale con tutte le persone a cui vuoi bene, riunite a far festa. Splendidamente scritti, complimenti a tutti.
    Un abbraccio a te e sempre un grande grazie
    Chiara

  2. That was a remarkable and complete article… all of the tips tallied and explained will be valuable for the people who are wise enough to tap from it. Any business nowadays without electronic long range informal communication sign and proximity may not make it to the farthest, and adventure additionally is a bit of the best approach to accomplishment in business. Continue doing amazing.

Rispondi a Alfonsina Caterino Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.