Ascolta & Leggi: ricordo di Ubaldo De Robertis con Brian Eno

Caro Ubaldo, il tempo sta fuggendo. Fugge da ognuno di noi, impercettibile, implacabile. Sembrano molti coloro che hanno già dimenticato, semplicemente perché non sei più tra noi. Superata la lacrimuccia iniziale, ognuno di noi torna al proprio quotidiano fatto di abitudini e perdite di tempo. Già… il tempo, implacabile padrone di casa. Sappi comunque che, a oggi, sono tra coloro che non ti dimenticano. Un abbraccio.

Le poesie che seguono sono tratte dalla raccolta “Parti del discorso”.

(Formiche)

Nel breve periodo tutte erano in vita.
Non vive veramente.
Vive nell’indifferenza.
A nessuno veniva in mente di dar loro un nome.
Sconosciute anche a se stesse.
E nemmeno inducevano alla tenerezza.
E non sapevano fino a quando avrebbero goduto
del beneficio di esistere.
Poi le cose sono accadute.
E non hanno fatto in tempo ad echeggiare,
prima di franare nell’oblio
E non ci vuole tanta scaltrezza per indovinare
in quale alba erano nate, e quale notte le ha lasciate
affondare fra le fredde fessure della terra.

Continui ad illuderti sino alla fine, sedotto dall’essere
un nume o un cigno, che incruento sia il tragitto,
spietato, verso il nulla.

*

Prima che la mente mostri
i segni più umilianti del degrado, trovi
gli appigli più stravaganti per non decidere,
prima che la lingua bruci e penzoli
come un ragno, o un serpente, evento imminente,
prima di fermarsi, prima di essere altro,
piegherò la fronte all’inconfessato.
Quante volte mi sono premurato di difenderlo,
tenerlo per me, renderlo inaccessibile,
innumerevoli volte sono stato sul punto
di tradirlo, infrangerlo, violarlo, con sottile perfidia,
fardello troppo grande per un pover’uomo
che abita queste terre di fortezze crollanti
al semplice tocco delle dita.
Ma. nell’istante atteso, nel luogo meno oscuro
della memoria, nulla affiora. Solo il grigio sospeso,
ignote discordanze, segni indistinti, anteriori, innate inquietudini,
abitudini, nulla di serio. Assillo inesistente.

Lo sguardo inquisitorio della Luce
smaschera l’inconsistente mio Segreto.

*

(Nient’altro che un deserto)

Svaniscono
vessilli grancasse
calzamaglie e velluti
voglie e lacrime,
muti arretriamo
ai margini del tempio
scortati da luci fredde e vaghe
per trascinare,
nella notte antichissima,
i nostri travagli
a ridosso del cielo.

Nothing but a desert
Vanishflags and drums
tights and velvet
desires and tears
go back dumb in silence
the border of the temple
accompanied by cold
and vague lights to drag
in the ancient night
our troubles in the sky

*

(Velo di Maya)

Il reale si rivela
o è solo sembianza?
Ciò che appare
e non E’
un istante
fa mostra di sé,
senza tregua né fine
si dilegua
il riflesso del sole
sulle sfrontate spine
delle rose.

*

(A Galileo)

Mai che venisse meno la magia,
quando occhi minuscoli indagavano
spazi sfavillanti di atomi.
Un palpitare di stelle lucenti,
volteggi di crisalidi succinte,
lo stupore, il senso di mistero ,
vagheggiavo, grazie a te.
al tuo occhio gigante, lo sguardo sicuro, distante,
compresi l’immanente geometria del creato,
nuove profezie, l’inaspettato.

Tu che distanze stellari misuravi lunghe anni luce
liberando il mondo dalla costrizione.
Tu che mettevi in gioco la tua vita
per una stella nuova, decisa a dileguarsi,
e a ripresentarsi, la prova di un mutabile universo
che la ragione scosse, e grande apparve il disegno
di cui parte io sono grato a te,
la sensata esperienza che promuove
l’amore per la verità.
Solo per questo amore, profondo,
serbo la parola, la coscienza camuffa
la paura del divenire, placa
la baruffa dei sensi, abiura lo spavento
**************************************************

Alla cara memoria di Ubaldo De Robertis (1942 – 2017)

3 pensieri su “Ascolta & Leggi: ricordo di Ubaldo De Robertis con Brian Eno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.