Le cose non sono più parole.

Capisco quel che capisco,
il resto è appannaggio della lirica.
Le cose non sono più parole.

Immagina una scogliera,
marea affaticatissima di onde urlanti
sempre pronte a morire, rimodellare.

Torna il nero,
per una forma di partito preso,
ogni volta in cui il bianco vince.

È lo scoglio a fare il mare,
scampa a giudizi manierati
nell’unico modo credibile, rigettando.

Annunci

21 pensieri su “Le cose non sono più parole.

  1. Buondì!
    Che bella… se dovessi citare i versi – per me – migliori, non saprei quali scegliere e la citerei per intero. Al secondo posto – per me – dopo Uccidete i Cananei che m’è rimasta impressa da eoni che l’ho letta.
    :-***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.